Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES EL SL HR

Commissione europea - Comunicato stampa

L'UE annuncia aiuti di emergenza supplementari per aiutare i rifugiati in Serbia

Bruxelles, 8 ottobre 2017

Oggi la Commissione europea ha annunciato lo stanziamento di 4 milioni di EUR supplementari in aiuti umanitari destinati alla Serbia per assistere le migliaia di rifugiati e di richiedenti asilo presenti nel paese.

I nuovi contratti coincidono con la quarta visita nel paese del commissario UE per gli aiuti umanitari e la gestione delle crisi, Christos Stylianides, in occasione della quale valuta la situazione umanitaria in loco e discute con funzionari del governo del sostegno umanitario dell'UE per i rifugiati. Il nuovo progetto finanzia la distribuzione di generi alimentari nei centri di accoglienza, la protezione delle fasce di popolazione più vulnerabili, in particolare durante l'inverno a venire nonché le attività connesse all'educazione.

“La Serbia si è dimostrata un partner affidabile per l'Unione europea e il nostro partenariato ha consentito di rispondere efficacemente alla crisi dei rifugiati. Dal 2015 l'UE è un importante donatore di aiuti umanitari per accogliere i rifugiati in Serbia. Abbiamo aiutato a migliorare le condizioni in numerosi centri d'accoglienza, contribuito all'approvvigionamento alimentare nei campi, fornito educazione ai bambini in situazioni di emergenza ed erogato servizi sanitari. I progetti supplementari annunciati oggi verranno incontro alle esigenze della popolazione più vulnerabile, in particolare durante l'imminente stagione invernale”, ha dichiarato il commissario Stylianides.

Dal 2015 l'UE è stata il principale donatore di aiuti umanitari alla Serbia. L'aiuto umanitario della Commissione ammonta ora a 25 milioni di EUR e ha consentito l'erogazione di assistenza in situazioni di emergenza (generi alimentari, acqua, igiene, beni di prima necessità, salute e protezione) presso i centri di transito e di accoglienza, comprese le frontiere e le aree di attesa. Dal 2015 sono stati erogati in totale oltre 80 milioni di EUR al paese in finanziamenti connessi alla migrazione nell'UE.

Contesto

L'assistenza umanitaria dell'UE include il sostegno diretto ai rifugiati attraverso i partner umanitari della Commissione nonché lo sviluppo delle capacità per consentire alle autorità di rispondere più efficacemente. Gli sforzi più significativi sono stati compiuti per migliorare le condizioni nei centri d'accoglienza gestiti dall'amministrazione pubblica, dove l'UE è stata il principale e, talvolta, l'unico donatore. Le autorità sono state così in grado di ospitare fino a 6 000 persone.

Dal 2015 sono stati erogati oltre 80 milioni di EUR in finanziamenti, attraverso diversi meccanismi finanziari dell'UE, per aiutare la Serbia ad assicurare l'accoglienza dei migranti e dei rifugiati nei centri di accoglienza, a sostenere l'erogazione di servizi sanitari e di altri servizi di prima necessità ai rifugiati, ai migranti e alle comunità ospitanti nonché a rafforzare le capacità di controllo alle frontiere.

Nel 2015 la Serbia ha inoltre beneficiato del sostegno del meccanismo di protezione civile dell'UE, attraverso il quale 10 Stati membri hanno fornito oltre 246 000 beni di prima necessità per la crisi dei rifugiati, quali lenzuola, letti e abbigliamento caldo.

Da metà settembre 2017 sono registrati in Serbia oltre 4 000 rifugiati e richiedenti asilo, approssimativamente la stessa cifra di un anno fa.

Per maggiori informazioni

Scheda informativa sulla Serbia: risposta alla crisi dei rifugiati

Scheda informativa: Fondo fiduciario regionale dell'UE in risposta alla crisi siriana:

 

IP/17/3730

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar