Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

Quanto sono sicure le nostre strade? Dalle statistiche della Commissione sulla sicurezza stradale risulta un lieve miglioramento nel 2014

Bruxelles, 24 marzo 2015

Dopo due anni in cui il numero di morti sulle strade europee era costantemente diminuito, le prime relazioni sulle vittime di incidenti stradali nel 2014 sono deludenti. Sulla base dei dati pubblicati oggi, il numero di decessi sulle strade è diminuito dell'1% circa rispetto al 2013, mentre nel 2012 e 2013 la riduzione era stata dell'8%. Dai dati emerge che nei 28 Stati membri dell'UE vi è stato un totale di 25 700 morti su strada nel 2014: anche se si tratta di 5 700 casi in meno rispetto al 2010, si è ben lungi dall'obiettivo prefissato. Per un quadro esaustivo della situazione si prega di consultare l'allegato.

Violeta Bulc, Commissaria dell'UE per i Trasporti, ha dichiarato: "È triste e duro dover ammettere che ogni giorno muoiono sulle nostre strade in media 70 cittadini europei e molti altri sono gravemente feriti. I dati pubblicati oggi dovrebbero far suonare un campanello di allarme. Dietro questi dati e statistiche ci sono persone a lutto, mogli e mariti, madri e padri, figli, fratelli e sorelle, colleghi e amici, e ciò contribuisce a ricordarci che la sicurezza stradale richiede attenzione costante e ulteriore impegno". La Commissaria Bulc ha inoltre affermato: "Nei prossimi anni dobbiamo intensificare gli sforzi per raggiungere l'obiettivo prefissato dell'UE di ridurre del 50% il numero dei decessi per incidenti stradali entro il 2020. Dobbiamo cooperare per far sì che un maggior numero di persone possa giungere sano e salvo a casa al temine di un tragitto su strada. È una delle mie priorità e dovrebbe essere una priorità di tutti i governi in tutti gli Stati membri".

Le statistiche del 2014 relative ai singoli paesi (cfr. l'allegato) indicano che il numero delle vittime di incidenti stradali varia sensibilmente all'interno dell'UE. Il tasso di mortalità medio dell'UE per il 2014 dovrebbe essere di 51 morti sulle strade per milione di abitanti. A Malta, nei Paesi Bassi, in Svezia e nel Regno Unito si continuano a constatare i tassi più bassi di mortalità su strada, con meno di 30 decessi per milione di abitanti. In quattro paesi si riscontrano tuttora tassi di mortalità al di sopra di 90 morti per milione di abitanti: Bulgaria, Lettonia, Lituania e Romania.

Tuttavia, i dati pubblicati oggi indicano una riduzione del numero totale di vittime della strada nell'UE pari al 18,2% dal 2010. In alcuni paesi europei – soprattutto la Grecia, il Portogallo e la Spagna - nel corso degli anni si è segnalato un miglioramento della sicurezza stradale superiore alla media. Anche in altri paesi, come Danimarca, Croazia, Malta, Cipro, Romania, Italia, Slovenia e Repubblica ceca, si riscontra una riduzione delle vittime della strada superiore alla media dell'UE per il periodo 2010-2014.

 

Contesto

Obiettivi e azioni in materia di sicurezza stradale

Occorre ora impegnarsi maggiormente per raggiungere l'obiettivo strategico dell'UE di ridurre del 50% il numero delle vittime di incidenti stradali dal 2010 al 2020. Nel quotidiano, la maggior parte degli interventi in materia di sicurezza stradale viene effettuata a livello locale o nazionale, per esempio promuovendo l'applicazione del codice della strada, campagne educative e lo sviluppo e la manutenzione delle infrastrutture. L'UE dà il suo contributo formulando la normativa ed emanando raccomandazioni su questioni di interesse comune, ad esempio in materia di requisiti minimi per i controlli tecnici degli autoveicoli e di armonizzazione delle norme tecniche.

Le prossime iniziative della Commissione:

  • portare a termine una relazione intermedia sulla politica dell'UE in materia di sicurezza stradale che faccia il punto della situazione e definisca un programma per i prossimi cinque anni; la relazione dovrebbe essere pubblicata nel maggio 2015;
  • proseguire il lavoro sui nuovi studi sulle lesioni gravi causate da incidenti stradali: nell'autunno del 2015 sarà avviato uno studio per valutare eventuali interventi volti a ridurre tali lesioni;
  • riesaminare le norme in materia di formazione e qualificazione dei conducenti professionali: entro la fine del 2016 la Commissione dovrebbe adottare una proposta;
  • rivedere il quadro comune dell'UE per la gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali: entro la fine del 2016 la Commissione dovrebbe adottare una proposta.

 

Per ulteriori informazioni

Commission's road safety work and EU road safety statistics: http://ec.europa.eu/roadsafety

 

Annex

Preliminary country by country statistics on road deaths for 2014[1]

 

Fatalities per million inhabitants (road fatality rate)

Evolution of total number of fatalities

2010

2013

2014

2010 - 2014

2013 - 2014

Austria

66

54

51

-22%

-5%

Belgium

77

65

64

-15%

-1%

Bulgaria

105

83

90

-16%

9%

Croatia

99

86

73

-28%

-16%

Cyprus

73

51

52

-25%

2%

Czech Republic[2]

77

62

61

-20%

-3%

Denmark

46

34

33

-28%

-4%

Estonia

59

61

59

-1%

-4%

Finland

51

48

41

-18%

-14%

France

64

51

53

-15%

4%

Germany

45

41

42

-8%

1%

Greece

112

79

72

-37%

-9%

Hungary

74

60

63

-15%

6%

Ireland

47

41

43

-7%

4%

Italy

70

57

52

-23%

-6%

Latvia

103

88

106

-3%

18%

Lithuania

95

86

90

-11%

4%

Luxembourg

64

84

65

13%

-20%

Malta

36

43

26

-27%

-39%

Netherlands[3]

32

28

-

-11%

-

Poland

102

87

84

-17%

-3%

Portugal

80

61

59

-34%

-3%

Romania

117

93

91

-24%

-2%

Slovakia

65

46

54

-18%

16%

Slovenia

67

61

52

-22%

-14%

Spain

53

36

36

-32%

0%

Sweden

28

27

29

3%

6%

United Kingdom2

30

28

29

-4%

3%

EU

62

51

50.5

-18%

-1%

 


[1] The 2014 figures are based on provisional data; there might be minor changes in the final data for individual countries.

[2] Estimation based on data from January to September

[3] Evolution of fatalities 2010- 2013

IP/15/4656

Contatti per la stampa

Informazioni al pubblico:


Side Bar