Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Una primavera europea? Il più recente sondaggio Eurobarometro standard rivela che l'ottimismo è in crescita

Bruxelles, 2 agosto 2017

Ad un anno dal referendum nel Regno Unito la stragrande maggioranza dei cittadini dell'UE è ottimista riguardo al futuro dell'Unione europea.

Il numero di europei che ora sono ottimisti anche riguardo alla situazione della propria economia nazionale ha quasi raggiunto la maggioranza. La fiducia nell'Unione europea sta crescendo - ha raggiunto il livello più alto dal 2010 - e il sostegno all'euro è maggiore di quanto lo sia mai stato dal 2004. Inoltre la maggioranza dei partecipanti a un sondaggio condotto per la prima volta in undici paesi terzi afferma di avere una visione positiva dell'UE. Questi sono alcuni dei risultati principali del più recente sondaggio Eurobarometro standard pubblicato oggi con il sondaggio Eurobarometro flash "Future of Europe – Views from outside the EU" (Futuro dell'Europa - Opinioni dei cittadini extra-UE).

I - Ottimismo riguardo al futuro dell'Unione europea e alla situazione delle economie nazionali

Il futuro dell'Unione europea: la maggior parte degli europei è ottimista e nutre sempre maggiore fiducia nelle istituzioni dell'UE

La maggioranza degli europei (56%) è ottimista riguardo al futuro dell'UE. Rispetto all'autunno 2016 questo dato segna un incremento di sei punti percentuali. Gli aumenti più significativi si osservano in Francia (55%, +14 punti dallo scorso autunno), in Danimarca (70%, +13 punti) e in Portogallo (64%, +10 punti).

La fiducia nell'UE continua a crescere e si assesta al 42% (si trovava al 36% nell'autunno 2016 e al 32% nell'autunno 2015). L'incremento più significativo si è verificato in Francia (41%, +15 punti), in Danimarca (56%, +11 punti) e in Estonia (55%, +11 punti), ma anche in Germania la fiducia è cresciuta di 10 punti, raggiungendo il 47%.

Come nei due precedenti sondaggi della primavera e dell'autunno 2016, anche il livello di fiducia nei parlamenti e nei governi nazionali è cresciuto, passando rispettivamente al 36% e al 37%, pur rimanendo inferiore rispetto al livello di fiducia nell'UE.

Il 40% degli europei ha un'immagine positiva dell'UE (+5 punti dall'autunno 2016). Il numero dei partecipanti al sondaggio che condivide tale percezione positiva è aumentato in 24 Stati membri, in particolare in Francia (40%, +11 punti), in Danimarca (42%, +10 punti) e in Lussemburgo (57%, +10 punti).

Infine, il 68% degli europei (il livello più alto mai evidenziato da questo indicatore) si sente cittadino dell'UE.

L'economia: percezioni più positive e molto favorevoli all'euro

Quasi la metà degli europei (46%, +5 punti percentuali rispetto all'autunno 2016) ritiene che la situazione attuale della propria economia nazionale sia "buona". Tale percentuale è aumentata in modo significativo negli ultimi anni (+20 punti dalla primavera 2013; +26 punti dalla primavera 2009).

Sebbene permangano differenze notevoli tra gli Stati membri, le valutazioni positive riguardo alla situazione delle economie nazionali stanno guadagnando terreno in 22 Stati membri, in particolare in Finlandia (59%, +19 punti), in Portogallo (33%, +18 punti), in Belgio (60%, +11 punti) e in Ungheria (41%, +11 punti).

Nella zona euro circa tre quarti dei partecipanti al sondaggio si sono espressi a favore dell'euro (73%, +3 punti): il punteggio più alto mai raggiunto dall'autunno 2004. In sei paesi (Slovacchia, Germania, Estonia, Irlanda, Slovenia e Lussemburgo) il sostegno all'euro proviene dall'80% o più dei rispondenti.

II - Per la prima volta il terrorismo è visto come la sfida più importante per l'UE

Il terrorismo è attualmente la prima delle tematiche che i cittadini citano quando si parla delle sfide che l'UE si trova attualmente ad affrontare (44%, +12 punti percentuali dall'autunno 2016). L'immigrazione, che costituisce una preoccupazione principale sin dalla primavera 2015, è ora al secondo posto tra le sfide più frequentemente citate (38%, -7 punti). Seguono, con notevole distacco, la situazione economica (18%, -2 punti), lo stato delle finanze pubbliche degli Stati membri (17%, punteggio invariato) e la disoccupazione (15%, - 1 punto) Il terrorismo è la prima preoccupazione per l'UE in 21 Stati membri, mentre nell'autunno 2016 lo era solo in un paese. Il terrorismo e l'immigrazione sono citate come le sfide principali in tutti i paesi, ad eccezione del Portogallo e della Svezia.

A livello nazionale i motivi di apprensione principali continuano ad essere la disoccupazione (29%, -2punti) e l'immigrazione (22%, -4 punti), sebbene si registri una diminuzione per entrambe. La salute e la sicurezza sociale occupano ora il terzo posto (20%, +2 punti), seguite dal terrorismo che ha registrato una crescita notevole (19%, +5 punti). La situazione economica, che costituiva la preoccupazione principale a livello nazionale nell'autunno 2011, è ora retrocessa al quinto posto (16%, -3 punti).

III - Sondaggio "Futuro dell'Europa - Opinioni dei cittadini extra-UE"

Per la prima volta il sondaggio Eurobarometro ha valutato l'immagine dell'Unione europea percepita in undici paesi non UE[1]. Tali paesi rappresentano il 49% della popolazione mondiale e il 61% del PIL globale. Nei tre paesi maggiormente popolati tra questi undici (Cina, India e USA) almeno i tre quarti dei partecipanti al sondaggio condividono un'opinione positiva dell'UE.

Nella maggior parte dei paesi in cui è stato condotto il sondaggio i rispondenti hanno un'opinione positiva dell'UE: il 94% in Brasile, l'84% in Cina, l'83% in India, il 76% in Giappone, il 79% in Canada, il 75% negli USA, il 67% in Australia e il 54% in Turchia. Al tempo stesso i rispondenti dei paesi più vicini all'UE (Russia, Norvegia e Svizzera) tendono ad avere percezioni contrastanti (tra il 43% e il 46% hanno un'opinione positiva dell'UE).

Dal sondaggio emerge anche che, nei paesi in cui si è svolto il sondaggio, l'UE è percepita a livello mondiale come "un luogo di stabilità in un mondo in difficoltà", tuttavia con differenze importanti: a pensarla così è infatti l'82% in India e il 49% in Turchia, ma non è il caso della Russia, dove solo il 33% condivide tale opinione, mentre il 61% pensa il contrario.

Contesto

Il sondaggio "Eurobarometro standard - Primavera 2017" (EB 87) è stato realizzato mediante interviste individuali tra il 20 e il 30 maggio 2017. Sono state intervistate in tutto 33 180 persone negli Stati membri dell'UE e nei paesi candidati[2].

Il sondaggio Eurobarometro flash 450 "Futuro dell'Europa - Opinioni dei cittadini extra-UE" è stato condotto mediante interviste telefoniche tra il 20 e il 25 febbraio 2017. Complessivamente sono state intervistate 11 035 persone in 11 paesi terzi.

La relazione sui primi risultati dell'Eurobarometro standard, pubblicata in data odierna, descrive l'atteggiamento dei cittadini europei nei confronti dell'UE, i loro principali motivi di preoccupazione e la loro percezione della situazione economica.

Per ulteriori informazioni

- Eurobarometro standard 87

- Relazione sul sondaggio Eurobarometro flash 450 "Futuro dell'Europa – Opinioni dei cittadini extra-UE".

 

[1]Australia, Brasile, Canada, Cina, Giappone, India, Norvegia, Russia, Stati Uniti d'America, Svizzera e Turchia.

[2] I 28 Stati membri dell'Unione europea (UE), i cinque paesi candidati (ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Turchia, Montenegro, Serbia e Albania) e la comunità turco-cipriota nella parte del paese non controllata dal governo della Repubblica di Cipro.

IP/17/2127

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar