Navigation path

Left navigation

Additional tools

Relazione sulle disuguaglianze sanitarie: le differenze nella speranza di vita e nella mortalità infantile si riducono in tutta l'UE

European Commission - IP/13/823   09/09/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO HR

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 9 settembre 2013

Relazione sulle disuguaglianze sanitarie: le differenze nella speranza di vita e nella mortalità infantile si riducono in tutta l'UE

L'ampio divario in materia di speranza di vita e di mortalità infantile che sussiste storicamente tra i vari paesi dell'UE si sta restringendo come risulta da una relazione pubblicata oggi dalla Commissione europea. Il gap tra la speranza di vita più lunga e quella più corta registrato nell'UE-27 è calato del 17% per gli uomini tra il 2007 e il 2011 e del 4% per le donne tra il 2006 e il 2011. Il divario per la mortalità infantile tra i paesi dell'UE che presentano i tassi più alti e più bassi è sceso dal 15,2 al 7,3/1000 nati vivi tra il 2001 e il 2011. Durante questo periodo anche la mortalità infantile si è ridotta nell'UE passando dal 5,7 al 3,9 per 1000 nati vivi. La relazione evidenzia alcuni sviluppi positivi nell'attuazione della strategia unionale sulle disuguaglianze sanitarie intitolata "Solidarietà in materia di salute", pur giungendo alla conclusione che occorrono maggiori interventi a livello locale, nazionale e unionale.

Tonio Borg, Commissario europeo responsabile per la Salute, ha affermato: "Negli ultimi anni le disuguaglianze in materia di salute per quanto concerne la speranza di vita e in particolare la mortalità infantile sono state ridotte in modo significativo nell'Unione europea. Si tratta di un risultato incoraggiante. Il nostro impegno però non tollera soluzioni di continuità se vogliamo ovviare ai persistenti divari in campo sanitario che si registrano tra gruppi sociali nonché tra regioni e Stati membri, come risulta da questa relazione. Gli interventi volti a sormontare le disuguaglianze sanitarie in tutta Europa devono rimanere prioritari a tutti i livelli."

Disuguaglianze sanitarie tra paesi, regioni e gruppi sociali

  • La Svezia presenta la speranza di vita più alta per gli uomini – 79,9 anni, con una differenza di quasi 12 anni rispetto allo Stato membro con la speranza di vita più bassa (68,1).

  • La speranza di vita più alta per le donne si registra in Francia – 85,7 anni con una differenza di 8 anni rispetto allo Stato membro con la speranza di vita più bassa (77,8 anni).

  • Per quanto concerne gli stili di vita sani, per gli uomini si registra una differenza di 19 anni tra i valori più bassi e quelli più alti nell'UE (cifre del 2011). Per le donne le cifra risulta quasi identica con 18,4 anni.

  • Nel 2010 la differenza della speranza di vita alla nascita tra le regioni dell'UE più avvantaggiate e quelle più svantaggiate era di 13,4 anni per gli uomini e di 10,6 anni per gli donne.

  • Nello stesso anno si sono registrate sette regioni dell'UE che presentavano una mortalità infantile superiore a 10 per 1000 nati vivi, con un tasso di 2,5 volte superiore rispetto alla media unionale di 4,1/1000.

  • Nel 2010 il gap stimato della speranza di vita per gli uomini all'età di 30 anni tra quelli con grado d'istruzione più elevato e quelli scarsamente scolarizzati andava da circa tre anni a ben 17 anni in diversi Stati membri. Per le donne il differenziale era leggermente più contenuto e variava da 1 a 9 anni.

Causa delle disparità sanitarie

La relazione esamina i diversi fattori che determinano le disparità sanitarie e constata che le disparità sociali nell'ambito della sanità sono dovute alla differenza tra le condizioni della vita quotidiana e ad altri determinanti come il reddito, i livelli di disoccupazione e d'istruzione. La relazione ha individuato numerosi esempi di correlazioni tra i fattori di rischio per la salute, tra cui l'uso del tabacco e l'obesità nonché le circostanze socioeconomiche.

Affrontare le disuguaglianze sanitarie nell'UE

Nel 2009 la Commissione ha adottato una strategia sulle disuguaglianze sanitarie intitolata "Solidarietà in materia di salute: riduzione delle disuguaglianze sanitarie dell'UE". La relazione sui progressi realizzati pubblicata oggi esamina in che modo abbiamo fatto fronte alle cinque sfide principali enunciate nella strategia: 1) una distribuzione equa della salute come parte dello sviluppo sociale ed economico globale; 2) miglioramento della base di conoscenze e di dati; 3) accrescere l'impegno nella società; 4) soddisfare i bisogni dei gruppi vulnerabili e 5) sviluppare il contributo delle politiche dell'UE.

Nel complesso l'azione della Commissione intende sia sostenere gli sviluppi politici dei paesi dell'UE sia migliorare il contributo delle politiche unionali a contenimento delle disuguaglianze sanitarie. Una azione comune attualmente in corso, la cui durata va dal 2011 al 2014, è un importante strumento per raggiungere questo obiettivo.

Realizzare gli obiettivi di Europa 2020 in relazione a una crescita inclusiva è fondamentale per sormontare le disuguaglianze sanitarie. Nel febbraio 2013 la Commissione ha adottato un documento Investing in Health (investire nella salute) nel contesto del pacchetto sull'investimento sociale. Il documento rafforza la correlazione tra le politiche sanitarie dell'UE e le riforme dei sistemi sanitari nazionali e propugna investimenti intelligenti per sistemi sanitari sostenibili, l'investimento nella salute dei cittadini e in programmi per la riduzione delle disuguaglianze sanitarie.

Il programma "Salute" dell'UE, i Fondi di coesione e strutturali nonché i Fondi per la ricerca e l'innovazione (Orizzonte 2020) possono sostenere gli investimenti nella salute su tutto il territorio dell'Unione europea.

Per il testo completo della relazione e per saperne di più sugli interventi dell'UE per ovviare alle ineguaglianze in campo sanitario consultate il sito:

http://ec.europa.eu/health/social_determinants/policy/index_it.htm

Sito web del Commissario Borg:
http://ec.europa.eu/commission_2010-2014/borg/index_en.htm

Seguiteci su Twitter: @EU_Health

Persone da contattare:

Fréderic Vincent (+32 2 298 71 66)

Aikaterini Apostola (+32 2 298 76 24)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website