Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Il piano Juncker supera l'obiettivo di investimento originario di 315 miliardi di euro

Bruxelles, 18 luglio 2018

Dal luglio 2015 il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) ha mobilitato 335 miliardi di euro di investimenti supplementari in tutta l'UE. Il piano Juncker ha avuto effetti evidenti sull'economia dell'UE e ha rivoluzionato il modo di finanziare l'innovazione in Europa.

1 2 3

 

La Commissione europea e il Gruppo Banca europea per gli investimenti (Gruppo BEI) hanno rispettato l'impegno di mobilitare 315 miliardi di euro di investimenti supplementari nell'ambito del piano di investimenti per l'Europa, il cosiddetto piano Juncker. Grazie al sostegno della garanzia del bilancio dell'Unione europea e delle risorse proprie del Gruppo BEI, sono state approvate 898 operazioni, che dovrebbero generare 335 miliardi di euro di investimenti nei 28 Stati membri dell'UE. Si tratta di una somma superiore all'obiettivo originario di 315 miliardi di euro stabilito nel 2015, quando il FEIS è stato avviato, che contribuisce a colmare la carenza di investimenti successiva alla crisi economica e finanziaria. Circa 700 000 piccole e medie imprese dovrebbero beneficiare di un migliore accesso ai finanziamenti. Visto il successo del FEIS, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno concordato l'anno scorso di prorogarne la durata e di potenziarne la capacità, portandola a 500 miliardi di euro entro la fine del 2020.

Il Presidente Jean-Claude Juncker ha dichiarato: “Il piano Juncker si è dimostrato un successo. Abbiamo superato l'obiettivo iniziale di 315 miliardi di euro e il Fondo europeo per gli investimenti strategici dovrebbe consentire di creare 1,4 milioni di posti di lavoro e di far cresce dell'1,3% il PIL dell'UE entro il 2020. Abbiamo finanziato progetti che senza il FEIS non sarebbero stati possibili, e tutto questo senza creare nuovo debito: due terzi degli investimenti provengono dal settore privato. Dal finanziamento della formazione professionale dei rifugiati in Finlandia alle energie rinnovabili in Grecia, all'agricoltura in Bulgaria: continueremo a utilizzare il bilancio dell'UE per quello che sa fare meglio: catalizzare la crescita.”

Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione e Commissario per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato: “Con la tappa fondamentale segnata oggi l'UE dimostra di essere all'avanguardia nell'utilizzo dei fondi privati per il bene pubblico. Adottando un approccio orientato al mercato e facendo un uso strategico del bilancio dell'UE, abbiamo finanziato centinaia di progetti di investimento innovativi e aiutato migliaia di piccole imprese a crescere. E in tal modo abbiamo migliorato la competitività dell'Europa e abbiamo sostenuto la creazione di almeno 750 000 posti di lavoro in tutta l'UE. Grazie al piano di investimenti e agli sforzi che gli Stati membri hanno attuato con le riforme strutturali nazionali, le prospettive sono rosee per gli investimenti in Europa.”

Werner Hoyer, presidente del Gruppo BEI, ha dichiarato: “Mi piace chiamare la BEI l'”istituzione delle buone notizie”, ma, anche secondo i nostri standard, il traguardo raggiunto oggi mi rende particolarmente orgoglioso. Abbiamo fatto quello che tre anni fa molti consideravano impossibile. Certo, attivare 315 miliardi di euro di nuovi investimenti aggiuntivi, per lo più dal settore privato, non poteva essere un'impresa facile. Abbiamo dimostrato che è possibile, grazie all'eccellente cooperazione tra la BEI e la Commissione europea, all'aiuto e al sostegno del Parlamento europeo e del Consiglio e grazie all'esperienza, alla versatilità e alla dedizione della banca dell'UE. Negli ultimi tre anni si è compiuta una trasformazione del modo in cui l'Europa finanzia le sue priorità. Oggi sappiamo come realizzare di più con scarse risorse pubbliche, a favore dell'economia e dei cittadini dell'Europa, attirando gli investimenti privati. Molti ora ritengono che il piano Juncker sia un modello vincente, sul quale non si può tornare indietro.”

Occupazione e crescita

Secondo le stime del dipartimento di economia della BEI e il del Centro comune di ricerca della Commissione (JRC) le operazioni del FEIS hanno già sostenuto oltre 750 000 posti di lavoro, una cifra destinata a crescere a 1,4 milioni di posti di lavoro entro il 2020, rispetto allo scenario di riferimento. Inoltre, dai calcoli effettuati emerge che il piano Juncker ha già fatto crescere il PIL dell'UE dello 0,6%, percentuale che dovrebbe arrivare all'1,3% del PIL dell'UE entro il 2020. Due terzi dei 335 miliardi di euro generati provengono da risorse private, il che significa che il FEIS ha conseguito anche l'obiettivo di mobilitare gli investimenti privati.

Misurato in rapporto alle dimensioni dell'economia, l'impatto maggiore si è avuto nei paesi che sono stati maggiormente colpiti dalla crisi, ossia Cipro, Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna, dove l'impatto in termini di investimenti diretti è stato particolarmente elevato. Tuttavia, secondo i calcoli, anche le regioni che beneficiano della politica di coesione (per la maggior parte paesi dell'Europa orientale) potrebbero trarre maggiori benefici dagli effetti a lungo termine.

Cosa ha finanziato il piano Juncker?

Il piano Juncker consente al Gruppo BEI di finanziare operazioni più rischiose rispetto alla media dei suoi investimenti. Spesso i progetti sostenuti dal FEIS sono altamente innovativi, intrapresi da piccole imprese prive di storia creditizia, o raggruppano esigenze infrastrutturali più piccole per settore e zona geografica. Per sostenere questi progetti il Gruppo BEI ha dovuto sviluppare nuovi prodotti di finanziamento, ad esempio venture debt con caratteristiche di capitale proprio o piattaforme di investimento. È importante segnalare che il piano Juncker consente alla BEI anche di approvare un numero maggiore di progetti rispetto a quanto sarebbe possibile senza il sostegno della garanzia del bilancio dell'UE e di raggiungere nuovi clienti: tre su quattro dei destinatari del sostegno del FEIS sono infatti nuovi clienti della banca. Ciò dimostra che il piano Juncker ha creato un reale valore aggiunto.

Grazie al sostegno del FEIS, la BEI e la sua controllata per il finanziamento delle piccole imprese, il Fondo europeo per gli investimenti (FEI), hanno investito in 898 operazioni e hanno messo capitale di rischio a disposizione di 700 000 PMI in un'ampia gamma di settori in tutti i 28 Stati membri. In ordine di investimenti generati dal FEIS in rapporto al PIL i principali paesi sono Grecia, Estonia, Lituania, Bulgaria e Finlandia. Tra gli esempi figurano soluzioni innovative per l'assistenza sanitaria in Spagna, l'economia circolare nella Repubblica ceca, la produzione alimentare in Grecia. Le schede informative per paese e per settore forniscono una panoramica più dettagliata e ulteriori esempi di progetti.

Quali sono stati i benefici del piano Juncker per i cittadini e le imprese?

Oltre al finanziamento di progetti innovativi e delle nuove tecnologie, il piano Juncker ha sostenuto altri obiettivi dell'UE, ad esempio per quanto riguarda le politiche nei settori digitale, sociale e dei trasporti. Grazie al FEIS:

  • 15 milioni di famiglie in più possono accedere alla banda larga ad alta velocità;
  • oltre 500 000 alloggi popolari ed economici sono stati costruiti o ristrutturati;
  • 30 milioni di europei beneficiano di migliori servizi sanitari;
  • 95 milioni di viaggiatori all'anno usufruiscono di migliori infrastrutture urbane e ferroviarie;
  • 7,4 milioni di famiglie sono state fornite di energia rinnovabile.

Per un quadro completo dei benefici consultare la relazione annuale 2017 sulle operazioni all'interno dell'UE della Banca europea per gli investimenti.

Servizi di consulenza e un luogo di incontro online

Un altro importante obiettivo del piano Juncker è contribuire a far decollare i progetti. Il polo europeo di consulenza sugli investimenti fornisce assistenza tecnica e consulenza ai progetti in fase iniziale. Da quando è stato avviato nel 2015 il polo di consulenza ha gestito più di 770 richieste presentate da promotori di progetti in tutti i paesi dell'UE. Tra i progetti che hanno beneficiato dell'assistenza del polo oltre 50 sono entrati nella riserva di progetti del FEIS. Uno di questi riguarda lo sviluppo di un progetto di edilizia popolare nella città polacca di Poznań. Il progetto, che ha ricevuto anche un prestito del FEIS di 42 milioni di euro, consentirà la costruzione e l'ammodernamento di appartamenti per circa 3 000 persone.

Inoltre, a luglio 2018 erano stati presentati oltre 700 progetti al portale dei progetti di investimento europei, un luogo di incontro online tra i promotori di progetti e gli investitori. Ad oggi sono stati pubblicati quasi 400 progetti, che riguardano 25 settori ad alto potenziale economico. Secondo un sondaggio effettuato nel 2017 tra i promotori dei progetti che figurano sul portale, l'80%, tra cui Ecoduna in Austria, PLD Space in Spagna e Acellere in Germania, è stato contattato da investitori.

Contesto

Il piano di investimenti per l'Europa, il cosiddetto piano Juncker, è stato lanciato nel novembre 2014, per invertire il calo tendenziale dei livelli già bassi degli investimenti e per rilanciare l'economia dell'Europa. Secondo le previsioni, entro luglio 2018 le operazioni approvate nell'ambito del Fondo europeo per gli investimenti strategici del piano Juncker dovrebbero generare 335 miliardi di euro di investimenti e circa 700 000 piccole e medie imprese dovrebbero beneficiare di un migliore accesso ai finanziamenti. Il 12 dicembre 2017 il Parlamento europeo e gli Stati membri hanno raggiunto un accordo sul regolamento per potenziare il FEIS e per estendere l'obiettivo di investimento a 500 miliardi di euro entro la fine del 2020. Il regolamento FEIS 2.0 è entrato in vigore il 30 dicembre 2017.

La BEI, la Commissione e il polo di consulenza continuano a promuovere l'utilizzo delle piattaforme di investimento, strumenti di investimento che raccolgono progetti di minori dimensioni e/o a più alto rischio su base geografica o settoriale. Le piattaforme contribuiscono a una migliore condivisione del rischio e ad attrarre gli investitori privati e, in ultima analisi, consentono di sbloccare i finanziamenti per i singoli progetti. A giugno 2018 erano state approvate 41 piattaforme di investimento, che dovrebbero mobilitare oltre 34,8 miliardi di euro di investimenti.

La valutazione indipendente del FEIS, pubblicata nel giugno 2018, conclude che la garanzia dell'UE è un modo efficace per la BEI di aumentare il volume delle operazioni più rischiose, oltre a richiedere meno risorse di bilancio rispetto ai programmi europei che concedono sovvenzioni. Essa sottolinea che il sostegno della BEI è fondamentale per i promotori, perché offre un “marchio di qualità” nei confronti del mercato, contribuendo così a facilitare la futura raccolta di finanziamenti. La valutazione evidenzia anche la necessità di continuare a migliorare l'accesso ai finanziamenti per favorire l'innovazione e l'esigenza di rafforzare le sinergie con altri programmi di finanziamento dell'UE.

Il 6 giugno la Commissione ha presentato la sua proposta sul programma che succederà al piano Juncker nel prossimo quadro finanziario pluriennale: il programma InvestEU.

Per ulteriori informazioni

Il piano Juncker raggiunge l'obiettivo di investimento di 315 miliardi di EUR – scheda informativa

Schede informative per paese e per settore

Elenco completo dei progetti FEIS della BEI

Sito web del piano Juncker

La BEI su Twitter: @EIB

InvestEU su Twitter: #InvestEU

IP/18/4469

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar