Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

La Commissione presenta una nuova strategia per l'aviazione in Europa

Bruxelles, le 7 dicembre 2015

In data odierna la Commissione ha adottato una nuova strategia per l'aviazione, un'iniziativa fondamentale per dare impulso all'economia dell'Europa, rafforzare la sua base industriale e contribuire alla leadership globale dell'UE.

In data odierna la Commissione ha adottato una nuova strategia per l'aviazione, un'iniziativa fondamentale per dare impulso all'economia dell'Europa, rafforzare la sua base industriale e contribuire alla leadership globale dell'UE. Queste sono tre grandi priorità del Presidente Jean-Claude Juncker che la strategia contribuirà a realizzare assicurando che il settore dell'aviazione europea rimanga competitivo e sappia cogliere i vantaggi di un'economia globale caratterizzata da un'evoluzione e da uno sviluppo accelerati. Un settore dell'aviazione forte e proiettato sul mondo produrrà vantaggi non solo per le imprese, ma anche per i cittadini europei offrendo loro un maggior numero di collegamenti con il resto del mondo a prezzi più contenuti.

Maroš Šefčovič, Vicepresidente della Commissione e responsabile per l'Unione dell'energia, ha affermato: "Un'aviazione competitiva ed efficiente è essenziale per la crescita dell'Europa. Questa nuova strategia per l'aviazione delinea un quadro che consentirà all'aviazione europea di mantenere la sua leadership globale. Essa conferma anche l'impegno avanguardistico dell'Europa verso un'aviazione sostenibile, una questione di grande attualità in questo momento in cui gli occhi del mondo sono puntati su Parigi in occasione della conferenza sul cambiamento climatico (COP21)".

Violeta Bulc, Commissaria europea responsabile per i Trasporti, ha aggiunto: "Il settore dell'aviazione europea si trova ad affrontare diverse sfide e la strategia varata oggi delinea un piano d'azione ampio ed ambizioso per mantenere il suo vantaggio sui concorrenti. La strategia aiuterà le imprese europee a rimanere competitive grazie a nuovi investimenti e ad opportunità di fare affari, consentendo loro di crescere in modo sostenibile. Anche i cittadini europei ne beneficeranno grazie a una maggiore scelta, a prezzi più bassi e a livelli più elevati di sicurezza."

Obiettivo della Commissione è definire un'ampia strategia per l'intero ecosistema dell'aviazione civile dell'UE. In tale contesto le priorità sono:

1. Fare dell'UE un attore di punta dell'aviazione internazionale garantendo contemporaneamente condizioni di equità. Il settore dell'aviazione dell'UE deve poter sfruttare i nuovi mercati in espansione. A questo fine è possibile ricorrere a nuovi accordi esterni per l'aviazione con paesi e regioni chiave nel mondo. Ciò non servirà soltanto a migliorare l'accesso al mercato, ma offrirà anche nuove opportunità commerciali alle imprese europee ed assicurerà condizioni di mercato eque e trasparenti grazie a un quadro normativo chiaro. Questi accordi assicureranno anche un maggior numero di collegamenti aerei e prezzi più contenuti per i passeggeri. La connettività globale è un volano del commercio e del turismo e contribuisce direttamente alla crescita economica e alla creazione di posti di lavoro.

2. Sormontare gli ostacoli alla crescita nei cieli e sulla terra. La sfida principale per l'espansione dell'aviazione dell'UE consiste nel sormontare i vincoli sul piano della capacità, dell'efficienza e della connettività. La frammentazione dello spazio aereo europeo costa almeno 5 miliardi di euro all'anno e comporta l'emissione di quasi 50 milioni di tonnellate di CO2 supplementari. I limiti di capacità degli aeroporti dell'UE potrebbero costare fino a 818 000 posti di lavoro entro il 2035. Per l'UE è quindi il momento opportuno per pianificare la futura domanda di trasporto aereo e evitare la congestione. Per tale motivo la strategia ribadisce l'importanza di completare il progetto del cielo unico europeo, ottimizzando l'uso dei nostri aeroporti più frequentati e monitorando la connettività intra ed extra unionale per identificarne le carenze.

3. Mantenere elevati standard unionali. Nell'interesse dei cittadini e delle imprese europei è essenziale mantenere standard unionali elevati in materia di safety, security, ambiente, aspetti sociali e diritti dei passeggeri. La strategia propone importanti misure in tal senso tra cui un aggiornamento delle norme di sicurezza dell'UE per mantenere standard elevati di sicurezza in concomitanza con un traffico aereo in espansione. Oltre a ciò, un quadro normativo efficace ed efficiente assicurerà all'industria una maggiore flessibilità per consentirle di prosperare e di rimanere competitiva sul piano globale. La Commissione cercherà anche il modo per ridurre l'onere e i costi legati ai controlli di sicurezza grazie all'uso di nuove tecnologie e di un approccio basato sul rischio. Essa rafforzerà inoltre il dialogo sociale e le condizioni occupazionali nel settore dell'aviazione e porterà avanti una vigorosa misura globale per pervenire entro il 2020 ad una crescita a carbonio zero.

4. Compiere progressi sul piano dell'innovazione, delle tecnologie digitali e degli investimenti. Un catalizzatore per lo sviluppo dell'aviazione e della sua funzione di volano della crescita sarà dato dall'innovazione e dalla digitalizzazione. L'Europa in particolare deve valorizzare appieno le potenzialità legate ai droni. Questo è il motivo per cui la strategia propone un quadro legale per garantire la sicurezza e la certezza giuridica per l'industria e rispondere alle preoccupazioni legate alla privacy e alla protezione dei dati, alla sicurezza e all'ambiente. Inoltre, adeguati investimenti nelle tecnologie e nell'innovazione consolideranno il ruolo di punta dell'Europa nel trasporto aereo internazionale. L'Unione europea ha pianificato un investimento di 430 milioni di euro[1] all'anno fino al 2020 nel contesto del progetto di ricerca sulla gestione del traffico aereo nel cielo unico europeo (SESAR). Lo sviluppo tempestivo di soluzioni SESAR può portare alla creazione di più di 300 000 nuovi posti di lavoro. L'applicazione e l'ottimizzazione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione rivestono inoltre un particolare rilievo per quanto concerne la capacità, le prestazioni e la qualità del servizio negli aeroporti.

Per ulteriori informazioni sulla strategia per l'aviazione:

Sito web della strategia per l'aviazione: video, citazioni, infografica, domande e risposte, fatti e cifre

Domande e risposte

MEMO sull'aviazione internazionale

Contesto

La strategia per l'aviazione è una delle iniziative menzionate nel Programma di lavoro della Commissione per il 2015. Essa si articola in una comunicazione, in una proposta di revisione delle regole per la sicurezza dell'aviazione europea (regolamento (CE) n. 216/2008) e in richieste di negoziazione di ampi accordi sul trasporto aereo a livello europeo con diversi paesi terzi d'importanza fondamentale.

Per l'Unione europea l'aviazione è un vigoroso volano della crescita economica, della creazione di posti di lavoro, degli scambi e della mobilità e svolge un ruolo essenziale nell'economia dell'UE. Il settore dà lavoro a quasi 2 milioni di persone nell'UE ed ha un peso economico in Europa pari a 110 miliardi di euro. Nell'ultimo ventennio la liberalizzazione del mercato interno dei servizi aerei realizzata nell'UE e la crescita sostanziale della domanda di trasporto aereo nell'UE e nel mondo hanno determinato uno sviluppo importante del settore del trasporto aereo europeo. Nel 2035 il traffico aereo in Europa dovrebbe raggiungere 14,4 milioni di voli, 50% in più rispetto al 2012.


[1]Contributo medio annuo previsto nel periodo 2014-2020.

IP/15/6144

Contatti per la stampa:

Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail


Side Bar