Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea - Comunicato stampa

La Commissione Juncker presta giuramento di indipendenza dinanzi alla Corte di giustizia europea

Lussemburgo, 10 dicembre 2014

Oggi, a Lussemburgo, il presidente Jean-Claude Juncker e i membri del Collegio dei Commissari prestano giuramento formale davanti alla Corte di giustizia dell'Unione europea. Con questo "impegno solenne", i membri della Commissione promettono di rispettare i trattati e la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, e di esercitare le loro responsabilità in piena indipendenza e nell'interesse generale dell'Unione. Si impegnano inoltre a non sollecitare né accettare istruzioni da alcuna autorità, ad astenersi da ogni atto incompatibile con le loro funzioni o con l'esecuzione dei loro compiti, e a rispettare i loro obblighi per la durata delle loro funzioni e dopo la cessazione di queste.

Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione, ha dichiarato oggi: "Quello che prestiamo oggi è un giuramento serio: un giuramento di indipendenza e di rispetto per la nostra Carta dei diritti fondamentali. Il nostro gesto ha un importante valore politico: l'intero Collegio si impegna a rispettare e applicare la Carta in tutte le politiche dell'UE di cui la Commissione è responsabile. Non è una pura formalità: noi non contiamo niente senza i nostri valori".

Dall'entrata in vigore del trattato di Lisbona, i commissari si impegnano anche a rispettare la Carta dei diritti fondamentali.

Spiega il primo vicepresidente, Frans Timmermans: "La missione della Commissione è quella di servire l'interesse europeo, ossia di cambiare in meglio la vita dei cittadini. Per questo motivo intendiamo concentrarci sulle principali priorità: la crescita, il lavoro e gli investimenti. E verificando che ognuna delle nostre proposte sia conforme alla Carta, svilupperemo l'autentica cultura dei diritti fondamentali che ha preso forma nell'Unione, non per sostituire i sistemi nazionali di diritti fondamentali ma per completarli".

Contesto:

L'obbligo per i membri della Commissione europea di assumere un "impegno solenne" al loro insediamento è un'antica tradizione, oggi sancita dall'articolo 245 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea. Questa disposizione è stata inserita per la prima volta nel trattato che istituisce la Comunità economica europea (1957) e da allora viene applicata da ogni Commissione quando assume le sue funzioni. In ciascuno dei nuovi trattati, la formulazione dell'impegno solenne è stata lievemente adattata alla nuova situazione giuridica. Dall'entrata in vigore del trattato di Lisbona (2009), il testo comprende anche un riferimento alla Carta dei diritti fondamentali dell'UE. Le responsabilità e i compiti dei membri della Commissione sono indicati all'articolo 17 del trattato sull'Unione europea e all'articolo 245 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

Per tradizione questo impegno solenne viene assunto dinanzi alla Corte di giustizia a Lussemburgo nel corso del primo mese dopo l'inizio del mandato della nuova Commissione europea.

Il giuramento sarà prestato tra le 15:30 e le 17:30 CET e sarà trasmesso in diretta su Europe by Satellite.

Allegato:

 

IMPEGNO SOLENNE

assunto dinnanzi alla

CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA

 

Membro della Commissione europea

ai sensi dell'articolo 17 del Trattato sull'Unione europea e dell'articolo 245 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea


Nominato membro della Commissione europea dal Consiglio dell'Unione europea, in seguito al voto di approvazione del Parlamento europeo


Mi impegno solennemente:

-        a rispettare, nell'adempimento dei miei doveri, i Trattati e la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea;

-        ad esercitare le mie funzioni in piena indipendenza, nell'interesse generale dell'Unione;

-        a non sollecitare né accettare, nell'adempimento dei miei doveri, istruzioni da alcun governo, istituzione, organo o organismo;

-        ad astenermi da ogni atto incompatibile con il carattere delle mie funzioni o l'esecuzione dei miei compiti.

Prendo atto dell'obbligo istituito dal Trattato sul funzionamento dell'Unione europea in forza del quale ogni Stato membro deve rispettare tale carattere e non cercare di influenzare i Membri della Commissione nell'esecuzione dei loro compiti.

Mi impegno, inoltre, a rispettare, per la durata delle mie funzioni e dopo la cessazione di queste, gli obblighi derivanti dalla mia carica, ed in particolare i doveri di correttezza e discrezione per quanto riguarda l'accettare, dopo tale cessazione, determinate funzioni o determinati vantaggi.


Per ulteriori informazioni:

Il presidente @JunckerEU e il vicepresidente @TimmermansEU su Twitter:

Hashtag Twitter: #transparency #independence #teamJunckerEU

IP/14/2511

Contatti per la stampa

Mina ANDREEVA (+32 2 299 13 82)
Natasha BERTAUD (+32 2 296 74 56)
Tim McPHIE (+ 32 2 295 86 02)

Informazioni al pubblico:

contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail

Side Bar