Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES PT EL MT SL BG RO

Commissione europea

Comunicato Stampa

Atene, 18 aprile 2013

12esima conferenza FEMIP — Un’economia blu per il Mediterraneo: rafforzare la cooperazione marina e marittima

Maria Damanaki, commissaria europea per gli Affari marittimi e la pesca, Philippe de Fontaine-Vive, vicepresidente della Banca europea per gli investimenti (BEI) e Andrew Winbow, segretario generale aggiunto dell’Organizzazione marittima internazionale (IMO), sono riuniti ad Atene (Grecia) in occasione della 12esima conferenza del Fondo euromediterraneo di investimento e partenariato (FEMIP) del 18-19 aprile per ribadire il loro impegno a collaborare per promuovere un’economia blu sostenibile nella regione del Mediterraneo e rafforzare quanto più possibile la cooperazione marina e marittima tra tutti i paesi confinanti. Alla conferenza parteciperanno anche i ministri degli affari marittimi di Bulgaria, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Malta e Palestina.

Il potenziale del mare è al centro degli sforzi per promuovere una crescita blu. La Commissione europea ha presentato il suo approccio per un partenariato a favore della democrazia e di una prosperità condivisa nella regione del Mediterraneo meridionale, incentrato sulla promozione di uno sviluppo economico inclusivo e sul rafforzamento della cooperazione settoriale. La dotazione finanziaria complessiva assegnata ai paesi vicini del Mediterraneo meridionale tra il 2007 e il 2012 ammonta a 7,48 miliardi di EUR1. La BEI ha potenziato il proprio sostegno per la regione nell’ambito del Fondo euromediterraneo di investimento e partenariato (FEMIP). Tra la fine del 2002 e il 2012 la BEI ha destinato oltre 13 miliardi di EUR al finanziamento dei paesi partner del Mediterraneo e, in collaborazione con istituzioni finanziarie internazionali, agenzie bilaterali e settore privato, ha mobilitato altri 35 miliardi di EUR circa per accelerare l’integrazione della regione. L’IMO ha il compito di promuovere a livello internazionale l’adozione di norme quanto più rigorose possibile in materia di sicurezza e protezione marittima, efficienza della navigazione e prevenzione e controllo dell’inquinamento marino causato dalle navi.

Sono lieta di inaugurare oggi un processo di cooperazione rafforzata a favore dell’economia blu della regione. Unendo i nostri sforzi, e quelli dell’Unione per il Mediterraneo, di altre organizzazioni regionali pertinenti e di tutti i paesi interessati, possiamo contribuire alla democrazia, alla prosperità a lungo termine, alla crescita inclusiva e alla promozione dell’occupazione e di un lavoro dignitoso nella regione. Iniziamo sostenendo lo sviluppo di poli marittimi quali utili piattaforme per favorire la partecipazione di tutti i portatori di interesse. Promuoviamo, poi, la creazione di una rete di istituti di formazione marittima, ad esempio ispirandoci al progetto faro sui centri europei di eccellenza per la formazione marittima nel Mar Baltico. In una regione come quella del Mediterraneo, è lavorando in un contesto transfrontaliero e intersettoriale che possiamo essere più efficaci e raggiungere la necessaria massa critica”, ha affermato la commissaria Maria Damanaki.

Andrew Winbow, dell’Organizzazione marittima internazionale, ha dichiarato: “Non vi è dubbio che mantenere e rafforzare, ove possibile, la qualità e la sostenibilità dell’ambiente costituisce un’esigenza essenziale. Oltre a un’oculata gestione di risorse che sono per natura limitate, questo comporta anche la necessità di considerare attentamente le richieste concorrenti degli utilizzatori del mare. Due sono i settori di intervento cruciali: istruzione, formazione e diffusione delle informazioni, da un lato, e un’azione di monitoraggio e vigilanza intesa a garantire il rispetto e l’efficace attuazione delle politiche e delle pratiche necessarie, dall’altro. A tal fine, un maggiore ricorso alle possibilità offerte dalla tecnologia, quali la sorveglianza e la raccolta dati via satellite o i sistemi di navigazione elettronica di imminente attuazione, può offrire un contributo prezioso alla tutela dell’ambiente. Insieme alle organizzazioni competenti dell’UE rappresentate alla conferenza, l’IMO è pronta a fornire il suo appoggio agli Stati della regione per garantire il futuro sostenibile cui tutti aspiriamo.”

Philippe de Fontaine-Vive, della Banca europei per gli investimenti, ha dichiarato: “Dobbiamo cogliere tutte le occasioni per promuovere ulteriori sinergie tra le politiche e le possibilità di investimento. Il nostro obiettivo, ora, è identificare e avviare attività che favoriscano lo sviluppo di competenze, la creazione di posti di lavoro, la sicurezza e la protezione, la tutela dell’ambiente e la crescita blu nella regione. In questo sforzo la BEI deve poter contare sul sostegno finanziario del settore privato.”

Materiale documentale è reperibile sul sito web della conferenza:

http://www.amiando.com/12thFEMIP_Conference.html

Contatti :

Commissione europea: Oliver Drewes (+32 2 299 24 21)

Lone Mikkelsen (+32 2 296 05 67)

Banca europea per gli investimenti: Anne-Cécile Auguin (+352 621 36 19 48)

Organizzazione marittima internazionale: Ashok Mahapatra (+44 207 587 32 12)

1 :

Impegni a favore della cooperazione bilaterale e regionale/interregionale, ad esclusione della cooperazione transfrontaliera e degli stanziamenti amministrativi.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website