Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

La Commissione sostiene la normalizzazione in Grecia attraverso l'attivazione di un quadro post-programma

Bruxelles, 11 luglio 2018

La Commissione ha adottato la decisione di attivare il quadro di sorveglianza rafforzata per la Grecia per sostenere l'attuazione delle riforme concordate a seguito della conclusione positiva del programma di sostegno alla stabilità del meccanismo europeo di stabilità (MES).

Il 20 agosto la Grecia concluderà il programma di sostegno alla stabilità del MES, salvaguardando il proprio posto al centro della zona euro e dell'Unione europea. Questo eccellente risultato è stato conseguito grazie ai sacrifici del popolo greco, all'impegno della Grecia a favore di riforme e alla solidarietà dei partner europei.

La decisione odierna della Commissione di attivare il quadro di sorveglianza rafforzata, come disposto dal regolamento (UE) n. 472/2013, che fa parte del cosiddetto “two-pack”, agevola la normalizzazione della Grecia consolidando i progressi compiuti, e sosterrà la realizzazione, il completamento e la continuità dell'attuazione delle riforme concordate nell'ambito del programma, in linea con gli impegni assunti dalle autorità greche. Questo è fondamentale per consolidare la fiducia del mercato rafforzando così la ripresa economica della Grecia, in particolare nel periodo immediatamente successivo alla conclusione del programma.

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente responsabile per l'Euro e il dialogo sociale, nonché per la stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l'Unione dei mercati dei capitali, ha dichiarato: “Il 20 agosto segnerà un nuovo inizio per la Grecia. È importante che il paese continui a perseguire politiche macroeconomiche e di bilancio prudenti e che completi le riforme concordate. La sorveglianza rafforzata serve ad aiutare la Grecia a consolidare la fiducia dei mercati, degli investitori e delle imprese, che chiedono stabilità e prevedibilità. In questo modo sarà possibile attrarre maggiori investimenti e garantire una crescita sostenibile, che consentirà la creazione di nuovi posti di lavoro e il miglioramento delle condizioni sociali e di vita del popolo greco”.

Pierre Moscovici, Commissario per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane, ha dichiarato: La Grecia è ora in grado di camminare con le proprie gambe, ma questo non significa che debba essere lasciata da sola. L'Europa manterrà l'impegno preso a sostegno del paese, e lo stesso farà la Commissione europea. La decisione di oggi persegue esattamente questo obiettivo: la sorveglianza rafforzata non è un quarto programma, e non comporta nuovi impegni o nuove condizioni. Si tratta di un quadro volto a sostenere il completamento e la realizzazione delle riforme in corso. Perché è così importante? Perché la ripresa della Grecia non è un evento: è un processo.»

La decisione fa seguito all'accordo raggiunto dall'Eurogruppo il 22 giugno, che ha confermato che la Grecia ha attuato tutte le azioni prioritarie previste dal quarto e ultimo riesame del programma e ha approvato un robusto pacchetto di misure per il debito che consentiranno alla Grecia di reggersi nuovamente sulle proprie gambe senza l'aiuto finanziario dei partner. Nel quadro dell'ampio accordo raggiunto in sede di Eurogruppo, le autorità greche si sono impegnate a completare l'attuazione delle importanti riforme concordate nell'ambito del programma in corso. Inoltre hanno assunto impegni politici specifici per completare una serie di importanti riforme strutturali già avviate e hanno convenuto l'attivazione del quadro di sorveglianza rafforzata.

La sorveglianza rafforzata è un solido quadro di sorveglianza post-programma, che consentirà di monitorare in modo rigoroso la situazione economica, finanziaria e di bilancio della Grecia e la sua evoluzione. La sua attivazione è stata considerata appropriata a causa del protrarsi della crisi in Grecia, del debito del paese, della necessità di proseguire l'attuazione delle riforme strutturali per generare una ripresa economica sostenibile e delle vulnerabilità ancora presenti.

La sorveglianza rafforzata favorirà il ritorno della Grecia a una situazione di normalità in cui il paese stabilirà i propri obiettivi politici, pur continuando a seguire la via della prudenza ben oltre l'orizzonte temporale del programma. In base all'accordo raggiunto dall'Eurogruppo, queste politiche dovrebbero preservare gli obiettivi delle importanti riforme intraprese nel quadro del programma del MES. Poiché non comporta nuovi elementi di riforma o nuovi impegni, la sorveglianza rafforzata mette fine in maniera chiara ad anni di programmi di assistenza finanziaria.

Questo quadro prevede missioni di verifica trimestrali per individuare precocemente i rischi e adottare rapidamente le misure necessarie per farvi fronte. La Commissione presenterà relazioni trimestrali sulle sue conclusioni al Parlamento europeo, al Parlamento greco e al gruppo di lavoro “Eurogruppo”/comitato economico e finanziario, come stabilito dal regolamento pertinente. L'attivazione di misure relative al debito in funzione delle politiche, concordata in occasione della riunione dell'Eurogruppo del 22 giugno, si baserà sulle relazioni positive realizzate nell'ambito del quadro di sorveglianza rafforzata.

La decisione di oggi stabilisce inoltre che la Commissione effettuerà la sorveglianza rafforzata di concerto con la BCE e, ove opportuno, con il Fondo monetario internazionale. È prevista anche la partecipazione del MES. Parallelamente, dal 20 agosto, con la fine del programma di sostegno alla stabilità, la Grecia sarà pienamente integrata nel quadro del semestre europeo di coordinamento delle politiche economiche e sociali. Per evitare oneri superflui per l'amministrazione e garantire la coerenza saranno massimizzate le sinergie tra la sorveglianza rafforzata e i processi del semestre europeo.

Contesto

Nell'agosto 2015, in seguito alla richiesta delle autorità greche, il MES ha fornito assistenza finanziaria al paese attraverso un programma triennale di sostegno alla stabilità, che si concluderà il 20 agosto 2018.

La base giuridica del quadro di sorveglianza rafforzata è il regolamento (UE) n. 472/2013, che fa parte del cosiddetto “two-pack”.

Per ulteriori informazioni

Nota sulla sorveglianza rafforzata in Grecia

Schede informative — un nuovo capitolo per la Grecia

Assistenza finanziaria dell'UE alla Grecia

Dichiarazione dell'Eurogruppo del 22 giugno 2018

Decisione di attivazione del quadro di sorveglianza rafforzata

Regolamento (UE) n. 472/2013 sul rafforzamento della sorveglianza economica e di bilancio degli Stati membri nella zona euro che si trovano o rischiano di trovarsi in gravi difficoltà per quanto riguarda la loro stabilità finanziaria

IP/18/4381

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar