Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 23 ottobre 2014 -

L'Unione europea darà un impulso alla ricerca sull'Ebola con 24,4 milioni di EUR

La Commissione europea ha annunciato oggi che stanzierà 24,4 milioni di EUR dal bilancio dell'UE per l'urgente e necessaria ricerca sull'Ebola. Il finanziamento sarà destinato a cinque progetti, che vanno da una sperimentazione clinica su larga scala di un potenziale vaccino ai test sui composti esistenti per la cura dell'Ebola nonché su quelli di nuova concezione. Al fine di avviare le attività quanto prima il denaro verrà erogato da Orizzonte 2020, il programma di ricerca e innovazione dell'UE, attraverso una procedura accelerata. La Commissione collabora inoltre con l'industria sull'ulteriore sviluppo di vaccini, farmaci e metodi diagnostici per l'Ebola e per altre malattie emorragiche nell'ambito dell'iniziativa tecnologica congiunta sui medicinali innovativi.

José Manuel Barroso, Presidente della Commissione europea, ha dichiarato: "Nei confronti dell'Ebola abbiamo ingaggiato una corsa contro il tempo; dobbiamo affrontare la situazione di emergenza ma anche trovare una risposta a lungo termine. Sono pertanto lieto di annunciare che verrà reso disponibile un ulteriore finanziamento di 24,4 milioni di EUR, che velocizzerà alcune delle più promettenti ricerche per lo sviluppo di vaccini e di cure."

"Uno dei messaggi più importanti da comunicare con l'odierno incontro della comunità internazionale presso l'OMS, a Ginevra, è la necessità di rafforzare la ricerca medica sull'Ebola," ha dichiarato Máire Geoghegan-Quinn, Commissaria UE per la Ricerca, l'innovazione e la scienza. "Questi progetti arruolano i migliori ricercatori universitari e l'industria per sferrare un attacco contro questa malattia letale.

Il finanziamento verrà erogato in base alle proposte presentate da gruppi provenienti da tutta l'UE e da numerosi paesi terzi, che sono state valutate da un gruppo indipendente di esperti (cfr. allegato per i progetti selezionati).

Il professor Peter Piot, direttore della London School of Hygiene and Tropical Medicine, nonché uno degli scopritori dell'Ebola, ha così reagito all'annuncio del finanziamento: "Accolgo con estremo favore l'intervento decisivo della Commissione a sostegno della serie di sperimentazioni cliniche e di studi sul virus Ebola quale parte del contributo dell'Europa a porre fine alla crisi dell'Ebola, che è già costata la vita a moltissime persone."

La Commissione ha altresì chiesto al partenariato Europa-paesi in via di sviluppo per gli studi clinici (EDCTP) di inserire nel suo piano di lavoro le nuove epidemie che interessano l'Africa, tra cui l'Ebola. Ciò consentirà all'EDCTP di finanziare le sperimentazioni cliniche su farmaci, vaccini e metodi diagnostici nei futuri inviti a presentare proposte.

L'annuncio coincide con l'odierno incontro ad alto livello presso l'OMS, a Ginevra, che coinvolge la comunità internazionale e i rappresentanti dell'industria. Nel corso dell'incontro si esaminerà l'accesso ai vaccini a breve termine, il finanziamento delle campagne di vaccinazione e di immunizzazione nonché la progettazione, la capacità di produzione, la regolamentazione e l'indennizzo delle sperimentazioni cliniche.

Contesto

L'Unione europea ha svolto un ruolo attivo sin dalle prime fasi della crisi. La sola Commissione europea ha finora stanziato 180 milioni di EUR di aiuti umanitari e allo sviluppo per sostenere i paesi colpiti dall'epidemia. L'assistenza si concretizza, ad esempio, nell'assistenza sanitaria di prima necessità alle comunità interessate e nella collaborazione ai fini del contenimento dell'epidemia attraverso la diagnosi rapida e campagne di sensibilizzazione sulla malattia. Oltre al contributo finanziario, il contributo dell'UE alla lotta contro l'epidemia si realizza con la presenza di esperti sul terreno e con il coordinamento della fornitura degli approvvigionamenti e di eventuali operazioni di evacuazione.

La Commissione già finanzia attività di ricerca sull'Ebola nell'ambito del settimo programma quadro dell'UE (7° PQ) per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione. Tra le tematiche affrontate figurano lo sviluppo di nuovi farmaci antivirali, il collegamento tra laboratori ad alta sicurezza, la gestione clinica dei pazienti, in particolare in Europa, e le soluzioni alle strozzature etiche, amministrative, normative e logistiche che ostacolano una risposta rapida della ricerca.

Per ulteriori informazioni

Sito di coordinamento sull'Ebola:

http://europa.eu/newsroom/highlights/special-coverage/ebola/index_en.htm

Scheda informativa sulla risposta dell'UE all'Ebola:

http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-14-599_en.htm

Sito web di Orizzonte 2020: http://ec.europa.eu/programmes/horizon2020/

Contatti:

Michael Jennings (+32 2 296 33 88) su Twitter: @ECSpokesScience

Monika Wcislo (+32 2 298 65 95)

Per il pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 6 7 8 9 10 11 o per e-mail

Allegato – Elenco di progetti selezionati

Titolo

Coordinatore

Importo

Portata del progetto

  • EbolaVac

GlaxoSmithKline Biologicals, BE

15 153 216 EUR

Condurre sperimentazioni cliniche in Europa e Africa sul candidato vaccino più avanzato ChAd3-EBOV. Tali sperimentazioni forniranno ampie prove in merito alla sicurezza e alla capacità di provocare una risposta immunitaria protettiva, nonché al piano di vaccinazione più idoneo. Le sperimentazioni costituiscono il passo necessario verso la realizzazione di studi sull'effetto protettivo dei successivi vaccini.

  • REACTION

Institut National de la Santé et de la Recherche Médicale (INSERM), FR

2 575 810 EUR

Studio sulla sicurezza e sull'efficacia di Favipiravir, un antivirale già autorizzato per l'influenza. Lo studio verrà dapprima realizzato su un modello animale della malattia e, successivamente, su pazienti affetti dalla malattia da virus Ebola. I primi risultati sono attesi dopo 6 mesi.

  • Ebola_Tx

Prins Leopold Instituut voor Tropische Geneeskunde, BE

2 892 171 EUR

Studio sulla sicurezza, sull'efficacia e sugli aspetti pratici legati all'uso di sangue intero o di plasma proveniente da superstiti quale cura per i pazienti affetti dalla malattia da virus Ebola.

  • EVIDENT

Bernhard-Nocht-Institut fuer Tropenmedizin, DE

1 759 326 EUR

Ricerca sulle interazioni tra il virus Ebola e l'ospite. Ciò consentirà di fornire le necessarie risposte urgenti sulla fisiopatologia e sulla trasmissibilità della malattia e contribuirà a un migliore orientamento delle previste sperimentazioni cliniche sui vaccini e sulle potenziali cure nonché della gestione di pazienti affetti da malattia da virus Ebola.

  • IF-EBOla

Institut de Recherche pour le Développement, FR

1 992 770 EUR

Studio sulla sicurezza e sull'efficacia dell'uso di anticorpi prodotti nei cavalli contro l'Ebola come forma di immunoterapia passiva per i pazienti affetti dalla malattia da virus Ebola.

24 373 293 EUR


Side Bar