Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

L'Unione europea e l'Etiopia firmano l'agenda comune su migrazione e mobilità

Bruxelles, le 11 novembre 2015

L'Unione europea e l'Etiopia firmano l'agenda comune su migrazione e mobilità

L'UE e l'Etiopia hanno firmato oggi una dichiarazione congiunta relativa a un'agenda comune su migrazione e mobilità, che riflette l'importanza dell'Etiopia in quanto paese di origine, di transito e di destinazione per i migranti irregolari e i rifugiati dal Corno d'Africa verso l'Europa.

L'agenda è stata firmata da Jean-Claude Juncker, Presidente della Commissione europea, Federica Mogherini, Alta rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione europea, Jean Asselborn, ministro lussemburghese degli affari esteri e presidente di turno del Consiglio, a nome dell'Unione europea e degli Stati membri, e da Hailemariam Dessalegn, Primo ministro dell'Etiopia.

Le due parti intendono cooperare su temi quali la protezione internazionale e le esigenze dei rifugiati, la migrazione legale e la mobilità, la migrazione irregolare, il traffico di migranti e la tratta di esseri umani e la politica di sviluppo. Saranno concessi finanziamenti per l'esecuzione di attività concrete, in particolare attraverso il Fondo fiduciario di emergenza dell'UE per l'Africa, per il quale l'UE ha già stanziato 1,8 miliardi di EUR.

Il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha dichiarato: "L'Etiopia è il paese che ospita il maggior numero di rifugiati in Africa (oltre 733 000 persone). Il governo etiope ha bisogno e merita di ricevere il sostegno dell'UE. L'Etiopia è anche un paese di origine e di transito per i migranti irregolari diretti verso l'Europa. Dobbiamo cooperare per gestire meglio questi flussi nel pieno rispetto dei diritti umani. Le autorità etiopi hanno dimostrato il loro impegno nella lotta contro il traffico di migranti e la tratta di esseri umani, che è un segnale positivo per la nostra futura cooperazione nel quadro dell'agenda comune. La firma di oggi si inserisce nel contesto molto più ampio della relazione che stiamo cercando di costruire insieme".

Federica Mogherini, Alta rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione europea, ha aggiunto: "L'Etiopia e l'Unione europea, partner strategici da ben 40 anni, si trovano confrontati con la sfida comune della migrazione. Tra le numerose questioni bilaterali e regionali che abbiamo discusso in occasione della mia visita ad Addis Abeba il 20 ottobre, abbiamo convenuto di potenziare la nostra cooperazione per contrastare il traffico di migranti e la tratta di esseri umani, per facilitare il reinserimento dei migranti oggetto di una procedura di rimpatrio, per aiutare l'Etiopia ad accogliere i rifugiati provenienti dai paesi vicini e per rafforzare la resilienza delle comunità più vulnerabili. L'agenda comune firmata oggi, che rafforza il livello di cooperazione tra UE e Etiopia, contribuirà a una migliore gestione dei flussi migratori misti."

L'UE sta intensificando la cooperazione con i paesi di origine e di transito per affrontare l'attuale crisi dei rifugiati. Il vertice UE-Africa che si svolge oggi e domani a La Valletta mira a sviluppare strumenti comuni per migliorare la gestione della migrazione a livello continentale. La dichiarazione e il piano d'azione adottati in occasione del vertice saranno attuati attraverso i dialoghi regionali esistenti. All'interno di questo contesto più ampio, l'agenda comune con l'Etiopia sarà attuata a livello bilaterale.

La firma dell'agenda comune è il risultato di un intenso dialogo tra i servizi della Commissione europea e l'Etiopia che ha portato alle discussioni finali svoltesi ad Addis Abeba il 20 ottobre 2015, quando l'Alta rappresentante/vicepresidente Federica Mogherini ha incontrato il Primo ministro Dessalegn in un dialogo ad alto livello. La firma rappresenta un ulteriore passo avanti negli sforzi compiuti dall'UE e dall'Etiopia per gestire meglio la migrazione. Il dialogo UE-Etiopia su migrazione e mobilità determinerà l'orientamento generale dell'agenda comune attraverso riunioni annuali che si terranno alternativamente a Bruxelles e Addis Abeba.

L'Unione europea sta elaborando un programma di sviluppo e protezione regionale per il Corno d'Africa, che aiuterà i paesi che ospitano un numero ingente di rifugiati a rispondere sia alle esigenze di protezione e di sviluppo dei rifugiati e dei richiedenti asilo che alle esigenze delle comunità di accoglienza dei rifugiati e promuoverà lo sviluppo di capacità da parte delle autorità nazionali. Il consorzio incaricato del programma per il Corno d'Africa, guidato dai Paesi Bassi, sarà finanziato attraverso fondi UE e contributi nazionali.

Contesto

I dialoghi bilaterali in materia di migrazione e mobilità tra l'UE e i paesi terzi possono assumere diverse forme. I partenariati per la mobilità e le agende comuni su migrazione e mobilità costituiscono un importante quadro per il dialogo politico e la cooperazione operativa.

La proposta di negoziare un partenariato per la mobilità viene presentata una volta raggiunto un certo grado di avanzamento nei dialoghi su migrazione e mobilità. A differenza delle agende comuni su migrazione e mobilità, i partenariati per la mobilità comprendono i negoziati sugli accordi di facilitazione dei visti e di riammissione. I partenariati per la mobilità sono utilizzati principalmente per i paesi del vicinato, mentre le agende comuni sono utilizzate principalmente per gli altri paesi terzi.

Oltre alla firma di oggi con l'Etiopia, sono state firmate cinque dichiarazioni congiunte di questo tipo con i paesi partner nel continente africano, tra cui: Capo Verde, Marocco, Tunisia (partenariati per la mobilità) e Nigeria (agenda comune su migrazione e mobilità).

Per ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni sulle agende comuni su migrazione e mobilità e sui partenariati per la mobilità

Per maggiori informazioni sulla cooperazione UE-Etiopia

Per saperne di più sul vertice di La Valletta

IP/15/6050


Side Bar