Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

La Commissione propone di rendere i prodotti e i servizi maggiormente accessibili alle persone con disabilità

Bruxelles, le 2 dicembre 2015

La Commissione europea ha proposto oggi un Atto europeo sull'accessibilità che definisce, per alcuni prodotti e servizi fondamentali, requisiti comuni di accessibilità che contribuiranno alla piena partecipazione delle persone con disabilità nella società.

Versione accessibile e memo.

I prodotti e servizi al centro della proposta sono stati scelti con cura, in consultazione con i cittadini, le organizzazioni della società civile e le imprese. Tra questi, gli sportelli bancomat e i servizi bancari, i personal computer, i telefoni e gli apparecchi televisivi, i servizi telefonici e audiovisivi, i trasporti, i libri elettronici (e-book) e il commercio elettronico.  

La proposta di direttiva mira a migliorare il funzionamento del mercato interno: per le imprese sarà più semplice fornire prodotti e servizi accessibili a livello transfrontaliero. I requisiti comuni di accessibilità si applicheranno anche in relazione alle norme UE sugli appalti pubblici e per quanto concerne l'uso dei fondi UE. L'iniziativa promuoverà l'innovazione e accrescerà l'offerta di prodotti e servizi accessibili a beneficio dei circa 80 milioni di persone con disabilità dell'UE.

Un impegno particolare è stato rivolto a garantire la proporzionalità dei requisiti, in particolare per le piccole imprese e le microimprese. Una clausola di buon senso evita che i requisiti di accessibilità si traducano in un onere sproporzionato e per quanto concerne le microimprese sono previste misure meno rigide per garantire il rispetto dei requisiti. L'esperienza dimostra che nella maggior parte dei casi offrire prodotti accessibili è una scelta economica vincente, soprattutto quando l'accessibilità è prevista già in fase di progettazione.

Marianne Thyssen, Commissaria responsabile per l'Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori, ha dichiarato: "La disabilità non dovrebbe costituire un ostacolo alla piena partecipazione alla società e l'assenza di norme comuni a livello di UE non dovrebbe essere un freno al commercio transfrontaliero di prodotti e servizi accessibili. Con questo Atto intendiamo potenziare il mercato interno e valorizzarne le potenzialità a vantaggio sia delle imprese sia dei cittadini con disabilità. In effetti, ne trarremo tutti vantaggio."   

Grazie all'Atto europeo sull'accessibilità, i produttori e i fornitori di servizi potranno più agevolmente esportare prodotti e servizi conformi ai requisiti UE perché non dovranno adattarli a norme nazionali divergenti. Ciò aiuterà in particolare le piccole imprese a cogliere appieno i benefici offerti dal mercato UE.

Di conseguenza, le persone con disabilità vedranno crescere l'offerta di prodotti e servizi accessibili a prezzi maggiormente competitivi. Questa maggiore offerta può essere utile anche per i cittadini più anziani, che hanno esigenze di accessibilità analoghe, e per quella più vasta platea di persone che devono affrontare le difficoltà legate a un infortunio, a una malattia temporanea od operare in condizioni disagevoli, come un ambiente scarsamente illuminato o rumoroso. Questo nuovo strumento contribuirà ad accrescere la partecipazione attiva alla società, anche nei settori dell'istruzione e dell'occupazione, e offrirà inoltre maggiori opportunità di autonomia e di mobilità.

Contesto

Nell'UE circa 80 milioni di persone presentano un certo grado di disabilità. A causa dell'invecchiamento della popolazione, il loro numero dovrebbe salire a 120 milioni entro il 2020. L'accessibilità, oltre a contribuire a una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, è condizione indispensabile per assicurare a queste persone una partecipazione paritaria e un ruolo attivo nella società.

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità elenca una serie di obblighi in materia di accessibilità. Essa prescrive che gli Stati Parti, come l'UE e i suoi Stati membri, prendano le misure necessarie, anche d'ordine legislativo, per assicurare l'accessibilità. Senza l'intervento dell'UE ciascun paese UE, per adempiere i propri obblighi, continuerebbe a sviluppare strumenti legislativi diversi, con il risultato di una sempre maggiore frammentazione del mercato dell'UE.

L'azione dell'UE può evitare tale frammentazione e creare maggiori opportunità di mercato per le imprese. Può far diminuire il costo dei prodotti e servizi accessibili e nel lungo periodo avere un impatto positivo sulle finanze pubbliche grazie a una riduzione del grado di dipendenza degli anziani e delle persone con disabilità.

Nel 2011 l'UE ha ratificato la convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD) che affronta la disabilità sul piano dei diritti umani e non in una prospettiva medica o caritatevole. Copre i diritti civili, politici, economici, sociali e culturali e tutta una serie di politiche: dalla giustizia ai trasporti, dall'occupazione alla tecnologia dell'informazione, ecc. L'articolo 9 della convenzione, dedicato all'accessibilità, impone agli Stati Parti l'obbligo di garantire alle persone con disabilità l'accesso su base di uguaglianza con gli altri.

Tutti gli Stati membri hanno sottoscritto la convenzione e 25 l'hanno ratificata. La Finlandia, l'Irlanda e i Paesi Bassi si apprestano a ratificarla. Ciò significa che l'UE, come anche gli Stati membri che ne sono Parti, sono impegnati, nell'ambito delle rispettive competenze, a difendere e a tutelare i diritti delle persone con disabilità sanciti dalla convenzione delle Nazioni Unite.

Per ulteriori informazioni

Cfr. anche la scheda informativa

Notizie sul sito web della DG Occupazione

Marianne Thyssen e Social Europe su twitter

Per abbonarsi gratuitamente alla newsletter elettronica della Commissione europea su occupazione, affari sociali e inclusione:

http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=371&langId=it

Hashtag: #EUdisability

IP/15/6147

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar