Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE

Commissione europea - Comunicato stampa

Avvicinare maggiormente all'UE i paesi candidati facendo leva sulla cooperazione transfrontaliera: la Commissione adotta un programma per l'Italia, l'Albania e il Montenegro

Bruxelles, le 16 dicembre 2015

La Commissione europea ha adottato ieri il nuovo programma di cooperazione transfrontaliera per l'Italia, il Montenegro e l'Albania, del valore di quasi 93 milioni di EUR, di cui quasi 79 provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dallo strumento di assistenza preadesione (IPA).

La Commissione europea ha adottato ieri il nuovo programma di cooperazione transfrontaliera per l'Italia, il Montenegro e l'Albania, del valore di quasi 93 milioni di EUR, di cui quasi 79 provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dallo strumento di assistenza preadesione (IPA). Questo è l'ultimo programma di cooperazione transfrontaliera ad essere adottato nel 2015.

Corina Crețu, Commissaria per la Politica regionale, ha dichiarato: "Sono lieta di aver adottato questo programma: si tratta di un perfetto esempio di come l'Unione mobiliti le proprie risorse per avvicinare all'UE i paesi candidati. I nostri programmi INTERREG sono notoriamente successi europei, in quanto creano un vero senso di solidarietà e di appartenenza al di là delle frontiere."

Johannes Hahn, Commissario per la Politica europea di vicinato e i negoziati di allargamento, ha dichiarato: "Questo nuovo programma di cooperazione transfrontaliera contribuisce a gettare le basi per uno sviluppo economico intelligente e sostenibile nella regione beneficiaria, che comprende due Paesi candidati (Albania e Montenegro). Il programma sosterrà la competitività delle PMI, la tutela dell'ambiente e la promozione dell'adattamento ai cambiamenti climatici e della mitigazione dei loro effetti, nonché il miglioramento delle infrastrutture pubbliche e dei trasporti."

In linea con la strategia dell'UE per la regione adriatica e ionica, il programma si concentra su cinque priorità:

1) rafforzamento della cooperazione transfrontaliera e della competitività delle PMI: sarà fornito sostegno alle piccole imprese locali per contribuire alla loro internazionalizzazione e sviluppare mercati transfrontalieri;

2) gestione intelligente del patrimonio naturale e culturale della regione frontaliera: nell'ambito di questa priorità, il programma investirà nello sviluppo di attività turistiche rispettose dell'ambiente e in nuovi prodotti e servizi culturali;

3) protezione dell'ambiente, gestione dei rischi e strategia per la riduzione delle emissioni di carbonio: gli investimenti dell'UE sosterranno un approccio strategico e transfrontaliero in materia di paesaggi acquatici, pratiche e strumenti innovativi per ridurre le emissioni di carbonio e migliore efficienza energetica negli edifici pubblici;

4) miglioramento della connettività transfrontaliera e promozione di sistemi di trasporto sostenibili:

5) assistenza tecnica per garantire la corretta ed efficace attuazione del programma.

Contesto

Lo strumento di assistenza preadesione (IPA) fornisce assistenza finanziaria e tecnica per sostenere le riforme nei paesi in fase di adesione, con una dotazione di 11,7 miliardi di EUR per il periodo 2014-2020, di cui oltre 484 milioni investiti in programmi di cooperazione transfrontaliera.

La direzione generale della Politica regionale e urbana (DG REGIO) gestisce attualmente 10 programmi di cooperazione transfrontaliera, che riuniscono un Stato membro con uno o più paesi candidati e potenziali candidati.

Ogni programma di cooperazione transfrontaliera IPA è istituito con un pari contributo del Fondo europeo di sviluppo regionale e dei fondi dello strumento di assistenza preadesione. Si tratta del cosiddetto principio della complementarietà dei fondi sancito nell'articolo 4 del regolamento sulla cooperazione territoriale europea: gli Stati membri convengono di destinare parte della dotazione del Fondo europeo di sviluppo regionale a programmi di cooperazione transfrontaliera da attuare alle frontiere esterne dell'UE, a condizione che importi almeno equivalenti siano forniti dallo strumento di assistenza preadesione. I fondi vengono quindi raggruppati e spesi indifferentemente in Stati membri e non membri.

La DG REGIO lavora in stretta collaborazione con la direzione generale della Politica di vicinato e dei negoziati di allargamento (DG NEAR): la DG NEAR gestisce i programmi di cooperazione transfrontaliera dell'IPA (strumento di assistenza preadesione) alle frontiere tra i paesi dei Balcani occidentali, mentre la DG REGIO gestisce i programmi alle frontiere tra gli Stati membri e i paesi candidati e potenziali candidati.

Per ulteriori informazioni 

La politica di coesione in Italia

Montenegro – Assistenza finanziaria nell'ambito dell'IPA II

Albania – Assistenza finanziaria nell'ambito dell'IPA II

Sito web Inforegio

@EU_Regional @CorinaCretuEU

IP/15/6333

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar