Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE SL

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 16 luglio 2014

La Commissione avvia una consultazione pubblica sull'ultima strategia macroregionale dell'UE per la Regione Alpina

La Commissione europea ha avviato oggi una consultazione pubblica sull'ultima di una serie di strategie macroregionali dell'UE destinata a concretizzarsi nel 2015. La strategia dell'UE per la Regione Alpina (EUSALP) interessa circa 70 milioni di persone in sette paesi – cinque di essi Stati membri dell'UE (Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia) e due paesi terzi (Liechtenstein e Svizzera), per un totale di circa 48 regioni.

L'invito a partecipare alla consultazione intende raccogliere le opinioni e le idee degli stakeholder pertinenti per assicurare che la strategia parta da basi realistiche, abbia obiettivi appropriati e risponda alle esigenze reali degli abitanti della regione.

Johannes Hahn, Commissario europeo responsabile per la Politica regionale, ha commentato: "Poniamo qui la prima pietra di una strategia che sarà specificamente configurata per rispondere alle esigenze della macroregione alpina. I paesi alpini hanno una lunga e valida tradizione di collaborazione solidale per affrontare le sfide specifiche cui questa parte d'Europa e i suoi abitanti si trovano confrontati. Piuttosto che reinventare la ruota o duplicare le strutture di cooperazione già esistenti, la strategia dovrebbe integrare ciò che si sta già facendo. Si tratta della quarta strategia del suo genere in Europa e l'esperienza ci ha insegnato l'importanza dell'impegno politico e di una selezione di un numero limitato di ambiti strategici per assicurare il successo dell'approccio macroregionale." 

Il Commissario ha aggiunto: "I paesi coinvolti, compresi la Svizzera e il Lichtenstein, dispongono tutti di amministrazioni forti ed efficienti ed hanno quindi la capacità di intensificare la loro cooperazione reciproca. Ci auguriamo che questa nuova strategia affronti gli squilibri economici, sociali e territoriali che persistono nella Regione Alpina."

La nascente Strategia Alpina intende recare un nuovo impulso alla cooperazione e all'investimento a vantaggio di tutte le parti interessate: i paesi, le regioni, gli stakeholder della società civile e, soprattutto, i cittadini europei. La strategia sarà imperniata soltanto su questioni di importanza strategica per la macroregione, su sfide e opportunità che non possono essere adeguatamente affrontate dalle strutture esistenti. Essa si adopererà per stimolare lo sviluppo innovativo e sostenibile atto a promuovere la crescita e a creare posti di lavoro, tutelando nel contempo il patrimonio naturale e culturale di quest'area.

La strategia si fonderà su tre importanti ambiti di intervento:

1. migliorare la competitività, la prosperità e la coesione della Regione Alpina;

2. assicurare l'accessibilità e la connettività a tutti gli abitanti della Regione Alpina;

3. rendere la Regione Alpina sostenibile e attraente sul piano ambientale.

La consultazione on line è aperta fino al 15 ottobre 2014.

Nel dicembre di quest'anno la Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione europea, assieme alla Commissione europea, organizzerà a Milano una conferenza degli stakeholder per discutere i risultati emersi dalla consultazione. I contributi così pervenuti alimenteranno entro il giugno 2015 una proposta formale della Commissione europea relativa a un piano d'azione (per la strategia) impostato sui bisogni e sulle capacità della regione.

Contesto

Sotto la guida del Commissario Johannes Hahn si è efficacemente sviluppato un nuovo approccio di collaborazione tra regioni. Le strategie macroregionali aiutano i paesi ad affrontare assieme problematiche comuni come l'inquinamento, la criminalità, la mancanza di collegamenti e la scarsa competitività.

Il Consiglio europeo del 19-20 dicembre 2013 ha invitato formalmente la Commissione europea, in cooperazione con gli Stati membri, ad avviare entro il giugno 2015 una strategia dell'UE per la Regione Alpina, facendo leva sulle esperienze positive delle Regioni Danubiana e Baltica. Il Consiglio europeo faceva anche riferimento alla valutazione positiva del concetto di strategie macroregionali sottoscritta dal Consiglio dell'UE il 22 ottobre 2013.

Queste strategie sono sostenute, tra l'altro, dagli stanziamenti regionali degli Stati membri a valere sulla politica di coesione. La riforma della politica di coesione per il 2014-2020 promuove questo approccio macroregionale e semplifica l'interazione di diversi fondi europei tra diversi paesi e nell'ambito di diversi progetti. Una relazione sulla governance delle strategie macroregionali del maggio 2014 enuncia raccomandazioni che dovrebbero determinare una migliore gestione delle strategie affinché queste producano maggiori risultati in modo più efficiente e valorizzino appieno le sinergie esistenti tra i diversi strumenti di cooperazione europei.

Per ulteriori informazioni

Public Consultation – Have your say

Strategie macroregionali dell'UE

Risoluzione comune e documento di intervento firmati alla conferenza di Grenoble il 18 ottobre 2013

Twitter: @EU_Regional @JHahnEU #EUSALP

Persone da contattare:

Shirin Wheeler (+32 2 296 65 65) Mobile: +32 460 766565

Annemarie Huber (+32 2 299 33 10) Mobile: +32 460 793310


Side Bar