Navigation path

Left navigation

Additional tools

Il Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica (EC3) sarà inaugurato l’11 gennaio

European Commission - IP/13/13   09/01/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 9 gennaio 2013

Il Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica (EC3) sarà inaugurato l’11 gennaio

A partire dall’11 gennaio il nuovo Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica (EC3) sarà pienamente operativo allo scopo di contribuire a proteggere i cittadini e le imprese europei dalla criminalità informatica. Cecilia Malmström, Commissaria UE per gli Affari interni, parteciperà all’inaugurazione ufficiale del Centro, situato presso l’Ufficio europeo di polizia (Europol) all’Aia (Paesi Bassi).

Il Centro per la lotta alla criminalità informatica darà un forte impulso alla capacità dell’UE di combattere la criminalità informatica e proteggere una rete internet libera, aperta e sicura. I criminali informatici sono intelligenti e veloci nell’utilizzare le nuove tecnologie per scopi criminali; il Centro EC3 ci aiuterà a diventare ancora più intelligenti e veloci al fine di contribuire a prevenire e combattere i reati informatici”, ha dichiarato la Commissaria Malmström.

Nella lotta alla criminalità informatica, priva di confini per natura e caratterizzata da una grande abilità dei criminali a nascondersi, è necessaria una risposta flessibile e adeguata. Il Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica è stato istituito per fornire queste competenze in qualità di centro di fusione e di centro di sostegno operativo, investigativo e forense, ma anche grazie alla propria capacità di mobilitare tutte le risorse degli Stati membri dell’UE necessarie a mitigare e ridurre le minacce provenienti dai criminali informatici, ovunque essi operino”, ha dichiarato Troels Oerting, Capo del Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica.

Le indagini condotte in materia di frodi online, abusi su minori online e altri reati informatici coinvolgono regolarmente centinaia di vittime e di sospetti in diverse parti del mondo. Le operazioni di questa portata non possono essere portate a termine con successo esclusivamente dalle forze di polizia nazionali.

L’apertura del Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica (EC3) segna un notevole cambiamento rispetto al modo in cui l’UE ha affrontato la criminalità informatica fino ad oggi. Innanzitutto, l’approccio dell’EC3 sarà più lungimirante e inclusivo. Verranno riunite competenze ed informazioni, verrà fornito sostegno alle indagini penali e verranno promosse soluzioni a livello dell’UE.

L’EC3 si concentrerà sulle attività illegali online compiute dalla criminalità organizzata, in particolare gli attacchi diretti contro l’e-banking e altre attività finanziarie online, lo sfruttamento sessuale dei minori online e i reati che colpiscono i sistemi di informazione e delle infrastrutture critiche dell’UE.

Il Centro, inoltre, contribuirà a promuovere la ricerca e lo sviluppo, ad assicurare lo sviluppo di capacità da parte delle autorità incaricate dell’applicazione della legge, dei giudici e dei pubblici ministeri e a effettuare valutazioni delle minacce, compresi analisi delle tendenze, previsioni e allarmi rapidi. Per smantellare un numero maggiore di reti criminali informatiche e perseguire più indiziati, l’EC3 dovrà raccogliere e trattare dati relativi alla criminalità informatica e fungere da help desk per le unità di contrasto dei paesi dell’UE. Il Centro offrirà sostegno operativo ai paesi dell’UE (ad esempio contro le intrusioni, la frode, l’abuso sessuale di minori online, ecc.) e fornirà competenze tecniche, analitiche e forensi di alto livello nelle indagini congiunte dell’UE.

Secondo un recente sondaggio dellEurobarometro la sicurezza informatica desta ancora molta preoccupazione tra i cittadini europei. L’89% degli utenti di internet non rivela informazioni personali online e il 12% è stato vittima di frode online.

Circa un milione di persone nel mondo è vittima ogni giorno di varie forme di criminalità informatica. Secondo le stime le vittime perdono circa 290 miliardi di EUR ogni anno nel mondo a causa di attività criminali informatiche (Norton, 2011).

Contesto

All’interno de ‘La strategia di sicurezza interna dell’UE in azione’ (IP/10/1535 e MEMO/10/598), adottata il 22 novembre 2010, la Commissione ha annunciato l’intenzione di istituire un Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica (EC3).

La creazione del Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica (EC3) (IP/12/317 e MEMO/12/221) fa parte di una serie di misure intese a proteggere i cittadini dai reati informatici. Essa integra le proposte legislative quali la direttiva relativa agli attacchi contro i sistemi di informazione (IP/10/1239 e MEMO/10/463) e la direttiva relativa alla lotta contro lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile online adottata nel 2011 (IP/11/1255).

La cerimonia d’inaugurazione ufficiale dell’EC3 si terrà l’11 gennaio presso la sede dell’Europol all’Aia, nei Paesi Bassi.

Registrazione per i media

Si prega di registrarsi per l’inaugurazione ufficiale che si terrà all’Aia utilizzando il modulo di richiesta per i media https://www.europol.europa.eu/webform/media-request inserendo i nomi dei partecipanti, la loro organizzazione e il tipo di media.

Il termine ultimo per la registrazione è il 10 gennaio 2013, ore 14:00.

Si prega di presentare un documento d’identità valido e una tessera di riconoscimento di addetti stampa.

Per ulteriori informazioni sul programma, si veda il sito web dell’Europol https://www.europol.europa.eu/content/news/ec3-opening-european-cybercrime-centre-1933

Per ulteriori informazioni

Contatti:

Michele Cercone (+32 2 298 09 63)

Tove Ernst (+32 2 298 67 64)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website