Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 8 agosto 2014

Navi da crociera più sicure grazie alla ricerca finanziata dall'UE

Al momento di prendere una decisione sulle vacanze estive, molti europei optano per una crociera o prendono un traghetto per raggiungere la loro destinazione. La sicurezza costituisce un aspetto molto importante del trasporto marittimo passeggeri. Grazie alla ricerca finanziata dall'UE, in futuro l'evacuazione delle grandi navi passeggeri potrebbe essere ancora più facile e sicura. Ricercatori finanziati dall'UE stanno inoltre contribuendo alla progettazione di navi da crociera e traghetti più stabili.

Il progetto triennale Lynceus, che terminerà all'inizio del 2015, è la dimostrazione di come le tecnologie senza fili a basso consumo possano aiutare a localizzare e rintracciare le persone a bordo delle navi, fornendo informazioni essenziali in caso di evacuazione, e migliorare la ricerca e il salvataggio in mare. L'obiettivo è quello di rivoluzionare le attuali pratiche di gestione e di evacuazione in caso di emergenza.

"Abbiamo messo a punto delle piastrine elettroniche senza fili innovative che possono essere inserite nei giubbotti salvagente, in modo da individuare facilmente l'ubicazione delle persone a bordo della nave", ha dichiarato il dott. Anastasis Kounoudes, responsabile del settore tecnico e amministratore delegato di SignalGeneriX, uno dei partner del progetto. "Ciò fornirà agli addetti alla sicurezza l'ubicazione esatta di ogni passeggero e membro dell'equipaggio durante una evacuazione" Questa tecnologia può essere utilizzata anche per monitorare la salute dei pazienti mediante l'applicazione di speciali braccialetti, o per aiutare i genitori a localizzare i figli a bordo di grandi navi da crociera che trasportano migliaia di passeggeri e membri dell'equipaggio. I ricercatori coinvolti nel progetto hanno anche sviluppato un dispositivo radar in grado di individuare l'esatta ubicazione dei passeggeri caduti in mare.

Il progetto GOALDS, conclusosi nel 2012, ha creato nuovi modelli per le grandi navi da crociera in modo da aumentarne la sicurezza in caso di collisione o di incaglio. Grazie alla nuova progettazione le navi avrebbero fino al 20% in più di possibilità di superare incagli e collisioni. Questi risultati sono stati presentati all'Organizzazione marittima internazionale per migliorare gli standard di sicurezza e i calcoli relativi alle navi da crociera. Il progetto GOALDS rientra nel quadro della ricerca finanziata dall'UE per migliorare la sicurezza marittima.

Máire Geoghegan-Quinn, Commissaria europea per la ricerca, l'innovazione e la scienza, ha dichiarato: "Questi progetti costituiscono un buon esempio di come stiamo affrontando questioni che possono migliorare – e in questo caso particolare addirittura salvare potenzialmente – la vita delle persone. Continueremo a investire in questo tipo di ricerca e innovazione attraverso il nostro nuovo programma «Horizon 2020».

Contesto

Il progetto Lynceus, con un finanziamento UE di 2,5 milioni di euro, coinvolge 15 partecipanti provenienti da Cipro, Germania, Grecia, Italia, Spagna, Svizzera e Regno Unito. Esso è coordinato dalla società cipriota di consulenza RTD Talos Ltd. La ricerca offre inoltre sostegno alle disposizioni della direttiva sull'equipaggiamento marittimo, recentemente modificata, che prevede la possibilità di introdurre dispositivi di marcatura elettronica a bordo delle navi battenti bandiere dell'UE.

Il progetto GOALDS ha ricevuto finanziamenti dall'UE per circa 3 milioni di euro. Esso ha coinvolto 19 partecipanti provenienti da nove paesi ed è stato coordinato dall' Università tecnica nazionale di Atene.

Entrambi i progetti sono stati finanziati nell'ambito del Settimo programma quadro dell'Unione europea per la ricerca e lo sviluppo tecnologico (2007-2013).

Il 1° gennaio l'UE ha varato un nuovo programma settennale per la ricerca e l'innovazione, «Horizon 2020». Nei prossimi sette anni quasi 80 miliardi di euro verranno investiti in progetti di ricerca e innovazione per sostenere la competitività economica dell'Europa e ampliare le frontiere del sapere umano. Il bilancio UE per la ricerca è incentrato principalmente sul miglioramento della vita quotidiana in settori come la sanità, l'ambiente, i trasporti, l'alimentazione e l'energia. I partenariati di ricerca con le industrie farmaceutica, aerospaziale, automobilistica, ferroviaria ed elettronica incoraggiano a loro volta gli investimenti del settore privato a favore della crescita futura e della creazione di posti di lavoro altamente qualificati. Horizon 2020 presterà ancora maggiore attenzione alla traduzione di idee eccellenti in prodotti, processi e servizi commercializzabili.

Per ulteriori informazioni

Lynceus http://www.lynceus-project.eu/

Video Euronews http://www.euronews.com/2014/05/05/don-t-panic/

Horizon 2020 - sito internet: http://ec.europa.eu/programmes/horizon2020/

Contatti:

Michael Jennings (+32 2 296 33 88) Twitter: @ECSpokesScience

Monika Wcislo (+32 2 298 65 95)

Per il pubblico: Contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 6 7 8 9 10 11 o per e­mail


Side Bar