Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 10 luglio 2013

Il commissario Hahn dopo il voto dei deputati europei su una riforma radicale della politica regionale dell'UE: Gli Stati membri e le regioni non perdano tempo nel preparare la prossima generazione di programmi dell'UE per la crescita

Il Commissario europeo per la Politica regionale Johannes Hahn ha comunicato a Stati membri e regioni che non c’è tempo da perdere nella pianificazione dei programmi dei Fondi strutturali dell’UE per il periodo 2014-2020. L'invito all'azione arriva dopo l'adozione da parte dei membri della commissione per lo sviluppo regionale del Parlamento europeo di una serie di relazioni che in linea di principio concordano una riforma radicale della politica regionale.

Tali relazioni rispecchiano i risultati dei negoziati tra la Commissione europea, il Parlamento europeo e gli Stati membri su cambiamenti di vasta portata nel modo di gestire i programmi di politica regionale perché abbiano il massimo impatto. La nuova strategia destina la maggior parte degli investimenti dell'UE a settori chiave per la crescita e l'occupazione, esige che vengano stabiliti obiettivi per misurare i risultati e fissa nuove condizioni per il finanziamento.

Dopo la votazione il commissario Hahn ha dichiarato: "All'ultimo Consiglio europeo, l'UE ha invitato gli Stati membri ad accelerare l'uso dei fondi strutturali e di investimento europei per la crescita e l'occupazione. Il voto di oggi dà loro gli strumenti per agire. E non c'è tempo da perdere. Queste riforme doteranno la politica regionale dell'UE degli strumenti per affrontare i principali ostacoli alla crescita di lungo periodo. Esse concentrano i nostri investimenti sui settori chiave dello sviluppo economico: sostegno alle PMI, ricerca e innovazione, agenda digitale ed economia a basse emissioni di carbonio, conformemente al programma Europa 2020 per la crescita. Con queste riforme stiamo modernizzando la politica per produrre risultati tangibili e prestazioni migliori. E questa nostra nuova politica contribuirà in modo determinante a mobilitare tutte le potenzialità delle regioni europee per realizzare questo programma."

Il commissario Hahn ha aggiunto: "Vorrei rivolgere un ringraziamento particolare per il loro impegno al presidente della commissione per lo sviluppo regionale Danuta Hübner e ai membri del Parlamento europeo che hanno redatto queste relazioni. Il presidente e i suoi colleghi hanno lavorato sodo per aiutarci a rendere la nostra politica idonea allo scopo.Ora spetta agli Stati membri e alle loro regioni e città portare avanti i preparativi per il prossimo periodo. "

L'accordo preliminare odierno copre la maggior parte del pacchetto di riforma in materia di politica regionale. Mentre proseguiranno i negoziati sulle questioni in sospeso quali la riserva di efficacia e la condizionalità macroeconomica, i provvedimenti oggi approvati forniscono una solida base perché la programmazione vada avanti. Essi definiscono le regole che costituiranno i principali obiettivi e priorità di finanziamento da stabilire negli "accordi di partenariato" tra ogni Stato membro e la Commissione europea. Questi sono i punti di partenza per i programmi nazionali e regionali più dettagliati.

In alcuni Stati membri i progetti di accordo di partenariato sono pronti. La Commissione si aspetta che vengano tutti completati entro la fine di quest'anno con un accordo su tutti i programmi nella prima parte del 2014, in modo da poter quanto prima concentrare gli investimenti sulla crescita e l'occupazione.

Gli elementi chiave della riforma confermata col voto di oggi sono:

  • Concentrare gli investimenti su settori chiave per la crescita e l'occupazione come delineato nella strategia Europa 2020 tramite una serie di norme comuni da applicare a tutti e cinque i Fondi strutturali e di investimento europei (Fondo europeo di sviluppo regionale, Fondo sociale europeo, Fondo di coesione, Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca)

  • Concentrare la maggior parte del bilancio su poche priorità strettamente legate alla strategia di crescita Europa 2020. In particolare:

  • concentrare una quota compresa tra il 50% e l'80% del bilancio FESR su azioni di sostegno a innovazione e ricerca e sviluppo, agenda digitale, competitività delle PMI e transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio.

  • Per quanto riguarda l'economia a basse emissioni di carbonio, un ulteriore obbligo di destinare almeno una quota compresa tra il 12% e il 20% all'efficienza energetica e alle energie rinnovabili.

  • Stabilire, da parte degli Stati membri, obiettivi chiari e misurabili sull'impatto degli investimenti. Misurare e comunicare i progressi compiuti.

  • Definire misure volte a ridurre la burocrazia e semplificare l'uso dei finanziamenti dell'UE: più regole comuni fra tutti i fondi, richieste di relazioni più mirate e meno numerose, maggiore uso della tecnologia digitale ("e-cohesion").

Contesto

La Commissione ha adottato le proposte legislative per il periodo 2014-2020 in data 6 ottobre 2011.

Politica regionale dell'UE 2014-2020: proposte legislative

Le caratteristiche principali sono state una maggiore dimensione strategica della politica al fine di garantire che gli investimenti dell'UE siano finalizzati alla realizzazione degli obiettivi a lungo termine dell'Europa per quanto riguarda la crescita e l’occupazione (strategia Europa 2020) e una forte attenzione ai risultati.

Il principio di partenariato con gli enti regionali e locali, i partner economici e sociali e gli organismi che rappresentano la società civile è un elemento essenziale per la nuova politica, soprattutto attraverso l'adozione di un codice di condotta europeo sul partenariato.

Per ulteriori informazioni

Relazioni concordate oggi dalla commissione REGI del Parlamento europeo (quando disponibili)

Video del voto alla commissione REGI disponibile su EBS.

MEMO/13/678: Ulteriori informazioni di base, nonché domande e risposte sulla riforma della politica di coesione

https://www.yammer.com/regionetwork

Twitter @EU_Regional @JHahnEU

Contatti :

Shirin Wheeler (+32 2 296 65 65)

Annemarie Huber (+32 2 299 33 10)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website