Navigation path

Left navigation

Additional tools

Giornata internazionale contro l'uso e il traffico illecito di droga — La Commissione europea invoca un divieto su scala europea per la droga sintetica "5-IT"

European Commission - IP/13/604   25/06/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 25 giugno 2013

Giornata internazionale contro l'uso e il traffico illecito di droga — La Commissione europea invoca un divieto su scala europea per la droga sintetica "5-IT"

In vista della Giornata internazionale contro l'uso e il traffico illecito di droga, la Commissione europea ha proposto oggi un divieto su scala europea del "5-IT", una sostanza sintetica con effetti stimolanti e allucinogeni. La Commissione ha chiesto agli Stati membri di impedire il libero diffondersi di questa droga in Europa assoggettandola a misure di controllo.

Il 5-(2-amminopropil)indolo (anche noto come 5-IT) è già oggetto di misure di controllo in almeno sette Stati dell'UE (Austria, Cipro, Danimarca, Germania, Ungheria, Italia e Svezia), e in Norvegia. Solo fra aprile a agosto 2012 è stato ricollegato a 24 decessi in quattro paesi europei.

"Il 5-IT è una sostanza psicoattiva nociva e ha, come si sa, effetti letali" ha dichiarato la Vicepresidente Viviane Reding, Commissario europeo per la Giustizia. "Sollecito gli Stati membri ad adottare rapidamente la proposta della Commissione per assoggettarlo a misure di diritto penale.".

Sono stati segnalati almeno 24 casi di mortalità in quattro Stati membri (Germania, Ungheria, Svezia e Regno Unito), nell'ambito dei quali l'autopsia ha rilevato tracce di 5-IT, solo o combinato con altre sostanze. Sono stati inoltri riferiti altri 21 casi di intossicazioni non mortali legati a questa nuova sostanza psicoattiva.

La proposta della Commissione oggi adottata vieta la produzione e la commercializzazione del 5-IT, assoggettandolo a sanzioni penali in tutta Europa. I governi dell'UE devono ora decidere, votando a maggioranza qualificata in Consiglio, se porre in vigore queste misure.

Nuova legislazione sulle sostanze psicoattive

Negli ultimi anni sono comparse nuove sostanze psicoattive a un ritmo senza precedenti: l'anno scorso ne sono state notificate 73, cioè il triplo rispetto al numero di sostanze notificate nel 2009.

"La rapida diffusione di nuove sostanze psicoattive è una delle sfide maggiori della politica di lotta contro la droga. Con un mercato senza frontiere interne abbiamo bisogno di norme comuni per affrontare questo problema", ha aggiunto la Vicepresidente Reding. "Intendo presentare, nei prossimi mesi, una legislazione europea più severa sulle nuove sostanze psicoattive, affinché l'UE possa reagire in modo più rapido ed efficace.".

Nel frattempo, il 24-25 giugno, circa 40 organizzazioni della società civile attive nel settore degli stupefacenti si sono incontrate con la Commissione per discutere su come rispondere alle nuove sfide della lotta contro la droga. Il Forum europeo della società civile sulla droga apporta alla Commissione contributi sulle questioni più importanti della politica di lotta contro la droga, fra cui il modo per ridurre la domanda, e contribuisce al dibattito internazionale sull'efficacia del sistema mondiale di controllo delle droghe.

Contesto

Il 5-(2-amminopropil)indolo (5-IT) è una sostanza sintetica che risulta avere effetti stimolanti e allucinogeni. È stato rilevato per lo più in forma di polvere ma anche in forma di compressa e capsula. È disponibile alla vendita su Internet e nei negozi specializzati in sostanze psicotrope (head shop), ed è generalmente commercializzato come "sostanza chimica sperimentale". È stato anche riscontrato in campioni di un prodotto venduto come sostanza psicoattiva legale (legal high), denominato "Benzo Fury", e in compresse somiglianti all'ecstasy.

Una valutazione dei rischi svolta dal Comitato scientifico dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) di Lisbona ha mostrato che il 5-IT può avere gravi effetti nocivi, come tachicardia e ipertermia, e può anche causare midriasi, agitazione e tremore. Il 5-IT non ha proprietà terapeutiche note o altre conosciute finalità lecite. È una sostanza controllata in almeno sette Stati dell'UE (Austria, Cipro, Danimarca, Germania, Ungheria, Italia e Svezia) e in Norvegia.

La proposta della Commissione fa seguito alla procedura di valutazione dei rischi e controllo delle nuove sostanze psicoattive istituita dalla decisione 2005/387/GAI del Consiglio. Il Consiglio ha chiesto la valutazione dei rischi per il 5-IT il 22 gennaio 2013.

Nel 2010 la Commissione europea ha proposto e ottenuto il divieto su scala europea del mefedrone, una droga simile all'ecstasy (MEMO/10/646), e all'inizio del 2013 della sostanza "4-MA" simile all'anfetamina (IP/13/75). Il 25 ottobre 2011 la Commissione ha annunciato una revisione delle norme UE sulle nuove sostanze psicoattive che imitano gli effetti di droghe pericolose come l'ecstasy o la cocaina causando crescenti preoccupazioni in tutta Europa (IP/11/1236). Una proposta legislativa è attesa nel corso del 2013.

L'Unione europea ha individuato il numero record di 73 sostanze di questo tipo nel 2012, rispetto alle 24 del 2009. Questa sostanze sono sempre più disponibili su Internet e si sono rapidamente diffuse in molti Stati membri, che hanno difficoltà a impedirne la vendita.

Secondo un'indagine Eurobarometro del 2011, le nuove sostanze con effetti simili a quelli delle droghe illegali sono sempre più diffuse e utilizzate: il 5% dei giovani europei afferma di averle assunte. Le cifre più alte si registrano in Irlanda (16%), seguita da Polonia (9%), Lettonia (9%), Regno Unito (8%) e Lussemburgo (7%). Dall'Eurobarometro emerge che in tutti e 27 gli Stati membri dell'Unione europea l'ampia maggioranza dei giovani fra i 15 e i 24 anni è a favore dell'interdizione di tali sostanze.

Per ulteriori informazioni

Commissione europea — Politica di controllo delle droghe:

http://ec.europa.eu/justice/anti-drugs/index_it.htm

Sito Internet di Viviane Reding, Vicepresidente e Commissario europeo per la Giustizia:

http://ec.europa.eu/reding

La Vicepresidente su Twitter: @VivianeRedingEU

Contatti:

Mina Andreeva (+32.229-91382)

Natasha Bertaud (+32.229-7456)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website