Navigation path

Left navigation

Additional tools

Assegnato per la quarta volta il premio europeo per il giornalismo sulla salute

European Commission - IP/13/63   30/01/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 30 gennaio 2013

Assegnato per la quarta volta il premio europeo per il giornalismo sulla salute

I vincitori del quarto Premio europeo per il giornalismo sulla salute sono stati proclamati da Tonio Borg, commissario europeo responsabile per la Salute e la politica dei consumatori, nel corso di una cerimonia di premiazione tenutasi a Bruxelles ieri sera. Gli articoli vincenti, selezionati tra 557 articoli inviati da giornalisti di tutta l'UE, riguardano tematiche legate all'assistenza sanitaria e ai servizi sanitari – con un "Premio speciale" addizionale sulla cessazione del fumo di tabacco. I vincitori sono:

1° posto: Petr Třešňàk della rivista Respekt (Repubblica ceca) per il suo articolo "Avventure nel reparto 14", in cui descrive la storia di un reparto psichiatrico che tratta i casi più difficili e di un infermiere che con forte senso di dedizione riesce a gestire la situazione.

2° posto: Ailbhe Jordan del Medical Independent (Irlanda) per il suo articolo "Is screening a waste of cash?" (Lo screening è denaro sprecato?), che analizza criticamente il dibattito sul valore e sul rapporto costi/benefici dello screening del cancro, soprattutto del cancro della mammella.

3° posto: Daniela Cipolloni che scrive per la rivista Oggi Scienza (Italia) per il suo articolo "Tutte le bugie sulle banche private del cordone" che, come indicato dal titolo, esamina il soggetto controverso della conservazione del cordone ombelicale di un neonato ai fini di terapie future.

Vincitore del premio speciale: Tobias Zick che scrive per la rivista NEON (Germania) per il suo articolo approfondito dal titolo "Aria spessa", in cui esamina il cambiamento degli atteggiamenti nei confronti dei fumatori, che da figure 'interessanti' hanno perso ora in Germania la loro dimensione auratica, e passa in rassegna gli aspetti storici, politici, giuridici e filosofici del controllo del fumo di tabacco.

Prendendo la parola nel corso della cerimonia di premiazione, il commissario Borg ha affermato: "Tutti e quattro i giornalisti premiati questa sera non vanno coi guanti di velluto sia nella scelta delle tematiche trattate sia nel linguaggio diretto usato. Sebbene gli articoli riguardino soggetti diversi, come la salute mentale, lo screening del cancro, le banche del cordone ombelicale e il controllo del tabacco, il filo comune degli articoli premiati è che affrontano questioni scomode per le quali si avverte la necessità di un dibattito a livello di UE".

Contesto

Il Premio europeo per il giornalismo sulla salute, che è ora alla quarta edizione, intende far opera di sensibilizzazione su importanti tematiche sanitarie che interessano la vita quotidiana delle persone che vivono in tutta l'UE – questioni che la Commissione europea ha affrontato con i suoi strumenti legislativi o tramite altre iniziative. Esso è inteso anche a incoraggiare e riconoscere l'eccellenza del giornalismo sulla salute in Europa.

La tematica principale di questa edizione del premio era ancora una volta la campagna 'L'Europa per i pazienti' che abbraccia un'ampia gamma di tematiche relative all'assistenza sanitaria e alla sicurezza dei pazienti. In considerazione del fatto che il 2012 è stato l'Anno europeo dell'invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni, all'elenco dei soggetti è stata aggiunta la tematica dell'invecchiamento attivo e sano. Inoltre, per il secondo anno di seguito, è stato assegnato un 'premio speciale' sulla cessazione del fumo di tabacco, soggetto legato alla priorità attribuita dalla Commissione alla lotta contro il tabagismo.

La selezione dei vincitori è avvenuta in due fasi. Giurie nazionali hanno selezionato un finalista nazionale per la tematica principale e, in certi casi, un finalista per la categoria speciale sul fumo. La giuria dell'UE, composta di funzionari della Commissione europea, di esperti di sanità pubblica e di giornalisti, si è riunita a Bruxelles per scegliere i quattro articoli vincitori. Tutti i finalisti sono stati invitati a Bruxelles per partecipare a un seminario sui media e alla cerimonia di premiazione.

Il vincitore e il secondo e terzo classificato della quarta edizione del Premio europeo per il giornalismo sulla salute ricevono premi del seguente valore:

  • Primo premio 6.000 euro

  • Secondo premio 2.500 euro

  • Terzo premio 1.500 euro

  • Premio speciale sulla cessazione del fumo 3.000 euro.1

Per ulteriori informazioni sul Premio europeo per il giornalismo sulla salute e per leggere gli articoli premiati e finalisti, si invita a consultare il sito dedicato:

http://ec.europa.eu/health-eu/journalist_prize/index_it.htm

Twitter: @EU_Health

Persone da contattare:

Shirin Wheeler (+32 2 296 65 65)

Annemarie Huber (+32 2 299 33 10)

1 :

Il premio è finanziato dal bilancio del programma Salute dell'UE.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website