Navigation path

Left navigation

Additional tools

Unire le forze per superare la crisi

European Commission - IP/13/506   06/06/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa congiunto

Bruxelles, 6 giugno 2013

Unire le forze per superare la crisi

Il Presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, e il Presidente del Comitato delle regioni, Ramón Luis Valcárcel, hanno discusso in data odierna le principali sfide politiche, sociali ed economiche dell’Unione europea. Al centro della discussione la necessità di agire con determinazione per attuare le misure anti-crisi concordate, di incrementare gli sforzi a favore della crescita e dell’occupazione e di andare in direzione di un’unione economica e monetaria più integrata.

L’incontro bilaterale tra i due Presidenti è stato seguito da un pranzo di lavoro organizzato dal Presidente Barroso cui hanno preso parte sette importanti associazioni regionali e locali, insieme al Presidente e al primo Vicepresidente del Comitato delle Regioni (CdR), Mercedes Bresso. Entrambi gli incontri si sono svolti nell’ambito del “dialogo strutturale” tra Commissione europea, CdR e associazioni europee degli enti locali e regionali: obiettivo del dialogo il rafforzamento delle relazioni tra l’UE e i rappresentanti degli enti locali e regionali.

Il Presidente Barroso ha dichiarato: “Anche se stiamo utilizzando tutte le risorse disponibili per consentire all’Europa di superare la crisi, il nostro compito più importante è dare speranza alla gente. Abbiamo bisogno di continuare a incanalare tutti gli sforzi verso la crescita e l’occupazione sostenibile in Europa, dando attuazione alle misure che abbiamo deciso di adottare. Dobbiamo inoltre dimostrare che la nostra azione sta facendo la differenza per i giovani disoccupati e per le piccole e medie imprese a corto di liquidità. In questo contesto, il futuro bilancio dell’UE per il periodo 2014-2020 e i programmi di finanziamento sono di importanza cruciale. Invitiamo pertanto il Consiglio e il Parlamento a raggiungere quanto prima un accordo sul futuro bilancio in modo che a partire dal 2014 gli investimenti essenziali possano cominciare ad affluire agli Stati membri e alle loro regioni. Soltanto una cooperazione a tutti i livelli potrà garantire il raggiungimento dei nostri obiettivi comuni, processo in cui regioni e città svolgono un ruolo fondamentale.”

Il Presidente Valcárcel ha sottolineato che: “È arrivato il momento di iniziare a pensare seriamente a come l’Unione europea possa davvero rafforzare il potere di città e regioni, enti locali più vicini ai cittadini. Sono pienamente convinto che per sostenere le imprese locali nella creazione di occupazione e per far riconquistare ai giovani la fiducia nelle loro capacità, dobbiamo proseguire nel processo di integrazione europea e ampliare il ruolo delle regioni europee”. “Ritengo che la sola risposta alla crisi sia “Più Europa””, ha aggiunto.

Il Presidente Barroso e il Presidente Valcárcel hanno precisato che nelle settimane, nei mesi e negli anni a venire sarà di importanza cruciale dimostrare l’efficacia della risposta dell’UE alla crisi, incentrata sul risanamento di bilancio favorevole alla crescita, su riforme strutturali e investimenti mirati, e sostenuta da un più stretto coordinamento delle politiche economiche e di bilancio nell’ambito del Semestre europeo.

I due Presidenti hanno inoltre discusso la strategia Europa 2020 che continuerà a guidare l’azione dell’UE. In questo contesto il Presidente del Comitato delle regioni ha invitato la Commissione a considerare la preparazione di un libro bianco sulla coesione territoriale in modo da analizzare meglio l’interazione tra l’Agenda territoriale 2020 e la strategia Europa 2020.

Il Presidente del CdR ha inoltre sottolineato che, oltre all’attività di monitoraggio del progresso ottenuto nell’ambito di tutte le iniziative faro Europa 2020, il CdR sta già preparando una valutazione intermedia della strategia da un punto di vista locale e regionale. Il contributo del CdR a questa revisione intermedia sarà presentato in occasione del prossimo Vertice europeo delle regioni e delle città che si terrà ad Atene il 6 e il 7 marzo 2014.

Il Presidente Valcárcel ha inoltre sottolineato che il 2014 coinciderà con il 20° anniversario del Comitato delle regioni, una buona occasione per l’istituzione per “guardarsi indietro, fare un bilancio e rivolgere lo sguardo al futuro”. Nel corso della sessione plenaria che segnerà il traguardo dei 20 anni (aprile 2014) verranno presentate proposte su come rafforzare, dopo il 2015, il ruolo politico e istituzionale del CdR.

Le sette associazioni locali e regionali erano rappresentate da:

– Giorgio Orsoni, primo Vicepresidente del Consiglio dei comuni e delle regioni europee (CCRE) e sindaco di Venezia (Italia),

– Karl-Heinz Lambertz, Presidente della Comunità di lavoro delle regioni europee di confine (Association of European Border Regions - AEBR) e Capo del governo della comunità germanofona del Belgio,

– Jean-Yves Le Drian, Presidente della Conferenza delle regioni periferiche marittime (CRPM), Ministro francese della Difesa e degli ex combattenti e Presidente del consiglio regionale di Bretagna (PES/FR),

– Hande Özsan Bozatli, Presidente dell’Assemblea delle regioni d’Europa (ARE) e Presidente del Comitato per le relazioni internazionali e UE del Consiglio provinciale di Istanbul,

– Daniël Termont, EUROCITIES, membro del comitato esecutivo e sindaco di Gand (Belgio),

– Françoise Dupuis, Presidente della Conferenza delle assemblee legislative regionali dell’Unione europea (CALRE) e Presidente del Parlamento della regione di Bruxelles capitale,

– Franco Iacop, Presidente della Conferenza delle regioni europee con potere legislativo (REGLEG).

Contatti:

Jens Mester (+32 2 296 39 73)

Nathalie Vandelle (Committee of the Regions) (+32 2 282 24 99)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website