Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 26 marzo 2013

Fondazione EIT: giovani leader presentano soluzioni innovative per il futuro dell'Europa

Oggi a Bruxelles trenta giovani leader del mondo dell'economia, dell'università e della ricerca hanno condiviso con responsabili politici e dirigenti di imprese le loro idee ispiratrici in occasione del forum annuale per l'innovazione della Fondazione dell'Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT). I giovani professionisti, gli imprenditori e gli studenti hanno presentato alcune idee di opportunità commerciali in settori che vanno dall'assistenza sanitaria alla produzione energetica e alle informazioni di mercato. Il programma dei giovani leader della Fondazione EIT mira a scoprire una nuova generazione di imprenditori di talento in grado di stimolare lo sviluppo di innovazioni sostenibili nell'UE.

Il forum annuale per l'innovazione è stato aperto da Androulla Vassiliou, commissaria europea responsabile per l'istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù, nonché responsabile dell'EIT. La commissaria ha dichiarato: "Per troppo tempo le politiche si sono basate sull'idea che gli investimenti nella ricerca avrebbero portato all'innovazione. Questo può essere un prerequisito, ma non è sufficiente. Un'educazione di alta qualità è la chiave per lasciar dispiegare talenti, il vero fulcro dell'innovazione. Mi congratulo con questi giovani leader: sono la prova che l'Europa possiede talento in grande quantità, nell'ambiente accademico, istituzionale, di ricerca e nei settori economici; nel campo delle scienze sociali, del diritto, dell'ingegneria, della chimica, della fisica e delle tecnologie dell'informazione. Insieme possiamo e dobbiamo promuovere l'innovazione attraverso il sostegno alla formazione imprenditoriale, collaborativa e multidisciplinare".

Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione europea responsabile per l'agenda digitale, presente alla manifestazione, ha aggiunto: "Dobbiamo ascoltare i nostri giovani. Hanno la volontà e il talento per trasformare l'Europa e offrire un futuro migliore. Sono davvero lieta che la Fondazione EIT fornisca piattaforme a queste persone di eccellenza e alle loro idee".

Il forum annuale per l'innovazione esamina la maniera in cui l'"innovazione fondata sui dati" può arrecare beneficio alla società e all'economia. In sintesi, oggi la quantità di dati generati è senza precedenti, ma l'Europa ha bisogno di sfruttare al massimo le potenzialità di queste informazioni per affrontare i problemi economici, ambientali e sociali del nostro tempo. Da una migliore erogazione dei servizi pubblici ad un uso più efficiente dell'energia, l'innovazione fondata sui dati è considerata fondamentale per la crescita economica.

Il gruppo di giovani leader, scelti dalla Fondazione EIT, sta seguendo un programma di formazione imprenditoriale e di innovazione che ha incluso seminari nel Regno Unito e in Belgio, nonché sessioni in linea, con contenuti accademici forniti dall'Imperial College di Londra. Nel corso dell'anno la Fondazione lancerà inoltre un programma di tirocini nell'ambito delle sue organizzazioni fondatrici per contribuire a sviluppare le capacità imprenditoriali e di innovazione dei giovani.

Contesto

La Fondazione EIT è un'organizzazione indipendente e filantropica istituita nel 2010 dall'Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT). Prima Fondazione istituita da un organismo dell'UE, si tratta di un gruppo di organizzazioni e imprese che perseguono gli stessi obiettivi dedicandosi alla promozione di una cultura di innovazione e imprenditorialità in Europa. Il suo obiettivo è integrare e rafforzare l'impatto dell'EIT raggruppando alcune delle più brillanti menti europee mediante programmi dedicati ai giovani talenti e iniziative analoghe. La Fondazione EIT è stata istituita da dieci imprese leader: Agfa Gevaert, Akzo Nobel, Alcatel-Lucent, BNP Paribas, Ernst & Young, Google, Intel Labs Europe, MOL, Solvay e il Vodafone Institute for Society and Communications.

La Fondazione EIT intende, in via prioritaria:

  1. promuovere la formazione all'imprenditorialità e colmare il divario tra il mondo accademico e le imprese;

  2. creare una nuova generazione con una mentalità imprenditoriale pronta a mettersi a capo dello sviluppo di innovazioni sostenibili;

  3. sviluppare una rete internazionale di professionisti di talento nei settori dell'istruzione, della ricerca, dell'innovazione e delle imprese.

I 30 giovani leader della Fondazione EIT si stanno concentrando sui seguenti temi:

  1. Assistenza sanitaria e "big data"
    Amitte Gulamhussen (Solvay, Portogallo); Robert Hirt (Ernst & Young, Regno Unito); Mark Ruckebier (Vodafone, Germania); Jonathan Orban de Xivry (Université Catholique de Louvain, Belgio); Guillaume Marcerou (Ernst & Young, Francia); Jeroen Melis (Agfa HealthCare, Belgio).

  2. Istruzione superiore e "big data"
    Halit Ünver (Università di Ulm & Research Institute for Applied Knowledge Processing, Germania); Nadja Dokter (EIT, Austria); Kate Hofman (UrbanFarmers and GrowUp, Regno Unito); Julia Manske (Vodafone Institute, Germania); Richard Ramsden (Akzo Nobel, Regno Unito).

  3. Uso di "big data" per il cambiamento sociale — il mercato dell'energia
    Chris Woods (Intel Labs, Irlanda); Tommaso Alderigi (Glint4Life, Italia); Niclas Ehn (Expektra AB, Svezia); Nina Gumzej (Università di Zagabria, Croazia); Pep Salas (ENERBYTE, Spagna); Hjalmar Nilsson (Black Silicon Solar, Svezia).

  4. Come utilizzare i "big data" per sostenere le start-up
    Wouter Haerick (Università di Gand, Belgio); Sebastien Petillon (Solvay, Francia); Jonas Vermeulen (Alcatel-Lucent, Belgio).

  5. "Big data" e concept di città intelligenti
    Guillaume Delalandre (BNP Paribas Fortis, Francia); Jessica McCarthy (Intel Labs, Irlanda); Peter Mechant (Università di Gand e iMinds, Belgio); Romain Muller (EIT, Francia); Geert Ysebaert (Alcatel-Lucent, Belgio).

  6. "Big data" per catturare e mostrare la conoscenza
    Paul Docherty (Akzo Nobel, Regno Unito); Katalin Babos (MOL Plc, Ungheria); Márta Dömök (MOL Plc, Ungheria); Sergi Figueres (Worldcoo, Spagna); Reka Tabajdai (Università di Szeged, Ungheria).

Altri relatori che interverranno oggi al forum annuale sull'innovazione: Alexander von Gabain, presidente del comitato direttivo dell'EIT, Christian Jourquin, presidente della Fondazione EIT, Alfred Spector, vice-presidente della sezione Research and Special Initiatives presso Google, Kenneth Cukier, Data Editor presso The Economist, Xavier Damman, co-fondatore e amministratore delegato di Storify, e Jake Porway, fondatore e direttore esecutivo di DataKind.

Per ulteriori informazioni

Discorso di apertura della commissaria Vassiliou in occasione del forum annuale per l'innovazione: SPEECH/13/260

Discorso di chiusura della commissaria Kroes in occasione del forum annuale per l'innovazione: SPEECH/13/261

Fondazione EIT

Commissione europea: Istruzione e formazione (in inglese)

Sito web di Androulla Vassiliou (in inglese)

Segui Androulla Vassiliou su Twitter: @VassiliouEU

{0>Contacts :<}0{>Contatti:<0}

Dennis Abbott (+32 2 295 92 58); Ryan Heath (+ 32 2 296 17 16)

Dina Avraam (+32 2 295 96 67); Linda Cain (+32 2 299 90 19)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website