Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 18 luglio 2014

Acquisti all'interno di applicazioni (in-app): un'azione congiunta della Commissione europea e degli Stati membri porta ad una migliore protezione dei consumatori nei giochi on line

In seguito a un gran numero di denunce presentate nei paesi dell'UE in merito agli acquisti all'interno di applicazioni (in-app) nei giochi on line, e in particolare gli acquisti inconsci fatti da bambini, le autorità nazionali si sono unite alla Commissione europea per cercare una soluzione.

L'azione coordinata di enforcement condotta nell'UE in merito agli acquisti all'interno di applicazioni on line e di giochi sui telefoni cellulari ha compiuto progressi reali verso la realizzazione di risultati tangibili. L'industria ha sottoscritto una serie di impegni al fine di tener conto delle preoccupazioni dei consumatori. Questa azione ha accresciuto la fiducia dei consumatori nel settore in rapida crescita delle "app".

"È la prima azione di enforcement di questo tipo che vede la Commissione europea e le autorità nazionali riunire i loro sforzi. Sono lieto di constatare che si stanno producendo risultati tangibili. Questo è un aspetto importante per i consumatori, e in particolare per i bambini che devono essere meglio protetti quando giocano on-line. Questa azione ha costituito inoltre una preziosa esperienza per la riflessione in corso su come organizzare meglio l'attuazione dei diritti dei consumatori nell'Unione. Essa ha dimostrato che la cooperazione si ripaga e contribuisce a migliorare la protezione dei consumatori in tutti gli Stati membri", ha dichiarato Neven Mimica, Commissario dell'UE responsabile per la Politica dei consumatori.

Il Vicepresidente Neelie Kroes, responsabile per l'Agenda digitale, ha aggiunto: "La Commissione è estremamente aperta all'innovazione nel settore delle app. Gli acquisti all'interno di applicazioni sono un modello commerciale legittimo, ma è essenziale che i realizzatori di app comprendano e rispettino la normativa dell'UE allorché sviluppano questi nuovi modelli commerciali".

Una posizione comune concordata dalle autorità nazionali nell'ambito della rete CTC e trasmessa nel dicembre 2013(1) ad Apple, Google e all'Interactive Software Federation of Europe richiedeva quanto segue:

  • i giochi pubblicizzati come "gratuiti" non devono fuorviare i consumatori sui costi reali in questione;

  • i giochi non devono contenere inviti diretti ai bambini ad acquistare articoli nell'ambito di un gioco o persuadere gli adulti ad acquistarli per i bambini;

  • i consumatori devono essere adeguatamente informati sulle condizioni di pagamento degli acquisti e non dovrebbero vedersi addebitare importi in base a un'impostazione predefinita di pagamento senza aver fornito il loro consenso esplicito;

  • i commercianti devono fornire un indirizzo di posta elettronica per consentire ai consumatori di contattarli se hanno dubbi o rimostranze.

Attraverso il meccanismo di cooperazione per la tutela dei consumatori stabilito dalle norme dell'UE, Apple, Google e le pertinenti associazioni di categoria sono stati invitati a predisporre in tutta l'UE soluzioni concrete alle obiezioni sollevate.

Google ha deciso di apportare diversi cambiamenti. L'implementazione in corso sarà completata entro la fine di settembre 2014. Ad esempio, non comparirà affatto l'espressione "gratis" quando i giochi contengono acquisti in-app, è previsto lo sviluppo di orientamenti mirati all'indirizzo degli sviluppatori di app per prevenire l'esortazione diretta ai bambini quale definita dalla normativa dell'UE e sono previste misure scaglionate nel tempo per contribuire a monitorare le palesi violazioni della legislazione consumeristica dell'UE. Google ha anche adattato le sue impostazioni predefinite per far sì che i pagamenti siano autorizzati prima di qualsiasi acquisto all'interno di applicazioni, a meno che il consumatore non scelga attivamente di modificare tali impostazioni.

Anche se purtroppo Apple non ha finora prospettato soluzioni concrete e immediate per affrontare le preoccupazioni legate, in particolare, all'autorizzazione di pagamento, Apple ha espresso il proponimento di affrontare tali problematiche. Tuttavia, per la realizzazione di questi eventuali cambiamenti futuri non sono stati forniti né un fermo impegno, né un calendario specifico. Le autorità CTC continueranno le discussioni con Apple per assicurare che l'azienda fornisca dettagli specifici sui cambiamenti richiesti e li ponga in atto conformemente alla posizione comune.

Le autorità di contrasto degli Stati membri e la Commissione europea hanno anche invitato le associazioni di sviluppatori di giochi on line e le rispettive piattaforme a riflettere sulle misure concrete che potrebbero adottare per affrontare le questioni sollevate nella posizione comune, tra cui la possibilità di adottare linee guida o standard che tengano conto del regolamento sulla cooperazione in materia di tutela dei consumatori (CTC).

L'enforcement, tra cui le eventuali azioni legali, compete alle autorità nazionali che esamineranno ora come affrontare le eventuali questioni legali pendenti.

La Commissione europea e gli Stati membri continueranno a monitorare la questione e in particolare a verificare in che misura gli impegni assunti vengono fatti valere nella pratica per rispondere alle preoccupazioni espresse in relazione alla posizione CTC.

Contesto

Il regolamento relativo alla cooperazione in materia di tutela dei consumatori (CTC) (regolamento (CE) n. 2006/2004) unisce le autorità nazionali preposte alla tutela dei consumatori in una rete paneuropea di contrasto. Grazie a questo quadro, un'autorità nazionale anche in un solo Stato membro dell'UE può contattare le sue controparti in un altro paese dell'UE chiedendo loro di intervenire in caso di violazione transfrontaliera delle norme consumeristiche unionali. La cooperazione può valere per norme consumeristiche che interessano diversi ambiti, come ad esempio quelli coperti dalla Direttiva sulle pratiche commerciali sleali e dalla Direttiva sulle clausole abusive nei contratti.

Per ulteriori informazioni

Common Positions of the national consumer enforcement authorities on consumer protection in games apps from July 2014 (Posizioni comuni del luglio 2014 delle autorità nazionali preposte al diritto consumeristico per quanto concerne la protezione dei consumatori nelle app offerte con i giochi)

Common Positions of the national consumer enforcement authorities on consumer protection in games apps from December 2013 (Posizioni comuni del dicembre 2013 delle autorità nazionali preposte al diritto consumeristico per quanto concerne la protezione dei consumatori nelle app offerte con i giochi)

Sito web per la tutela dei consumatori

IP/14/187

Sito web del commissario Mimica

Seguite il commissario Mimica su Twitter: @MimicaEU

Seguite la politica dei consumatori dell'UE su Twitter: @EU_Consumer

Persone da contattare:

David Hudson (+32 2 296 83 35)

Andreana Stankova (+32 2 295 78 57)

Joshua Salsby  (+32 2 297 24 59)

Per il pubblico: Europe Direct per telefono 00 800 6 7 8 9 10 11 o tramite e­mail

1 :

La European Games Developer Federation (EGDF) e l'International Social Games Association (ISGA) che rappresenta a sua volta gli sviluppatori di giochi e le piattaforme, all'inizio del 2014 sono state sensibilizzate alla posizione comune CTC e sono state invitate a partecipare alle discussioni in corso con le autorità CTC.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website