Navigation path

Left navigation

Additional tools

Una radicale riduzione degli oneri amministrativi in otto settori industriali

European Commission - IP/14/111   05/02/2014

Other available languages: EN FR DE

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 5 febbraio 2014

Una radicale riduzione degli oneri amministrativi in otto settori industriali

La Commissione europea plaude al voto del Parlamento europeo sulla proposta della Commissione volta a rendere il mercato interno più snello per otto settori industriali tra cui gli ascensori, i dispositivi elettrici ed elettronici, i recipienti semplici a pressione, gli strumenti di pesatura a funzionamento non automatico, gli strumenti di misurazione, gli esplosivi per uso civile, gli apparecchi utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva e i prodotti che possono causare interferenze elettromagnetiche. L'obiettivo di questa legislazione è di rafforzare la sicurezza dei prodotti in tutta l'UE e di assicurare una maggiore coerenza e facilità di applicazione delle regole in tutti i settori. Diversi requisiti in materia di etichettatura o di tracciabilità nonché divergenze in relazione alla dichiarazione di conformità e alle definizioni legali applicabili non esisteranno più. L'iniziativa rientra nella modernizzazione della legislazione unionale sui prodotti volta a semplificare le regole, ridurre gli oneri amministrativi e introdurre disposizioni più chiare e coerenti in diversi settori. Ciò ridurrà i costi di ottemperanza per le imprese, soprattutto per le piccole e medie imprese, in linea con la recente comunicazione della Commissione "Una prospettiva per il mercato interno dei prodotti industriali"1.

Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea e commissario responsabile per l'Industria e l'imprenditoria, ha affermato: "Il voto di oggi è un risultato particolarmente importante considerata la complessità dei settori. Un genuino mercato interno dei prodotti che supporti la base industriale nell'UE richiede norme coerenti in materia di prodotti. Ciò è quanto offriamo ora all'industria unionale. Grazie alla maggiore certezza del diritto i fabbricanti possono ora meglio organizzare i loro processi produttivi, migliorare la qualità e la sicurezza dei prodotti e investire nell'innovazione. La decisione di oggi è in linea con la nostra strategia volta ad accrescere la partecipazione dell'industria alla generazione del PIL."

"Una prospettiva per il mercato interno dei prodotti industriali"

"Nuovo quadro legislativo" per la commercializzazione dei prodotti

IP/13/448 - Rendere più sicuri i fuochi d'artificio nell'UE

Grazie a regole snellite sarà più facile fare affari

Le regole aggiornate intendono assicurare un più agevole accesso al mercato e un livello più elevato di protezione della vita e della proprietà. Esse comporteranno:

  • una più chiara definizione delle responsabilità di fabbricanti, importatori e distributori allorché vendono prodotti (ad esempio in termini di marcatura di conformità, etichettatura e tracciabilità dei prodotti);

  • la possibilità di un più ampio uso di strumenti elettronici per gli operatori economici al fine di dimostrare l'ottemperanza alle regole; ad esempio la documentazione tecnica relativa ai prodotti non dovrà necessariamente essere in formato cartaceo e potrà essere inviata in formato elettronico alle autorità di vigilanza del mercato;

  • maggiori garanzie per la sicurezza dei consumatori grazie a un sistema di tracciabilità che consentirà la tracciabilità dei prodotti difettosi o non sicuri e grazie anche a regole più chiare e a una migliorata supervisione degli organismi di valutazione della conformità;

  • la fornitura alle autorità nazionali di vigilanza del mercato di strumenti migliori affinché queste possano tracciare e bloccare le importazioni pericolose a partire dai paesi terzi.

I prodotti che ottemperano a tali requisiti di sicurezza possono recare il ben noto marchio CE in modo da indicare che soddisfano tutti i requisiti della legislazione unionale aiutando in tal modo i venditori a commercializzare più agevolmente i loro prodotti in tutta Europa visto che gli acquirenti avranno maggiore fiducia negli stessi.

L'iniziativa rientra in uno sforzo generale per allineare le regole sui prodotti industriali a un insieme comune di principi. L'obiettivo è evitare la frammentazione settoriale e le incoerenze o le sovrapposizioni dei requisiti che si applicano ai prodotti disciplinati da più di uno strumento legislativo.

Tra i settori di prodotti interessati vi sono:

  • i dispositivi elettrici (destinati a essere usati entro certi limiti di tensione)

  • gli esplosivi per usi civili

  • gli ascensori

  • i recipienti semplici a pressione

  • gli strumenti di misurazione

  • gli strumenti di pesatura a funzionamento non automatico

  • i dispositivi e sistemi di protezione (destinati ad essere usati in atmosfere potenzialmente esplosive)

  • i prodotti che possono causare interferenze elettromagnetiche

In che modo le nuove regole andranno a vantaggio dell'industria

Le regole attuali sono state sviluppate gradualmente nell'arco degli ultimi 40 anni, il che si traduce in certe discrepanze tra i diversi requisiti settoriali. Sta di fatto però che prodotti complessi possono rientrare nel campo di applicazione di diverse regole settoriali creando così difficoltà agli operatori economici, ad esempio a motivo di diversi requisiti in tema di etichettatura o di tracciabilità, di divergenze in merito alla dichiarazione di conformità e nelle definizioni legali applicabili. Con l'allineamento al nuovo quadro legislativo queste possibili divergenze o discrepanze sono eliminate. Gli operatori economici potranno presentare una dichiarazione unica di conformità per ciascun prodotto. I requisiti di etichettatura e di tracciabilità sono uniformi tra i vari prodotti. Anche le procedure per dimostrare la conformità di un prodotto alle regole vigenti sono armonizzate tenendo conto degli imperativi di sicurezza e della complessità dei prodotti.

Persone da contattare:

Carlo Corazza (+32 2 295 17 52) Twitter: @ECspokesCorazza

Sara Tironi (+32 2 299 04 03)

1 :

La comunicazione "Una prospettiva per il mercato interno dei prodotti industriali" pubblicata il 21.1.2014 caldeggia un mercato interno maggiormente integrato grazie alla razionalizzazione dell'attuale quadro normativo. La Commissione preparerà anche un regolamento sull'enforcement per contribuire ad assicurare che nell'UE vi siano condizioni di equità per i prodotti a norma. La rete Enterprise Europe verrà rafforzata per accrescere il sostegno alle PMI sul mercato interno ed intensificare ulteriormente l'assistenza fornita loro per l'accesso ai finanziamenti e per la capacità di gestione dell'innovazione.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website