Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Verso un'ulteriore semplificazione delle norme della politica agricola UE

Bruxelles, 13 dicembre 2017

Le modifiche che entreranno in vigore il 1º gennaio 2018 si inseriscono in un percorso di semplificazione e modernizzazione della politica agricola comune (PAC).

Importanti miglioramenti delle norme agricole dell'UE entreranno in vigore il 1º gennaio 2018 in seguito all'adozione, da parte del Consiglio dei ministri dell'agricoltura e del Parlamento europeo, della parte del regolamento "Omnibus" relativa all'agricoltura e allo sviluppo rurale. Questo regolamento modifica il regolamento finanziario che disciplina l'esecuzione del bilancio dell'UE nonché 15 atti legislativi che riguardano vari settori, incluso quello dell'agricoltura.

Il regolamento "Omnibus" semplifica e rafforza le attuali norme dell'UE su un'ampia gamma di questioni del settore agricolo, dalla gestione del rischio al sostegno ai giovani agricoltori, ed è l'ultima di una serie di misure di semplificazione e modernizzazione attuate dalla Commissione.

In proposito, il commissario per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan ha dichiarato: "Accolgo con soddisfazione il risultato raggiunto dal Parlamento europeo e dal Consiglio, che apre la strada all'attuazione di una serie di misure di semplificazione significative che faciliteranno la vita degli agricoltori e degli altri beneficiari della PAC. Tali misure includono settori importanti come la semplificazione delle norme per gli strumenti finanziari, il miglioramento degli strumenti di gestione del rischio e una maggiore flessibilità per la disposizione relativa all'agricoltore in attività. Desidero riconoscere il ruolo svolto e gli sforzi compiuti dai relatori del PE e dalla Presidenza estone nel processo di trilogo per garantire che le misure di semplificazione saranno a disposizione degli agricoltori a partire dal 1º gennaio 2018. L'adozione il mese scorso della comunicazione della Commissione sulla PAC è un'ulteriore dimostrazione del nostro impegno a proseguire in direzione di una crescente e necessaria semplificazione per gli agricoltori e tutti i soggetti interessati."

Un'ampia gamma di disposizioni

Il regolamento "Omnibus" include in particolare i seguenti miglioramenti:

  • Un maggiore sostegno alla posizione degli agricoltori nella filiera alimentare. Le nuove norme includeranno clausole di ripartizione del valore da negoziare per ciascun settore di prodotti e concederanno per la prima volta agli agricoltori il diritto di chiedere un contratto scritto (a meno che la transazione non avvenga con le PMI).
  • Una semplificazione degli strumenti di gestione del rischio per assistere gli agricoltori, tra cui uno strumento di stabilizzazione del reddito per settore nonché miglioramenti dei regimi di assicurazione che consentiranno compensazioni fino al 70% per gli agricoltori il cui reddito o la cui produzione subiscono una riduzione di almeno il 20%.
  • Regole più chiare che disciplinano l'intervento sui mercati, consentendo alla Commissione di agire rapidamente per affrontare le carenze del mercato senza far ricorso a misure di intervento pubblico o di ammasso privato.
  • Una maggiore flessibilità per gli Stati membri a sostegno di settori specifici di importanza economica, sociale o ambientale tramite il sostegno accoppiato facoltativo, anche quando questi settori non sono in crisi.
  • Norme più chiare in materia di sostegno per gli agricoltori, in particolare grazie a una maggiore flessibilità sulla definizione di "agricoltore attivo" e a maggiori incentivi per i giovani agricoltori, con un aumento dal 25% al 50% dei pagamenti supplementari e con la garanzia che tutti i giovani agricoltori possano beneficiare interamente del periodo quinquennale di assegnazione per questi pagamenti, indipendentemente da quando ne facciano richiesta entro i primi cinque anni del loro insediamento.
  • Miglioramento delle misure ambientali, incluse la semplificazione delle norme in materia di diversificazione delle colture e l'aggiunta di tre nuovi tipi di area di interesse ecologico incentrati sulle colture che fissano l'azoto, per offrire agli agricoltori e alle autorità nazionali maggiori opzioni in funzione della loro situazione specifica.

Con una chiara enfasi su norme più flessibili e meno burocratiche, nonché un'attenzione concentrata sul miglioramento dei risultati in settori chiave come l'azione ambientale e il sostegno agli agricoltori, le modifiche proposte tramite il regolamento "Omnibus" sono pienamente conformi al nuovo orientamento della PAC dopo il 2020 delineato nella recente Comunicazione sul futuro dell'alimentazione e dell'agricoltura.

Informazioni generali

Adottata dalla Commissione nel settembre 2016, la proposta "Omnibus" comprende una serie di modifiche del regolamento finanziario nonché emendamenti di altri regolamenti che disciplinano la spesa, tra cui i quattro regolamenti della PAC, con l'obiettivo di dare impulso alla tanto necessaria semplificazione dell'attuazione di questa politica sulla base dell'esperienza acquisita a partire dall'ultima riforma della PAC, adottata nel 2013.

A seguito di intensi negoziati nell'ambito di quattro triloghi svoltisi nell'estate e nell'autunno 2017, la Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno raggiunto un accordo sulle disposizioni agricole il 12 ottobre 2017. Tenuto conto del fatto che i negoziati su altre parti della proposta "Omnibus" devono essere ancora finalizzati e della volontà espressa da molti Stati membri di attuare quanto prima le proposte approvate, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno accettato di scindere le disposizioni agricole del regolamento "Omnibus" e di adottarle come un regolamento autonomo che entrerà in vigore al massimo il 1º gennaio 2018.

IP/17/5242

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar