Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 17 gennaio 2014

Occupazione: la Commissione propone di migliorare EURES, la rete per la ricerca di lavoro

Occorre rafforzare EURES, la rete paneuropea per la ricerca di lavoro, in applicazione di una proposta presentata recentemente dalla Commissione europea, onde migliorare l'offerta di lavoro, accrescere le possibilità di messa in contatto e corrispondenza delle offerte e delle domande di lavoro e aiutare i datori di lavoro, in particolare le piccole e medie imprese, ad assumere personale più competente e in tempi più brevi.

Una volta adottata dal Consiglio dei ministri dell’UE e dal Parlamento europeo, la proposta aiuterà i cittadini che si trasferiscono all’estero per motivi di lavoro ad operare una scelta più informata possibile. László Andor, commissario UE responsabile dell'occupazione, degli affari sociali e dell'inclusione ha dichiarato: "La proposta della Commissione costituisce un passo ambizioso per lottare concretamente contro la disoccupazione. Essa contribuirà a correggere gli squilibri dei mercati del lavoro incrementando al massimo lo scambio di offerte di lavoro disponibili in tutta l’UE e assicurando una maggiore corrispondenza tra offerte di lavoro e richiedenti lavoro. La nuova rete EURES faciliterà la mobilità lavorativa e contribuirà alla realizzazione di un mercato del lavoro dell’UE pienamente integrato".

Le nuove norme proposte rafforzeranno l'efficacia di EURES, miglioreranno la trasparenza delle assunzioni e intensificheranno la cooperazione tra gli Stati membri, consentendo in particolare alla rete:

di pubblicare nel portale EURES un maggior numero di posti di lavoro disponibili nell’UE, compresi quelli offerti dai servizi privati per l'impiego. I richiedenti lavoro di tutta l’Europa avranno accesso immediato alle stesse proposte e i datori di lavoro iscritti potranno attingere ad un vasto bacino di CV;

di realizzare la messa in contatto e corrispondenza automatizzata tra posti di lavoro vacanti e CV;

di fornire informazioni di base sul mercato del lavoro dell’UE e su EURES ai richiedenti lavoro e ai datori di lavoro di tutta l’Unione;

di offrire ai candidati e ai datori di lavoro servizi di sostegno alla mobilità al fine di agevolare l’assunzione e di consentire l’insediamento dei lavoratori nei nuovi posti di lavoro all’estero;

di migliorare il coordinamento e lo scambio tra gli Stati membri di informazioni sulle eccedenze e sulle carenze di manodopera, integrando la questione mobilità nelle loro politiche a favore dell’occupazione.

Tali miglioramenti avvantaggeranno i richiedenti lavoro e le imprese di ogni dimensione, ma in particolare le PMI, che attualmente non sarebbero in grado di assumere personale all’estero senza i servizi che EURES fornisce loro gratuitamente.

Contesto

Il proposto regolamento EURES costituisce una delle misure volte a facilitare la libera circolazione dei lavoratori, unitamente alla proposta della Commissione dell'aprile 2013 intesa a migliorare l’applicazione del diritto dei lavoratori alla libera circolazione (IP/13/372, MEMO/13/384), che dovrebbe essere adottata entro breve dal Consiglio dei ministri dell’UE e dal Parlamento europeo, e alla comunicazione dello scorso novembre sulla libera circolazione delle persone (IP/13/1151, MEMO/14/9).

Oggi, circa 7,5 milioni di europei lavorano in un altro Stato membro, vale a dire solo il 3,1% della forza lavoro totale. In media circa 700 000 persone si spostano ogni anno all’interno dell’UE per lavorare all’estero, una percentuale (0,29%) molto inferiore a quella dell’Australia (1,5 % in 8 Stati) o degli Stati Uniti (2,4% in 50 Stati).

L'osservatorio europeo delle offerte di lavoro mette in luce che, nonostante i livelli record della disoccupazione in Europa, nel corso del primo trimestre del 2013 erano disponibili 2 milioni di posti di lavoro. Se è vero che l’esistenza di posti vacanti è una caratteristica della dinamica dei mercati del lavoro, tale situazione può essere dovuta in larga parte alle carenze di manodopera, irrimediabili a livello locale.

Tuttavia, la mobilità è notevolmente aumentata negli ultimi anni. Dal 2005 ad oggi sono aumentati fino a 4,7 milioni i lavoratori dell’UE che esercitano la loro attività in un altro Stato membro. Sono inoltre sempre più numerose le persone intenzionate a spostarsi per lavoro: il numero dei richiedenti lavoro che si sono iscritti al portale EURES è aumentato vertiginosamente da 175 000 nel 2007 a 1 100 000 nel 2013.

Istituita nel 1993, EURES è una rete di cooperazione tra la Commissione europea, i servizi pubblici per l'impiego degli Stati membri dell'UE, nonché della Norvegia, dell’Islanda e del Liechtenstein, e altri organismi partner. EURES dispone di un rete di più di 850 consulenti, che ogni giorno sono in contatto con persone alla ricerca di un impiego e datori di lavoro in tutta l'Europa.

La rete opera anche attraverso il portale EURES. Il portale è l'unico nel suo genere nell’UE, in quanto offre un servizio gratuito che fornisce informazioni in venticinque lingue sulle condizioni di vita e di lavoro in tutti i paesi partecipanti. Il portale consente di accedere a oltre 1,4 milioni di offerte di lavoro e a 1,1 milioni di CV in qualsiasi momento nell’arco di un dato mese.

La rete EURES conta circa 150 000 collocamenti all’anno (50 000 attraverso i suoi consulenti e 100 000 tramite il suo portale).

Per ulteriori informazioni

Notizie sul sito web della DG Occupazione

Sito web di László Andor

László Andor su Twitter:

Abbonamento gratuito alla newsletter della Commissione europea su occupazione, affari sociali e inclusione

Contatti:

Jonathan Todd (+32 2 299 41 07)

Cécile Dubois (+32 2 295 18 83)


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site