Navigation path

Left navigation

Additional tools

Lotta al traffico di armi: la Commissione propone la ratifica del Protocollo ONU e altre azioni

European Commission - IP/13/268   22/03/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 22 marzo 2013

Lotta al traffico di armi: la Commissione propone la ratifica del Protocollo ONU e altre azioni

L’UE è pronta a ratificare il protocollo delle Nazioni Unite sulle armi da fuoco, a seguito dell’adozione di nuove norme sulla vendita, la detenzione e il trasferimento di armi da fuoco all’interno e all’esterno dell’Europa. A tal fine, la Commissione europea presenta oggi una proposta, pur sottolineando la necessità di ulteriori iniziative.

Scopo del protocollo delle Nazioni Unite sulle armi da fuoco è rafforzare la cooperazione contro la fabbricazione e il traffico illeciti di armi di piccolo calibro, quali armi corte e pistole. Questo commercio genera proventi per circa 180 milioni di euro all’anno per la criminalità organizzata in tutto il mondo.

«Il traffico illecito di armi da fuoco rappresenta una minaccia crescente per la sicurezza dei cittadini europei e un’attività redditizia per i criminali. È necessario rafforzare i controlli sulle armi che entrano, circolano ed escono dal territorio dell’UE al fine di prevenirne un uso indebito. La conclusione del protocollo delle Nazioni Unite sulle armi da fuoco conferma l’impegno dell’Unione europea a proteggere i cittadini dal rischio della violenza delle armi nell’UE e nel resto del mondo», ha dichiarato la commissaria UE per gli Affari interni, Cecilia Malmström.

Il testo del protocollo contiene disposizioni volte a:

  1. conservare dati dettagliati sull’importazione, l’esportazione e il transito di armi da fuoco;

  2. adottare un sistema internazionale di marcatura delle armi da fuoco da apporre alla fabbricazione e ogni qualvolta vengano importate;

  3. istituire un sistema di autorizzazioni armonizzato a disciplina dell’importazione, esportazione, transito e riesportazione delle armi da fuoco;

  4. prevenire il furto, la perdita o lo sviamento di armi da fuoco attraverso il rafforzamento dei controlli delle esportazioni, dei punti di esportazione e dei controlli alle frontiere;

  5. scambiare informazioni su produttori, distributori, importatori ed esportatori autorizzati, sulle rotte utilizzate dai trafficanti e sulle prassi migliori nella lotta al traffico al fine di accrescere la capacità degli Stati di prevenire, individuare e indagare sul traffico illecito di armi da fuoco.

Le prossime tappe

Il Consiglio, con l’approvazione del Parlamento europeo, dovrebbe ora adottare la proposta di ratifica del protocollo delle Nazioni Unite sulle armi da fuoco. Entro la fine del 2013, la Commissione presenterà una comunicazione su come arginare la minaccia posta dalle armi da fuoco alla sicurezza interna dell’Unione europea.

Contesto

Nel 2002 la Commissione ha negoziato e firmato, a nome dell’UE, il protocollo delle Nazioni Unite sulle armi da fuoco. La conclusione del processo – l’effettiva ratifica del protocollo – era stata rinviata a una fase successiva, al fine di aggiornare e allineare la legislazione dell’UE alle disposizioni del protocollo. L’UE ha nel frattempo adottato la seguente legislazione:

  1. la direttiva 2008/51/CE (che modifica la direttiva 91/477/CEE del Consiglio) stabilisce le norme in materia di controllo da parte degli Stati membri dell’UE dell’acquisizione e della detenzione di armi da fuoco e del loro trasferimento verso un altro Stato membro dell’UE.

  2. il regolamento n. 258/2012/UE (IP/12/225) stabilisce obblighi in materia di autorizzazioni per l’esportazione, l’importazione e il transito e semplifica il rintracciamento delle armi. Si applica alle armi da fuoco, loro parti e componenti essenziali e munizioni ad uso civile e non riguarda le armi ad uso militare.

Link utili

Sito web di Cecilia Malmström

Seguite Cecilia Malmström su Twitter

Sito web della DG Affari interni

Seguite la DG Affari interni su Twitter

Contatti:

Michele Cercone (+32 2 298 09 63)

Tove Ernst (+32 2 298 67 64)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website