Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Autres langues disponibles: FR EN DE ES NL SV EL CS LT PL BG RO

Commissione europea

Comunicato Stampa

Bruxelles, 25 aprile 2013

35,97 milioni di euro di finanziamenti UE per promuovere i prodotti agricoli nell’Unione europea e nei paesi terzi

Per promuovere i prodotti agricoli nell’Unione europea e nei paesi terzi, la Commissione europea ha approvato 22 programmi, per lo più di durata triennale, con una copertura complessiva di 71,94 milioni di euro, di cui 35,97 milioni a carico dell'UE. I programmi prescelti riguardano olio d’oliva, latte e latticini, carne, frutta e verdura fresca o trasformata, prodotti biologici, uova, vini e bevande alcoliche, ortaggi e prodotti di qualità, come quelli con certificazione DOP (denominazione di origine protetta), IGP (indicazione geografica protetta) e STG (specialità tradizionale garantita).

Nell’ambito delle azioni di informazione e di promozione, a fine novembre 2012 i servizi della Commissione hanno ricevuto 36 proposte di programmi rivolti al mercato interno e ai paesi terzi rientranti nella prima serie di misure per il 2013. Dei 22 programmi individuati per il cofinanziamento, 16 si rivolgono al mercato interno e 6 ai paesi terzi, mentre due sono stati proposti da più di uno Stato membro. Le regioni e i paesi terzi interessati sono Russia, Cina, America settentrionale, Asia sudorientale, Norvegia, Svizzera, Ucraina, India e Corea del Sud.

L’elenco completo dei programmi e dei bilanci adottati oggi è disponibile in allegato.

Contesto

Nel 2000 il Consiglio ha autorizzato l’UE a cofinanziare azioni di informazione e promozione dei prodotti agroalimentari, nel mercato unico e nei paesi terzi, destinando ai programmi promozionali un bilancio annuo complessivo di circa 55 milioni di euro.

Le azioni finanziate possono consistere in pubbliche relazioni o campagne pubblicitarie e promozionali sui pregi dei prodotti dell’Unione, soprattutto in termini di qualità, igiene e sicurezza alimentare, nutrizione, etichettatura, benessere degli animali o metodi di produzione rispettosi dell'ambiente. Vi rientrano inoltre la partecipazione a eventi e fiere, le campagne di informazione sul sistema europeo delle denominazioni di origine protette (DOP), delle indicazioni geografiche protette (IGP) e delle specialità tradizionali garantite (STG), le informazioni sui sistemi europei di qualità, etichettatura e agricoltura biologica e le campagne di informazione sul sistema dei vini di qualità prodotti in regioni determinate (VQPRD). L’UE finanzia fino al 50% dei costi, percentuale che può arrivare fino al 60% per i programmi che promuovono il consumo di frutta e verdura nei bambini o per le azioni di informazione sul consumo responsabile di alcolici e sui pericoli derivanti dall'abuso di alcol. Il resto è coperto dalle organizzazioni professionali o intersettoriali che propongono le iniziative e, in alcuni casi, anche dagli Stati membri interessati. Le organizzazioni professionali che intendono condurre azioni promozionali sul mercato interno e nei paesi terzi possono presentare due volte l’anno le proprie proposte agli Stati membri che trasmettono quindi alla Commissione l’elenco dei programmi prescelti e una copia di ciascun programma. I programmi proposti sono successivamente valutati dalla Commissione che ne stabilisce l'ammissibilità.

Per ulteriori informazioni

Sulla politica di qualità dei prodotti agricoli dell'UE:

http://ec.europa.eu/agriculture/quality/index_en.htm

Sulla promozione dei prodotti agricoli dell'EU:

http://ec.europa.eu/agriculture/promotion/index_en.htm

Contatti:

Fanny Dabertrand (+32 2 299 06 25)

Roger Waite (+32 2 296 14 04)


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site