Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Gestire la migrazione e finanziare la sicurezza dell'Europa: 2,4 miliardi di euro per sostenere gli Stati membri

Bruxelles, 10 agosto 2015

Questo mese la Commissione europea ha approvato 23 programmi nazionali pluriennali nel quadro del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF) e del Fondo Sicurezza interna (ISF). L'importo complessivo dei finanziamenti per i programmi concordati ammonta a circa 2,4 miliardi di euro per il periodo 2014-2020. Il denaro potrà ora essere trasferito agli Stati membri in prima linea, come la Grecia e l'Italia, e ad altri Stati membri che devono affrontare ingenti flussi migratori. La Commissione ha collaborato intensamente con gli Stati membri per garantire che i finanziamenti dell'UE siano svincolati al più presto. 22 programmi nazionali sono già stati approvati a marzo e altri 13 saranno approvati entro la fine dell'anno.

Dimitris Avramopoulos, Commissario responsabile per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ha dichiarato: "Al giorno d'oggi gli Stati membri sono confrontati a sfide senza precedenti nel campo della migrazione e della sicurezza, e la Commissione sta intervenendo in uno spirito di solidarietà. Attraverso le agende europee sulla migrazione e sulla sicurezza, la Commissione sta adottando iniziative ambiziose per migliorare la gestione della migrazione, promuovere la cooperazione e rendere l'Europa più sicura per i nostri cittadini proteggendoli dalla criminalità organizzata e dal terrorismo. I programmi nazionali approvati dalla Commissione erogano una consistente assistenza finanziaria agli Stati membri per aiutarli a rispondere a tali sfide. Siamo determinati a continuare a mettere in pratica la solidarietà."

Il Fondo AMIF finanzia le azioni nazionali volte a rafforzare le capacità di accoglienza, garantire che le procedure di asilo siano in linea con le norme dell'Unione, integrare i migranti a livello locale e regionale, e aumentare l'efficacia dei programmi di rimpatrio. Il Fondo ISF cofinanzia le azioni nazionali dirette a migliorare la gestione e la sorveglianza delle frontiere degli Stati membri (in particolare grazie all'uso di tecnologie moderne). Il Fondo ISF finanzia inoltre la cooperazione transfrontaliera delle autorità di contrasto e rafforza la capacità degli Stati membri di gestire efficacemente i rischi per la sicurezza, quali il terrorismo e la radicalizzazione violenta, il traffico di stupefacenti, la criminalità informatica, la tratta di esseri umani e altre forme di criminalità organizzata.

In aggiunta alla dotazione di base (cfr. allegato), la maggior parte dei programmi nazionali è integrata da ulteriori importi messi a disposizione per realizzare specifiche azioni transnazionali, quali i progetti comuni di rimpatrio e reinserimento nell'ambito del Fondo AMIF e l'istituzione di una cooperazione consolare nel quadro del Fondo ISF. Altri finanziamenti aggiuntivi del Fondo ISF saranno inoltre investiti nell'acquisto di attrezzature su larga scala che saranno messe a disposizione di Frontex. Tali risorse saranno disponibili per le operazioni congiunte ogniqualvolta necessario. Inoltre, quasi 37 milioni di euro erogati tramite i programmi del Fondo AMIF saranno utilizzati per sostenere il programma di reinsediamento dell'Unione nel periodo 2014-2015.

La Commissione si sta adoperando per la rapida approvazione dei restanti programmi nazionali. Con una dotazione totale complessiva di quasi 7 miliardi di euro per il periodo 2014-2020, i Fondi AMIF e ISF rappresentano i principali strumenti finanziari con cui l'UE investe in un'Europa aperta e sicura.

Contesto

Le iniziative dell'UE nel campo della migrazione e degli affari interni sono sostenute dal Fondo Asilo, migrazione e integrazione e dal Fondo Sicurezza interna.

Il Fondo Asilo, migrazione e integrazione contribuisce alla gestione efficace dei flussi migratori e allo sviluppo di un approccio comune in materia di asilo e migrazione.

Il Fondo Sicurezza interna (formato dalle due componenti Frontiere e visti e Strumento di sostegno per la cooperazione di polizia e la gestione delle crisi) contribuisce a garantire un livello elevato di sicurezza e di prevenzione della criminalità nell'Unione, rendendo al contempo possibile viaggiare in modo legittimo e garantendo una gestione rigorosa delle frontiere esterne dell'Unione europea.

L'85% dei finanziamenti è erogato attraverso i programmi strategici pluriennali nazionali per il periodo 2014-2020. Dopo l'approvazione della Commissione, questi programmi sono elaborati, attuati, monitorati e valutati dalle autorità competenti degli Stati membri, in collaborazione con le parti interessate del settore, compresa la società civile. I sistemi di reinsediamento e ricollocazione recentemente proposti dalla Commissione e approvati dal Consiglio saranno realizzati tramite i programmi nazionali del Fondo AMIF.

La parte restante dei finanziamenti (circa il 15% di tutte le risorse) è gestita dalla Commissione sulla base dei singoli programmi di lavoro. È attraverso questi programmi di lavoro della Commissione che vengono finanziate le azioni dell'Unione e l'assistenza emergenziale agli Stati membri.

Nelle scorse settimane sono stati approvati dalla Commissione 23 programmi nazionali: 7 nell'ambito del Fondo AMIF (Cipro, Grecia, Italia, Polonia, Slovacchia, Spagna e Svezia) e 16 nell'ambito del Fondo ISF (Austria, Bulgaria, Cipro, Estonia, Finlandia, Grecia, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Romania, Slovenia, Spagna e Ungheria). Sempre quest'anno erano stati approvati dalla Commissione 22 programmi nazionali: 17 nell'ambito del Fondo AMIF (Austria, Belgio, Bulgaria, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Romania, Slovenia e Ungheria) e 5 nell'ambito del Fondo ISF (Belgio, Danimarca, Francia, Germania e Repubblica ceca). I restanti 13 programmi nazionali saranno approvati nel corso del 2015.

ALLEGATO: Dotazioni finanziarie per Stato membro

gr

IP/15/5483

Contatti per la stampa

Informazioni al pubblico:


Side Bar