Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 10 ottobre 2014

EU Code Week in versione più che ampliata

11-17 ottobre 2014

@CodeWeekEU ¦ #CodeEU ¦ su Facebook

Cerca qui il tuo ambasciatore locale per interviste e citazioni

Trova un evento nella tua zona sulla mappa degli eventi ¦

La EU Code Week 2014 (la Settimana europea della programmazione informatica) prende il via l’11 ottobre: sono più di 1 500 gli eventi che animeranno il mondo digitale in tutta l’UE e anche in altri Paesi, dalla Norvegia alla Turchia.

Si puntano i riflettori sulla programmazione informatica proprio nel momento in cui sette ministri dell’istruzione europei hanno già inserito la programmazione informatica fra le materie scolastiche obbligatorie. In altri cinque paesi l’informatica figura nei programmi di studio come materia facoltativa.

Il momento è opportuno perché secondo alcune relazioni l’Europa potrebbe presto subire un deficit di un milione di addetti per la carenza di competenze informatiche fra i lavoratori europei.

Il 14 ottobre sarà varata una grande piattaforma web di iniziativa settoriale per promuovere l’apprendimento e l’insegnamento della programmazione, che realizzerà la visione della Grande coalizione per le competenze e l’occupazione nel settore digitale.

Ci sarà anche un nuovo tool kit a disposizione di ragazzi, adulti, genitori, insegnanti e imprese, che spiegherà come partecipare!

Alja Isakovic, organizzatrice della Settimana e una dei 90 ambasciatori della programmazione, ha detto: “È fantastico vedere tanto entusiasmo per quest’iniziativa in ogni angolo d’Europa! Programmare è un’attività divertente e creativa che apre la strada a grandi opportunità di carriera, anche per chi non vuole diventare programmatore a tempo pieno. Con la EU Code Week vogliamo piantare un seme per far sì che sempre più gente inizi ad applicare tutto l’anno i principi della Code Week e diventi sempre più brava a risolvere i problemi.”

Neelie Kroes (@NeelieKroesEU), Vicepresidente e Commissaria responsabile per l’Agenda digitale, ha dichiarato: Oggi programmare è come saper leggere e scrivere: è un bagaglio fondamentale di qualifiche per ragazze e ragazzi. Lungi dall’essere una noiosa lezione di informatica, è invece un modo per rendere più interessanti tutte le materie. Per questo vi invito a partecipare a un evento nella vostra regione e così migliorare la vostra conoscenza del mondo digitale”.

Androulla Vassiliou (@VassiliouEU), Commissaria responsabile per l’Istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù, ha dichiarato: “Per me è una grande soddisfazione vedere che la programmazione informatica inizia a far parte dei programmi di studi nazionali nell’Unione europea. Dobbiamo mantenere questo slancio. E come abbiamo detto l’anno scorso al varo dell’iniziativa “Aprire l’istruzione”, dobbiamo assicurare che anche gli insegnanti ricevano il sostegno di cui hanno bisogno”.

Quali sono gli eventi previsti?

Ce n’è per tutti: dai programmatori alle prime armi agli esperti, dai disoccupati in cerca di un’opportunità per migliorare le loro qualifiche agli amanti della robotica e alle donne appassionate di tecnologia.

Gli allievi delle scuole impareranno ad avventurarsi nel mondo della programmazione e le imprese offriranno corsi gratuiti nelle comunità in cui sono inserite.

Programmare è un’attività per ragazze e ragazzi, da praticare sia a scuola che fuori dell’ambito scolastico. Dobbiamo infrangere i tabù associati all’informatica, soprattutto per stimolare la partecipazione di genitori e insegnanti.

Perché i ragazzi e gli adulti devono imparare a programmare?

Saper programmare aiuta a capire il nostro mondo ultraconnesso e a comprendere quello che succede dietro o schermo. La programmazione è una competenza informatica di cui i giovani hanno bisogno per diventare cittadini creativi e protagonisti e prepararsi al mondo del lavoro del futuro.

In quali paesi la programmazione informatica è materia scolastica?

La programmazione informatica è già materia di studio in diversi Stati membri.

Obbligatoria: Bulgaria, Cipro, Repubblica ceca, Grecia, Polonia, Portogallo e Regno Unito.

Facoltativa: Danimarca, Estonia, Irlanda, Italia e Lituania.

Contesto

La EU Code Week è un’iniziativa del gruppo di giovani consiglieri della vicepresidente Neelie Kroes. L’iniziativa ha avuto il sostegno di movimenti per la programmazione informatica e l’istruzione quali CoderDojo e Rails Girls e di grandi imprese tecnologiche e informatiche come Facebook, Microsoft, Rovio, Google, SAP, Oracle e Liberty Global, nonché della European Schoolnet e della Grande coalizione per l’occupazione nel digitale.

Link utili

Trova un evento nella tua zona

I contatti, paese per paese, per chiedere ulteriori informazioni - Ambasciatori locali della EU Code Week

Blog della EU Code Week

Iniziativa “Aprire l’istruzione”

Video:

Coding and Digital learning

Coding is fun, del gruppo dei giovani consiglieri

Learn how to code with EU Code Week

Learning to code for your future and for Europe, della vicepresidente Neelie Kroes

Contatti:

E-mail: comm-kroes@ec.europa.eu Tel.: +32.229.57361, Twitter: @RyanHeathEU

Per il pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 6 7 8 9 10 11 o per e­mail


Side Bar