Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE EL SL HR

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 24 ottobre 2014

I commissari Hahn e Damanaki plaudono all'approvazione della strategia dell'UE per le regioni Adriatica e Ionica da parte dei leader europei

La Commissione europea esprime il suo plauso per l'accoglimento, in data odierna, della nuova strategia dell'UE per la regione adriatica e ionica (EUSAIR) da parte dei leader europei. La decisione odierna adottata in seno al Consiglio europeo dà il via libera alla strategia proposta dalla Commissione europea lo scorso giugno (IP/14/690).

I preparativi della strategia sono già in corso al fine di promuovere la prosperità e la crescita nella regione, migliorandone l'attrattiva, la competitività e la connettività. Per il fatto di coinvolgere quattro paesi dei Balcani occidentali la strategia è destinata anche a svolgere un ruolo importante per ravvicinarli maggiormente all'UE.

La strategia interessa quatto Stati membri dell'UE (Croazia, Grecia, Italia e Slovenia), assieme all'Albania, alla Bosnia-Erzegovina, al Montenegro e alla Serbia. I paesi non membri dell'UE sono partner a pieno titolo ai fini della gestione e attuazione della strategia. Anche organizzazioni della società civile e imprese private partecipano alle azioni e ai progetti specifici nel quadro della nuova strategia.

Johannes Hahn, Commissario responsabile per la Politica regionale, ha commentato: “L'approvazione odierna della strategia dell'UE per la regione adriatica e ionica segna una pietra miliare. Il suo obiettivo è affrontare di concerto i problemi comuni e valorizzare al massimo le opportunità che condividiamo con i nostri partner nei Balcani occidentali. Spetta ora ai paesi, alle regioni e agli stakeholder delle regioni adriatica e ionica attivi sul terreno adoperarsi assieme per far sì che la strategia produca risultati. I lavori dovrebbero iniziare quanto prima. Il successo nella regione adriatica e ionica contribuirà alla prosperità e alla sicurezza dell'Europa intera".

Maria Damanaki, Commissaria responsabile per gli Affari marittimi e la pesca, ha commentato: "Con questa strategia le nazioni adriatiche e ioniche hanno l'opportunità di lasciarsi alle spalle la crisi e di rimettere l'intera regione sulla via che conduce ad una prosperità sostenibile. La nostra strategia per la crescita blu ha già dimostrato come i mari e gli oceani abbiano enormi potenzialità per generare la crescita e i posti di lavoro di cui l'economia ha estremo bisogno. Mi auguro che questa strategia macroregionale costituisca la falsariga per iniziative future in questa regione marittima e che sia seguita con interesse dai paesi del Mediterraneo".

La strategia dell'UE per la regione Adriatica e Ionica (EUSAIR), che interessa un territorio con 70 milioni di abitanti, apre la via a una più stretta collaborazione tra i paesi partecipanti in quattro ambiti principali: 1) crescita blu, 2) collegare la regione, 3) qualità ambientale, e 4) turismo sostenibile.

Prendendo le mosse dall'esperienza delle strategie macroregionali esistenti (la strategia dell'UE per la regione baltica e la strategia dell'UE per la regione danubiana), EUSAIR offre un quadro per mobilitare e allineare gli attuali strumenti di finanziamento unionali, nazionali e pre-adesione su obiettivi strategici concordati congiuntamente.

I paesi partecipanti designano ora i coordinatori nazionali e settoriali che cureranno l'attuazione della strategia a livello nazionale e macroregionale. Una Conferenza inaugurale, organizzata dalla Presidenza italiana del Consiglio in cooperazione con la Commissione europea, si terrà a Bruxelles il 18 novembre.

Contesto

Il 17 giugno 2014 la Commissione ha adottato una Comunicazione sulla strategia dell'UE per la regione adriatica e ionica, corredata da un Piano d'azione. La nuova strategia ingloba la Strategia marittima per il mare adriatico e ionico, adottata dalla Commissione il 30 novembre 2012.

Da settembre a dicembre 2013 i paesi partecipanti hanno condotto nella regione un'ampia consultazione degli stakeholder in merito al contenuto del piano d'azione della strategia. La Direzione generale Politica regionale e urbana della Commissione europea ha avviato a sua volta una consultazione pubblica sulla strategia. La consultazione è stata coronata da una Conferenza ad alto livello degli stakeholder tenutasi ad Atene il 6-7 febbraio, organizzata congiuntamente dalla Presidenza greca del Consiglio e dalla Commissione europea.

Il Consiglio europeo ha inoltre invitato la Commissione, in cooperazione con gli Stati membri, a sviluppare una strategia dell'UE per la regione alpina (EUSALP) entro il giugno 2015. Vi saranno coinvolti Austria, Francia, Germania, Italia, Slovenia, Liechtenstein e Svizzera per un totale di 48 regioni e 70 milioni di abitanti. Per il 1°-2 dicembre è prevista una conferenza degli stakeholder che concluderà il processo consultivo. La Commissione presenterà entro il giugno 2015 una proposta di comunicazione e di piano d'azione.

Per ulteriori informazioni:

La strategia dell'UE per la regione adriatica e ionica

Opuscolo: 'For a Prosperous and Integrated Adriatic and Ionian Region'

Domande e risposte sulla Strategia dell'Unione europea per la regione adriatica e ionica

Persone da contattare:

Shirin Wheeler +32 2 296 65 65 Cellulare: +32 460 766565

Annemarie Huber +32 2 299 33 10 Cellulare: +32 460 793310

Helene Banner +32 460 752407


Side Bar