Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Cambogia: una missione dell'UE valuta la situazione dei diritti umani e dei lavoratori

Bruxelles, 12 luglio 2018

Una delegazione della Commissione europea e del Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE) ha visitato la Cambogia dal 5 all'11 luglio per valutare la situazione sul terreno, in seguito a recenti sviluppi preoccupanti in materia di diritti umani e diritti dei lavoratori in tale paese.

Ora l'Unione europea analizzerà in via prioritaria le informazioni raccolte durante la missione al fine di studiare i passi successivi da compiere. Tale analisi terrà presenti anche altre comunicazioni scritte pervenute dalle autorità cambogiane e relazioni dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) e di altri organismi responsabili del controllo dell'attuazione, da parte della Cambogia, delle convenzioni attinenti al regime dell'UE "Tutto tranne le armi" (EBA), che prevede scambi in esenzione da dazi doganali. Il regime di scambi EBA consente alla Cambogia di esportare nell'UE qualsiasi prodotto (ad eccezione di armi e munizioni) in esenzione da dazi e contingenti.

La Commissaria responsabile per il Commercio, Cecilia Malmström, ha dichiarato: "L'UE è orgogliosa di concedere ai paesi economicamente più vulnerabili del mondo libero accesso al nostro mercato. L'iniziativa "Tutto tranne le armi" ha avuto un impatto significativo sullo sviluppo e sull'eliminazione della povertà in Cambogia. Tuttavia i recenti sviluppi preoccupanti in tale paese sollecitano una valutazione più accurata dell'effettivo rispetto dei propri impegni da parte della Cambogia. Le discussioni e la raccolta di informazioni nel corso della missione dell'UE si sono concentrate sul grave peggioramento dei diritti politici ed elettorali, oltre che sulle limitazioni alle attività della società civile. Sono inoltre presenti carenze che riguardano i meccanismi di risoluzione delle controversie sulla proprietà fondiaria, oltre a gravi minacce alla libertà di associazione e ai diritti di contrattazione collettiva. Nella politica commerciale dell'Unione europea un fattore essenziale è la giustizia sociale, che comprende il rispetto dei diritti umani, delle libertà fondamentali e della tutela dei lavoratori. In seguito alla missione conoscitiva esamineremo ora i fatti dettagliatamente e studieremo i passi successivi da compiere. Escludere la Cambogia dal regime di scambi sarebbe la misura estrema cui ricorrere qualora tutti gli altri nostri sforzi non riescano a dissipare queste preoccupazioni."

La delegazione dell'UE ha incontrato vari membri del governo cambogiano, come anche dei sindacati, della società civile, del mondo imprenditoriale, oltre ai rappresentanti locali delle Nazioni Unite (ONU) e dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

Contesto

Grazie al regime EBA, che è un sistema di preferenze tariffarie generalizzate, l'UE concede unilateralmente agli esportatori dei paesi meno sviluppati (PMS) l'accesso al suo mercato in esenzione da dazi e contingenti per tutti i prodotti (ad eccezione di armi e munizioni), al fine di contribuire allo sviluppo economico di tali paesi e alla loro integrazione nel sistema commerciale mondiale.

L'EBA ha apportato vantaggi importanti all'economia della Cambogia. L'UE, che assorbe il 40% delle esportazioni totali della Cambogia, costituisce la destinazione principale delle esportazioni del paese. Le esportazioni dalla Cambogia nell'UE sono aumentate nettamente negli ultimi anni, con un incremento del 227% tra il 2011 e il 2016. Nel 2017 il totale delle esportazioni dalla Cambogia nell'UE ha raggiunto il valore di 5 miliardi di €, rendendo tale paese il secondo maggior beneficiario del regime EBA. Il 95,5% del totale delle esportazioni cambogiane ammissibili all'EBA ha goduto delle preferenze di tale regime.

L'EBA ha contribuito in particolare a una forte creazione di posti di lavoro e alla crescita del settore tessile, che rappresenta il 75% delle esportazioni della Cambogia nell'UE ed è un serbatoio di occupazione per alcuni dei settori più vulnerabili della società cambogiana.

L'UE ha intensificato il proprio impegno in Cambogia (cfr. la relazione biennale dell'UE sull'SPG del gennaio 2018) in risposta alle gravi preoccupazioni per il continuo peggioramento della democrazia, del rispetto dei diritti umani e dello Stato di diritto, segnalato anche dal Parlamento europeo (risoluzione del 14 dicembre 2017) e dal Consiglio (Consiglio dell'UE nella configurazione "Affari esteri" del 26 febbraio 2018).

Per maggiori informazioni

Relazioni commerciali UE-Cambogia

Regime "Tutto tranne le armi"

IP/18/4467

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar