Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

L'UE intensifica la sua strategia per collegare l'Asia e l'Europa

Bruxelles, 19 septembre 2018

La Commissione europea e l'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza hanno adottato oggi una comunicazione congiunta che illustra la visione dell'UE per una nuova strategia globale volta a collegare meglio l'Europa e l'Asia.

La comunicazione congiunta si basa sull'esperienza propria dell'Unione europea nel rafforzare i legami tra i suoi Stati membri e con le altre regioni e all'interno di esse. Imperniata sul concetto di una connettività sostenibile, globale e basata sulle regole, la comunicazione contribuirà a orientare l'azione esterna dell'UE in questo ambito e rientra nell'attuazione della sua strategia globale.

La comunicazione congiunta sugli elementi di una strategia dell'UE per collegare l'Europa e l'Asia è consultabile online.

"La connettività è la via del futuro. Più siamo collegati, maggiori sono le opportunità che si presentano per individuare soluzioni politiche comuni e portare prosperità economica ai cittadini" , ha dichiarato l'alto rappresentante/vicepresidente Federica Mogherini. La nostra impostazione è quella dell'Unione europea, che consiste nello stabilire reti più forti e partenariati più solidi per la connettività sostenibile, in tutti i settori e basata sul rispetto di regole comuni. Questo è il modo europeo per affrontare le sfide e cogliere le opportunità, a beneficio delle persone in Europa e in Asia."

Jyrki Katainen, Vicepresidente responsabile per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha affermato: "Vogliamo lavorare con i nostri partner asiatici per migliorare i collegamenti tra l'Europa e l'Asia, portando in dote i nostri valori e la nostra impostazione. Le reti infrastrutturali che saranno costruite dovrebbero essere coerenti, interoperabili e sostenibili dal punto di vista finanziario e ambientale. I bandi di gara dovrebbero essere aperti e trasparenti al fine di promuovere la buona governance e la parità di condizioni. Si tratta di un'impostazione valida e che è fortemente richiesta tra i paesi asiatici, nel nostro vicinato orientale, nei Balcani occidentali e oltre."

Neven Mimica, Commissario per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo, ha dichiarato: "L'UE e l'Asia sono partner importanti in materia di sviluppo sostenibile e di realizzazione dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite. La cooperazione allo sviluppo è un elemento essenziale del nostro impegno più ampio e del partenariato con l'Asia, non da ultimo nella promozione della connettività sostenibile. Intendiamo rafforzare ulteriormente il nostro partenariato e concentrarci ancora di più sul fornire assistenza tecnica, migliorando il contesto normativo e creando incentivi per stimolare e potenziare investimenti che sono assolutamente necessari."

Violeta Bulc, Commissaria per i Trasporti, ha dichiarato: "Le infrastrutture di trasporto sono la linfa stessa dei collegamenti dall'Europa verso l'Asia, trasportando sia persone che merci tra i continenti sulle ali della digitalizzazione e della decarbonizzazione. L'Europa porta avanti un programma di condivisione e impegno attraverso una delle reti di trasporto e dei programmi di finanziamento di infrastrutture più avanzati al mondo: la rete centrale transeuropea dei trasporti. La connettività è importante!"

 

Sostenibile, globale e basata sulle regole: la connettività come la intende l'UE

L'UE assocerà un'impostazione basata sui principi nei confronti della connettività e il riconoscimento che l'Asia comprende varie regioni, che ospitano paesi molto diversi tra loro in termini di modelli economici e livello di sviluppo, con azioni concrete basate su tre filoni:

  1. creare collegamenti di trasporto, reti energetiche e digitali e contatti interpersonali;
  2. offrire partenariati in materia di connettività ai paesi e alle organizzazioni dell'Asia;
  3. promuovere la finanza sostenibile utilizzando diversi strumenti finanziari.

 

Creare reti transfrontaliere

La presenza di infrastrutture e collegamenti efficienti crea posti di lavoro e crescita, oltre a permettere alle persone di muoversi. Dai collegamenti di trasporto alle reti energetiche, dai contatti interpersonali alle reti digitali, l'UE intende ampliare le proprie reti e contribuire a crearne di nuove al di là delle sue frontiere.

Le reti transeuropee dei trasporti (TEN-T) vengono estese ai paesi che confinano con l'Asia. Il passo successivo per l'UE dovrebbe essere di collegare le reti TEN-T con le reti in Asia. Il mercato unico digitale dell'UE fornisce un modello per migliorare gli scambi di servizi digitali, mentre la sua strategia Digital4Development favorisce lo sviluppo socioeconomico. Vogliamo condividere la nostra esperienza nel creare mercati dell'energia regionali e liberalizzati, con particolare attenzione alla transizione orientata al mercato verso l'energia pulita. Continueremo a promuovere gli scambi e la mobilità, ad esempio negli ambiti dell'istruzione, della ricerca, dell'innovazione, della cultura e del turismo.

 

Sviluppare partenariati bilaterali e mondiali forti in materia di connettività

Il nostro mondo dipende da flussi regolari e sicuri di beni, servizi e persone. Con un'attività comprovata di un mercato interno fondato su regole, equo e trasparente, l'Unione europea collabora con partner al di là dei suoi confini al fine di promuovere approcci analoghi alla connettività sostenibile.

L'UE punterà alla creazione di partenariati bilaterali in materia di connettività. La piattaforma di connettività UE-Cina, ad esempio, aiuterà entrambe le parti a creare sinergie e a sormontare punti di vista divergenti. A livello regionale, l'UE può attingere alla sua esperienza per contribuire a potenziare la connettività e l'integrazione di diverse strutture di cooperazione regionale, ad esempio nel Mar Baltico e nel Mar Nero, nonché con l'ASEAN e nel quadro del processo ASEM. Promuovere una maggiore cooperazione interregionale in materia di connettività consentirebbe all'Unione europea di estendere il suo modello di connettività sostenibile e basato su regole. Infine, l'UE collaborerà con le organizzazioni internazionali per stabilire i quadri giuridici e le forme concrete di connettività, ad esempio per stabilire norme internazionali. L'Organizzazione mondiale del commercio, l'Agenzia internazionale dell'energia, l'Organizzazione marittima internazionale e gli organi delle Nazioni Unite sono solo alcuni esempi di sedi in cui l'Unione europea sta lavorando e continuerà a lavorare per pratiche globali eque e sostenibili.

 

Promuovere il finanziamento sostenibile degli investimenti

Con l'Asia che necessita di un importo stimato di 1,3 mila miliardi di euro l'anno per investimenti in infrastrutture, vi sono notevoli opportunità per le imprese dell'UE, a condizione che siano posti in essere quadri giuridici solidi. L'UE cercherà di combinare le fonti finanziarie delle istituzioni finanziarie internazionali, delle banche multilaterali di sviluppo e del settore privato per garantire finanziamenti nazionali e internazionali sostenibili per la connettività, garantendo nel contempo trasparenza e parità di condizioni per le imprese. Un approccio globale al finanziamento degli investimenti, sperimentato in Europa dal Fondo europeo per gli investimenti strategici e al di fuori dell'UE attraverso strumenti di investimento geografici specifici, ha permesso di aumentare gli investimenti a favore delle infrastrutture e della connettività. Unitamente alle proposte della Commissione europea per rafforzare l'azione esterna nell'ambito del prossimo quadro finanziario pluriennale dell'UE (2021-2027), il potenziale per effettuare nuovi finanziamenti per investimenti intelligenti, innovativi e pluridimensionali all'interno e verso l'Asia è significativo.

Un collegamento migliore tra l'Europa e l'Asia attraverso i collegamenti di trasporto, le reti energetiche e digitali e i contatti interpersonali rafforzerà la resilienza delle società e delle regioni, faciliterà gli scambi, promuoverà l'ordine internazionale fondato su regole e creerà opportunità per un futuro più sostenibile e a basse emissioni di carbonio. La presente comunicazione congiunta strutturerà l'impegno dell'UE con i suoi partner, dal vicinato fino al Pacifico, portando benefici per i cittadini europei e i paesi che comprendono il valore del nostro approccio nei confronti della connettività.

 

Informazioni generali

La comunicazione congiunta adottata oggi dalla Commissione europea e dall'alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza presenta gli elementi di una strategia dell'UE per collegare l'Europa e l'Asia.

Le proposte formulate nella comunicazione congiunta saranno ora discusse in sede di Parlamento europeo e di Consiglio e informeranno le discussioni sulla connettività in occasione del prossimo vertice dell'Asia-Europe Meeting (ASEM), che si terrà a Bruxelles il 18 e 19 ottobre.

 

Ulteriori informazioni

Comunicazione congiunta: Collegare l'Europa e l'Asia — elementi per una strategia dell'UE

Nota: Illustrare la strategia dell'Unione europea per collegare l'Europa e l'Asia

Scheda informativa: Collegare l'Europa e l'Asia — La strategia dell'UE

IP/18/5803

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar