Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Vertice UE-India: rafforzare il nostro partenariato strategico e portare avanti l'agenda comune

Bruxelles, 6 ottobre 2017

Oggi a New Delhi si è tenuto il 14 o vertice fra l'Unione europea e l'India, in coincidenza con i 55 anni di relazioni diplomatiche fra le due maggiori democrazie mondiali.

L'Unione europea era rappresentata dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, mentre l'India era rappresentata dal Primo ministro Narendra Modi. Partecipava anche l'Alta rappresentante dell'UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza/vicepresidente della Commissione europea, Federica Mogherini.

L'Unione europea e l'India hanno adottato una dichiarazione congiunta del vertice. Sono state inoltre adottate dichiarazioni congiunte sulla lotta al terrorismo, sull'energia pulita e sul cambiamento climatico nonché sull'urbanizzazione intelligente e sostenibile. I leader hanno inoltre fatto il punto sull'attuazione dell'Agenda per l'azione 2020 UE-India, approvata in occasione del vertice dello scorso anno.

“Siamo le due maggiori democrazie mondiali. Siamo due delle maggiori economie mondiali. Condividiamo gli stessi valori e la convinzione nella libertà, l'uguaglianza, la tolleranza e lo stato di diritto. Collaborare con chi crede in principi affini come l'India è semplicemente logico. È naturale”, ha dichiarato il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker. “Abbiamo convenuto di approfondire le nostre relazioni commerciali. È giunta l'ora di un accordo di libero scambio fra l'India e l'UE. Se le circostanze sono favorevoli, e solo in questo caso, proseguiremo. Il vertice di oggi rappresenta un passo importante nella direzione giusta e, dopo aver sentito il primo ministro Modi, sono fiducioso di poter proseguire. I nostri capi negoziatori si riuniranno il prossimo novembre per delineare un percorso.”

Tutte le osservazioni del presidente Juncker durante la conferenza stampa che ha fatto seguito al vertice sono disponibili online.

 

Insieme per la prosperità

Gli scambi commerciali e gli investimenti rappresentano aspetti importanti del partenariato strategico UE-India. L'UE è il principale partner commerciale dell'India, mentre l'India è il 9° partner commerciale dell'UE. Gli scambi di merci e servizi nel 2016 ammontavano a oltre 100 miliardi di EUR. Al vertice i leader hanno espresso il loro impegno comune a rafforzare il partenariato economico fra l'UE e l'India e a realizzare il pieno potenziale di questo aspetto della nostra relazione. Entrambe le parti compiono sforzi per impegnarsi di nuovo attivamente e rilanciare tempestivamente i negoziati per un accordo di libero scambio globale e reciprocamente vantaggioso. I leader hanno anche ribadito la centralità dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e l'importanza di rafforzare scambi liberi, equi e aperti per realizzare una crescita e uno sviluppo sostenibili. Entrambe le parti hanno anche ribadito il loro impegno a lavorare insieme con tutti i membri dell'OMC per fare dell'11a conferenza ministeriale un successo dagli esiti concreti.

I leader del vertice hanno accolto con favore il recente varo del meccanismo di agevolazione degli investimenti per gli investimenti dell'UE in India, che faciliterà e stimolerà tali investimenti mediante un sostegno concreto in loco alle imprese che desiderino investire in India, in particolare attraverso orientamenti procedurali.

 

Insieme per uno sviluppo responsabile

I leader hanno adottato una dichiarazione congiunta sull'energia pulita e sul cambiamento climatico, dimostrando così la loro responsabilità condivisa e la determinazione ad assumere un ruolo guida negli sforzi globali per attenuare e adattarsi agli effetti del cambiamento climatico. Entrambe le parti hanno ribadito il loro impegno nell'ambito dell'accordo di Parigi e hanno deciso di rafforzare la collaborazione nella realizzazione degli impegni in quest'area, come il raffreddamento verde, le pompe solari, lo stoccaggio energetico, la mobilità elettrica e le energie rinnovabili, per rafforzare la cooperazione nell'attuazione dell'accordo.

Nell'Unione europea e in India le città sono motori di crescita e innovazione, ma presentano anche molte sfide economiche, sociali e ambientali urgenti. La dichiarazione congiunta su un partenariato per l'urbanizzazione intelligente e sostenibile adottata al vertice stabilisce le priorità e gli obiettivi di una cooperazione rafforzata fra le parti per quanto concerne lo sviluppo urbano nei prossimi anni. Il partenariato creerà nuove opportunità di cooperazione fra le nostre corrispondenti autorità locali e regionali. Esso si fonderà sull'esperienza dell'Agenda urbana per l'UE e sul programma faro indiano Smart Cities Mission.

Il vicepresidente della Banca europea per gli investimenti (BEI), Andrew McDowell, ha confermato il prestito più importante mai erogato dalla BEI per investimenti in India. Il nuovo sostegno di 500 milioni di euro per il trasporto sostenibile in India sarà utilizzato per finanziare la costruzione di una nuova linea e l'acquisto di 96 nuovi convogli della metropolitana di Bangalore.

I leader si sono impegnati a progredire verso un modello di economia circolare che riduca il consumo di risorse primarie. Il nuovo dialogo del G20 per l'efficienza delle risorse fungerà da piattaforma per una stretta collaborazione sull'uso efficiente e sostenibile delle risorse naturali, elaborando le strategie necessarie per questa transizione economica fondamentale e promuovendo l'efficienza delle risorse a livello globale. I leader hanno convenuto inoltre di intensificare la cooperazione per quanto riguarda le sfide ambientali, in particolare nell'ambito del partenariato India-UE sulle acque. Il forum UE-India sulle acque dell'11 ottobre 2017 definirà azioni concrete a favore di tale impegno.

Durante il vertice si è convenuto di imprimere un nuovo slancio alla cooperazione nel campo della ricerca e dell'innovazione varando un'importante iniziativa faro di 30 milioni di EUR nella ricerca sull'acqua. Le parti hanno inoltre convenuto di accrescere la loro cooperazione nella ricerca e nell'innovazione estendendo il meccanismo di cofinanziamento UE-India a tutti i settori di interesse indiano nel quadro di Orizzonte 2020, quali sanità, cambiamento climatico ed energia, quest'ultima nell'ambito dell'iniziativa “Mission Innovation”. È stato firmato un accordo di attuazione tra il Consiglio europeo per la ricerca e l'Indian Science and Engineering Research Board (SERB) per agevolare le visite di ricerca di promettenti ricercatori indiani e collaborare nelle attività di gruppo finanziate dal Consiglio europeo per la ricerca. Entrambe le parti hanno confermato l'importanza di concludere l'accordo Euratom-India sulla cooperazione in materia di ricerca e sviluppo degli usi pacifici dell'energia nucleare e hanno convenuto di adoperarsi per una rapida conclusione.

I leader hanno altresì accolto con favore l'imminente operatività dell'accordo orizzontale su alcuni aspetti dei servizi aerei. L'attuazione di questo accordo ripristinerà la certezza del diritto nelle reciproche relazioni del settore, rendendo conformi al diritto dell'UE gli accordi bilaterali sui servizi aerei tra l'India e gli Stati membri dell'UE. Di conseguenza l'India riconosce ora il principio della designazione dei vettori aerei dell'UE che consentirà loro di effettuare voli verso l'India da qualsiasi Stato membro con cui l'India abbia concluso un accordo bilaterale.

I leader hanno altresì espresso il loro impegno a rafforzare la cooperazione in materia di migrazione e rifugiati, compreso il processo delle Nazioni Unite verso l'adozione di patti sui rifugiati e su una migrazione sicura, ordinata e regolare. Le parti hanno convenuto di rafforzare ulteriormente gli sforzi congiunti per attuare l'agenda comune UE-India su migrazione e mobilità (CAMM).

 

Insieme per la pace e la sicurezza mondiali

Convinti sostenitori del multilateralismo e di un ordine mondiale basato sul diritto, l'Unione europea e l'India condividono una visione delle principali sfide mondiali e regionali. Al vertice i leader hanno affrontato diverse questioni urgenti nelle immediate vicinanze dell'UE e dell'India, oltre a quelle più lontane, Fra cui si annoverano le prospettive di pace in Afghanistan, la situazione nella penisola coreana, in Myanmar e nell'est dell'Ucraina nonché in Iran e Siria e quanto riguarda il processo di pace in Medioriente. I leader hanno inoltre discusso del potenziale di cooperazione accresciuta fra l'UE e l'India nella regione dell'Oceano indiano e in Africa.

I leader hanno adottato una dichiarazione congiunta sulla lotta al terrorismo, compiendo un ulteriore passo in questo settore. Negli ultimi mesi sono stati compiuti progressi considerevoli, anche grazie a un dialogo costante in materia; la dichiarazione congiunta intende sottolineare la cooperazione per quanto riguarda la prevenzione e la lotta al terrorismo, all'estremismo violento e alla radicalizzazione, lo smantellamento delle reti di reclutamento di terroristi combattenti stranieri, delle fonti di finanziamento e delle forniture di armi ai terroristi.

Il 4 ottobre, il vanto e quartier generale italiano dell'operazione Atalanta della forza navale dell'UE, la fregata ITS Fasan, ha eseguito manovre congiunte con la nave INS Trishul della marina indiana al largo delle coste della Somalia, che rappresenta la prima esercitazione navale congiunta UE-India. Al vertice i leader hanno convenuto di proseguire tali esercitazioni e di espandere la cooperazione nel settore della sicurezza marittima.

In previsione della 5a conferenza mondiale sul cyberspazio, che si terrà a New Delhi il 23 e 24 novembre 2017, i leader hanno espresso l'intenzione di approfondire la cooperazione nel settore della sicurezza informatica, proclamandosi a favore di un cyberspazio aperto, libero, sicuro, stabile, pacifico e accessibile, in grado di promuovere la crescita economica e l'occupazione.

 

Ulteriori informazioni

Sito web del 14º vertice UE-India

Dichiarazione congiunta del 14º vertice UE-India

Dichiarazione congiunta sull'energia pulita e sul cambiamento climatico

Dichiarazione congiunta sulla lotta al terrorismo

Dichiarazione congiunta su un partenariato per l'urbanizzazione intelligente e sostenibile

Osservazioni del presidente Juncker alla conferenza stampa che ha seguito il 14º vertice UE-India

Scheda informativa sulle relazioni UE-India

Relazioni commerciali UE-India

Sito web della delegazione dell'UE in India

IP/17/3728

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar