Navigation path

Left navigation

Additional tools

Frontiere “intelligenti” aumenteranno la mobilità e la sicurezza

European Commission - IP/13/162   28/02/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 28 febbraio 2013

Frontiere “intelligenti” aumenteranno la mobilità e la sicurezza

L’UE sta definendo una gestione più moderna ed efficiente delle frontiere, che si avvale delle moderne tecnologie. Oggi la Commissione presenta un pacchetto di proposte legislative (“frontiere intelligenti”) che dovrebbero accelerare, facilitare e rafforzare le procedure di controllo dei viaggiatori di paesi terzi alle frontiere dell’Unione europea. Il pacchetto comprende un Programma per viaggiatori registrati (RTP) e un Sistema di registrazione in ingresso/uscita (SEO) che semplificheranno la vita dei cittadini di paesi terzi che attraversano frequentemente le frontiere esterne dello spazio Schengen e che rafforzeranno la sicurezza alle frontiere dell’UE.

"Le nuove tecnologie permetteranno un attraversamento di frontiera più agevole e più rapido dei cittadini di paesi terzi che desiderano entrare nell’Unione europea. Vogliamo facilitare l’accesso dei viaggiatori stranieri verso l’UE, nel loro stesso interesse ma anche dell’economia europea: nel 2011 l’apporto dei viaggiatori stranieri alla nostra economia è stimato in 271 miliardi di euro. Sistemi più moderni garantiranno un maggiore livello di sicurezza, prevenendo gli attraversamenti irregolari delle frontiere e individuando i cittadini di paesi terzi che si trattengono sul territorio dell'UE oltre la durata di soggiorno autorizzata", ha dichiarato Cecilia Malmström, Commissaria UE per gli Affari interni.

Regolamento che istituisce un programma UE per viaggiatori registrati (RTP)

  1. Il programma per viaggiatori registrati (RTP) prevede controlli semplificati per i “viaggiatori frequenti” che entrano nell’UE, resi possibili da un insieme di esami preventivi e controlli di sicurezza preliminari. Si stima che il nuovo programma interesserà ogni anno 5 milioni di viaggiatori regolari provenienti da paesi terzi. L’RTP si avvarrà di controllo automatizzato alle frontiere ("porte automatiche") presso i principali valichi di frontiera, quali gli aeroporti che dispongono di questa moderna tecnologia. Ciò consentirà un controllo di frontiera dei viaggiatori registrati molto più rapido di quanto lo sia oggi.

  2. È plausibile che determinate categorie di viaggiatori (imprenditori, lavoratori con contratti a breve termine, ricercatori e studenti, cittadini di paesi terzi che hanno stretti legami di parentela con cittadini dell’UE o che vivono nelle regioni confinanti) attraversino le frontiere dell’UE più volte all’anno. Rendere loro quanto più facile entrare nell’UE permetterà all'UE di rimanere una destinazione attraente e contribuirà a stimolare le attività economiche e la creazione di posti di lavoro.

Regolamento che istituisce un sistema UE di ingressi/uscite

  1. Il sistema di ingressi/uscite registra la data e il luogo di ingresso e di uscita dei cittadini di paesi terzi che viaggiano nell’Unione europea. Il sistema calcola elettronicamente la durata del soggiorno breve autorizzato, sostituendo le attuali procedure manuali, ed invia una segnalazione alle autorità nazionali qualora alla scadenza del periodo autorizzato non sia stata registrata l’uscita del viaggiatore dal territorio dell'UE. In tal modo, il sistema servirà anche ad affrontare il problema delle persone che prolungano il soggiorno oltre la scadenza del visto di breve termine.

  2. La procedura attualmente applicata dagli Stati membri ai fini del controllo di un cittadino di paese terzo che desidera attraversare le frontiere esterne dell’UE si basa essenzialmente sull’apposizione di timbri nel documento di viaggio. Tale procedura richiede molto tempo, non fornisce dati affidabili sugli attraversamenti di frontiera, non consente di individuare agevolmente i soggiornanti fuori termine ed è inefficace nei casi di perdita o distruzione dei documenti di viaggio. Inoltre, con gli attuali sistemi, gli Stati membri non potranno affrontare la pressione sempre crescente di viaggiatori in ingresso e in uscita dall’UE, il cui volume, soltanto alle frontiere aeroportuali, dovrebbe aumentare dell'80%, passando da 400 milioni nel 2009 a 720 milioni nel 2030.

Contesto

Le proposte odierne fanno seguito a una comunicazione (IP/11/1234), con cui è stata avviata una discussione tra le istituzioni dell’UE e le autorità degli Stati membri sull’attuazione di nuovi sistemi, alla luce del valore aggiunto, delle implicazioni per la protezione dei dati e dei costi rispettivi.

Le proposte rientrano nell’iniziativa volta a rafforzare la governance globale dello spazio Schengen, come annunciato nella comunicazione sulla migrazione, adottata il 4 maggio 2011 (IP/11/532 e MEMO/11/273).

Le prossime fasi

Saranno ora avviati i negoziati con il Parlamento europeo e il Consiglio sulle proposte legislative relative al programma per viaggiatori registrati e al sistema di ingressi/uscite. Una volta adottati dai co-legislatori, il sistema e il programma proposti saranno attuati per diventare operativi nel 2017 o 2018.

Link utili

Sito web di Cecilia Malmström

Cecilia Malmström su Twitter

Sito web della DG Affari interni

DG Affari interni su Twitter

Infografica relativa a frontiere e visti

EU 'Smart Borders' – press conference

Audio-visual material:

Videos: Frankfurt Airport; Schiphol Airport

Photos: Frankfurt Airport; Schiphol Airport

Proposals for regulations on a Registered Traveller Programme and an Entry/Exit System

Questions and answers: MEMO/13/141

Contatti:

Michele Cercone (+32 2 298 09 63)

Tove Ernst (+32 2 298 67 64)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website