Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Un nuovo pacchetto di sostegno della Commissione europea del valore di 500 milioni di EUR per gli agricoltori europei

Bruxelles, 18 luglio 2016

Questo pacchetto di sostegno globale costituisce un'ulteriore testimonianza dell'immutato impegno della Commissione nei confronti del settore agricolo dell'UE.

Oggi la Commissione europea ha presentato un nuovo pacchetto di misure del valore di 500 milioni di EUR provenienti dai fondi UE per fornire un sostegno agli agricoltori che si trovano ad affrontare le attuali difficoltà del mercato, in particolare nel settore dei prodotti lattiero-caseari.

Le misure sono state presentate al Consiglio dei ministri dell'Agricoltura dell'UE dal Commissario per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale, Phil Hogan: "In un momento di forti pressioni a livello di bilancio, questo pacchetto fornisce una nuova ed energica risposta. Concretamente, la Commissione ha stanziato più di 1 miliardo di EUR di nuovi fondi per aiutare gli agricoltori in serie difficoltà. Il nostro obiettivo finale è la necessaria ripresa dei prezzi pagati agli agricoltori, in modo che possano vivere del proprio lavoro e continuare a fornire alimenti sicuri e di elevata qualità ai cittadini, oltre ad apportare il loro contributo alle aree e al lavoro rurali e alla fornitura di beni pubblici."

Il pacchetto odierno comprende tre elementi principali:

  • un regime a livello UE per incentivare una riduzione della produzione lattiera (150 milioni di EUR);
  • aiuti all'adattamento condizionali da definire e attuare a livello di Stato membro, a partire da un ventaglio di opzioni proposto dalla Commissione (350 milioni di EUR che gli Stati membri potranno integrare con altrettanti fondi nazionali, raddoppiando così potenzialmente il livello di sostegno fornito agli agricoltori);
  • una serie di misure tecniche per dare flessibilità (ad esempio in forma di sostegno accoppiato facoltativo) e aiuti liquidi (ad esempio attraverso un aumento dell'importo degli anticipi per i pagamenti diretti e i pagamenti per superficie a favore dello sviluppo rurale) e per rinforzare gli strumenti della rete di sicurezza (prolungando l'intervento e gli aiuti all’ammasso privato per il latte scremato in polvere).

I dettagli precisi di tutte le diverse misure saranno messi a punto nelle prossime settimane, in consultazione con gli esperti degli Stati membri. L’incidenza sul bilancio delle misure proposte sarà integrata in una lettera rettificativa al progetto di bilancio 2017 in autunno.

Incentivi per ridurre la produzione (150 milioni di EUR): dopo che la più recente riunione del consiglio economico dell’osservatorio del mercato del latte ha concluso che una correzione sul fronte del sostegno al mercato lattiero-caseario è ancora necessaria, la Commissione proporrà una misura a livello UE volta a incentivare una riduzione volontaria della produzione.

Aiuti all'adattamento condizionali (350 milioni di EUR, più possibile cofinanziamento nazionale fino a un importo equivalente. Tali integrazioni non sono considerate un aiuto di Stato): poiché con la crisi prolungata alcuni agricoltori mantengono o addirittura aumentano la produzione al fine di mantenere la liquidità, la Commissione intende fornire fondi nuovi che possano essere collegati a impegni specifici contribuendo nel contempo a garantire la stabilità del mercato. La sovvenzione disponibile per ciascuno Stato membro (cfr. allegato) tiene conto delle principali caratteristiche del settore, compresa la produzione, i prezzi di mercato e il peso dei piccoli agricoltori. Gli Stati membri godranno di una certa flessibilità per definire la misura o la combinazione di misure da mettere a disposizione degli agricoltori, quali metodi di produzione estensiva, sostegno alle piccole aziende agricole, progetti di cooperazione, ulteriori misure di sostegno alla riduzione della produzione, ecc. Vi saranno inoltre margini per coprire altri settori zootecnici.

Altri adeguamenti tecnici: i molti Stati membri che forniscono un sostegno accoppiato facoltativo per il settore lattiero-caseario (spesso per vacca) avranno la possibilità di derogare all’obbligo di mantenere le dimensioni delle mandrie nel 2017. Inoltre, ripetendo una misura dell’anno scorso, gli Stati membri saranno nuovamente autorizzati ad anticipare fino al 70% dei pagamenti diretti già a partire dal 16 ottobre e fino all'85% dei pagamenti per superficie a favore dello sviluppo rurale, senza la necessità di completare i controlli in loco. Dall’altro lato, la Commissione intende prorogare oltre la fine di settembre il periodo di intervento pubblico e di ammasso privato per il latte scremato in polvere. Intende inoltre aggiornare il sostegno per i ritiri dei prodotti ortofrutticoli effettuati dalle organizzazioni di produttori.    

L’annuncio di oggi si aggiunge ad un pacchetto separato di 500 milioni di EUR che è stato presentato dalla Commissione nel settembre scorso e ad una serie di altre misure, quali l’attivazione di una clausola (articolo 222) che consente accordi volontari tra i produttori di latte sulla pianificazione della produzione del latte, che era stata annunciata nel mese di marzo.

In termini di risorse finanziarie supplementari, la Commissione ha ad oggi mobilitato in meno di un anno oltre 1 miliardo di EUR di nuovi fondi per sostenere gli agricoltori in serie difficoltà. In un momento di forti pressioni a livello di bilancio, in particolare sul fronte della migrazione, questa è una risposta energica da parte della Commissione ed è una forte dichiarazione di sostegno per gli agricoltori europei.

 

Allegato

Luglio 2016: pacchetto di solidarietà in sette punti per l’agricoltura

1. Regime di riduzione della produzione di latte

150 milioni di EUR a sostegno di una riduzione volontaria delle consegne di latte nell’UE. Il regime opererà a livello dell’UE in modo che in tutta l'Unione gli agricoltori vi abbiano accesso alle stesse condizioni.

2. Aiuti all'adattamento condizionali

350 milioni di euro saranno mobilitati mediante misure a livello degli Stati membri (si veda sotto per gli importi per Stato membro). Lo Stato membro può integrare l’aiuto fino al 100%.

3. Sostegno accoppiato facoltativo

Gli Stati membri hanno la possibilità di riesaminare i loro accordi di sostegno accoppiato facoltativo per il settore lattiero-caseario in modo che il pagamento sia disaccoppiato nel 2017.

4. Proroga dell’intervento pubblico per il latte scremato in polvere oltre il 30 settembre

L’intervento pubblico per il latte scremato in polvere è prorogato fino alla fine del febbraio 2017, quando ricomincia il periodo normale. Il quantitativo massimo al quale il latte scremato in polvere è acquistato a prezzo fisso rimane pari a 350 000 t fino alla fine del dicembre 2016.

5. Proroga dei regimi di aiuto all’ammasso privato di latte scremato in polvere

Sia il regime standard (tra 90 e 210 giorni di ammasso), sia il regime potenziato (365 giorno di ammasso) per il latte scremato in polvere sono prorogati fino alla fine del febbraio 2017.

6. Anticipi

Anticipi fino al 70% per i pagamenti diretti a partire dal 16 ottobre 2016 e fino all’85% per i pagamenti per superficie a favore dello sviluppo rurale, dopo il completamento dei controlli amministrativi.

7. Prodotti ortofrutticoli

Sostegno aggiornato per i ritiri effettuati dalle organizzazioni di produttori nel settore degli ortofrutticoli.

 

Aiuti all'adattamento condizionali per il latte e altri settori zootecnici — ripartizione per Stato membro

Stato membro

EUR

Belgio

10 979 636

Bulgaria

5 809 941

Repubblica ceca

10 346 106

Danimarca

9 294 305

Germania

57 955 101

Estonia

8 081 123

Irlanda

11 086 327

Grecia

1 683 910

Spagna

14 665 678

Francia

49 900 853

Croazia

1 517 133

Italia

20 942 300

Cipro

297 165

Lettonia

9 760 362

Lituania

13 298 661

Lussemburgo

560 115

Ungheria

9 543 566

Malta

100 092

Paesi Bassi

22 952 419

Austria

5 863 491

Polonia

22 670 129

Portogallo

3 988 059

Romania

10 896 083

Slovenia

1 145 506

Slovacchia

2 062 803

Finlandia

7 521 715

Svezia

6 881 425

Regno Unito

30 195 996

 

Per ulteriori informazioni

Marzo 2016

Altre misure: http://europa.eu/rapid/press-release_IP-16-806_en.htm

Settembre 2015

Link al comunicato stampa:http://europa.eu/rapid/press-release_IP-15-5599_en.htm

Link al discorso integrale [Vicepresidente Katainen] e all’analisi di mercato: http://europa.eu/rapid/press-release_SPEECH-15-5600_en.htm

Link all’elenco completo delle misure: http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-15-5601_en.htm

IP/16/2563

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar