Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 11 giugno 2014 -

La Commissaria Vassiliou presenta le iniziative per la prima Settimana europea dello sport

Androulla Vassiliou, Commissaria europea responsabile per lo Sport, ha annunciato oggi le iniziative in programma per la prima Settimana europea dello sport, che si terrà nel settembre 2015. L'evento è inteso a promuovere l'esercizio fisico e lo sport a tutti i livelli. Dalla più recente indagine Eurobarometro sullo sport e l'attività fisica è emerso che quasi il 60% dei cittadini dell'Unione europea non pratica mai sport o attività fisica oppure lo fa solo raramente. Si prevede che, per la Settimana europea dello sport, la Commissione europea eroghi finanziamenti a titolo di Erasmus+, il nuovo programma dell'UE per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

La Commissaria Vassiliou ha dichiarato: "I nostri piani per la Settimana europea dello sport sono ben avviati e questo è per me motivo di grande soddisfazione. I risultati dell'indagine Eurobarometro evidenziano l'esigenza di adottare misure volte a convincere tutti gli europei a vincere la pigrizia e a rendere lo sport e l'esercizio fisico una parte integrante della loro vita quotidiana. Si tratta di un punto fondamentale, non solo in termini di salute e benessere, ma anche a motivo dei notevoli costi economici che l'inattività fisica comporta."

Durante la Settimana la Commissione si occuperà di coordinare gli eventi e le attività che si svolgeranno in tutta Europa. Le organizzazioni che aderiscono ai suoi obiettivi riceveranno dalla Commissione le indicazioni da seguire e il logo della Settimana europea dello sport.

La Commissione promuoverà inoltre le attività di sensibilizzazione a livello nazionale. Pur consapevole del fatto che non esiste una soluzione ideale per tutti e nel rispetto delle tradizioni e delle strutture sportive nazionali, la Commissaria ha sottolineato la necessità per gli Stati membri di coinvolgere appieno le parti interessate regionali e locali nell'organizzazione degli eventi.

"Si tratta di un elemento di vitale importanza per il successo della Settimana europea dello sport", ha affermato la Commissaria. "Intendiamo porre le basi per una meravigliosa esperienza a livello europeo, che spronerà i cittadini a modificare il loro stile di vita divertendosi."

Contesto

L'idea di istituire una Settimana europea dello sport è stata concepita in seno al Parlamento europeo nel contesto della relazione Fisas 2012, che prende il nome dal suo autore, il deputato spagnolo Santiago Fisas. Nello stesso anno gli Stati membri hanno invitato la Commissione europea a valutare la possibilità di istituire una Settimana europea dello sport per promuovere l'attività fisica e la partecipazione allo sport a tutti i livelli. La Commissione ha quindi avviato ampie consultazioni con gli Stati membri e le organizzazioni sportive per far tesoro delle iniziative già esistenti e per garantire il pieno sostegno all'iniziativa.

Per la prima volta Erasmus+ ingloba una linea di bilancio specifica per lo sport. Il programma stanzierà circa 265 milioni di euro nell'arco di sette anni per contribuire a sviluppare la dimensione europea dello sport, fornendo un ausilio per affrontare minacce transfrontaliere quali le partite truccate e il doping. Inoltre, sosterrà i progetti transnazionali cui partecipano organizzazioni attive nello sport di base, favorendo ad esempio la buona governance, l'inclusione sociale, la parità di genere, la duplice carriera e l'attività fisica per tutti.

Per ulteriori informazioni

Sito web di Androulla Vassiliou.

Seguite Androulla Vassiliou su Twitter @VassiliouEU.

Contatti:

Dennis Abbott (+32 2 295 92 58); Twitter: @DennisAbbott

Dina Avraam (+32 2 295 96 67)


Side Bar