Navigation path

Left navigation

Additional tools

La Commissione istituisce un osservatorio sulla bioeconomia

European Commission - IP/13/113   14/02/2013

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 14 febbraio 2013

La Commissione istituisce un osservatorio sulla bioeconomia

Máire Geoghegan-Quinn, Commissaria per la Ricerca, l'innovazione e la scienza, ha annunciato oggi che la Commissione europea istituirà un osservatorio per monitorare i progressi e valutare l'impatto dello sviluppo della bioeconomia dell'UE. L'osservatorio raccoglierà dati al fine di seguire l'evoluzione dei mercati e monitorare le politiche europee, nazionali e regionali in materia di bioeconomia, le capacità nel campo della ricerca e dell'innovazione e l'entità degli investimenti pubblici e privati in questo settore. L'osservatorio sarà coordinato dal Centro comune di ricerca, servizio scientifico interno della Commissione.

La Commissaria Máire Geoghegan-Quinn ha dichiarato: "Da ormai un anno è stata avviata la strategia relativa alla bioeconomia. Stiamo cominciando ad osservare che gli Stati membri colgono le opportunità offerte dalla transizione ad un'economia post-petrolifera, che si fonda sull'uso intelligente delle risorse provenienti dalla terra e dal mare. Questo è molto importante perché porterà benefici all'ambiente, alla sicurezza energetica e alimentare e alla futura competitività dell'Europa. L'osservatorio contribuirà a mantenere vivo questo slancio."

L'osservatorio, di durata triennale, sarà avviato nel marzo 2013 con l'obiettivo di rendere pubblici i dati raccolti attraverso un portale web dedicato a partire dal 2014. In questo modo esso potrà sostenere le strategie regionali e nazionali che gli Stati membri stanno elaborando nell'ambito della bioeconomia.

Oltre a fornire dati riguardanti l'entità della bioeconomia e dei relativi settori, l'osservatorio dovrà monitorare varie misure di prestazione, quali gli indicatori relativi all'economia, all'occupazione e all'innovazione e le misure inerenti alla produttività, al benessere sociale e alla qualità ambientale. Provvederà inoltre al "monitoraggio tecnologico e politico", con l'obiettivo di seguire gli sviluppi della scienza e della tecnologia, nonché delle politiche in materia di bioeconomia.

Si stima che il valore della bioeconomia in Europa ammonti già oggi a 2 000 miliardi di euro per 22 milioni di posti di lavoro. La Commissione sta prendendo in considerazione un nuovo partenariato pubblico-privato sulle bioindustrie per accelerare lo sviluppo del settore. Si attende una decisione entro giugno 2013.

La Commissaria ha fatto l'annuncio durante una conferenza sulla bioeconomia organizzata dalla presidenza irlandese del Consiglio dell'Unione europea e tenutasi a Dublino.

Contesto

Il termine "bioeconomia" si riferisce a un’economia che si fonda sull'uso intelligente delle risorse biologiche e rinnovabili provenienti dalla terra e dal mare come fattori della produzione industriale ed energetica e della produzione di alimenti e mangimi. La bioeconomia comprende anche l'uso dei rifiuti organici e di processi fondati su bioprodotti per un comparto industriale sostenibile.

La strategia dell'UE in materia di bioeconomia, adottata il 13 febbraio 2012, si fonda principalmente su tre pilastri:

1) investimenti in ricerca, innovazione e competenze per la bioeconomia, che comprendano finanziamenti unionali e nazionali, investimenti privati ed il rafforzamento delle sinergie con altre iniziative politiche;

2) sviluppo dei mercati e della competitività nei settori della bioeconomia, attraverso un’intensificazione sostenibile della produzione primaria, la conversione dei flussi di rifiuti in prodotti con valore aggiunto, nonché meccanismi di apprendimento reciproco per una migliore efficienza produttiva e delle risorse. Lo smaltimento dei rifiuti alimentari, ad esempio, costa al contribuente europeo tra 55 e 90 euro a tonnellata e produce 170 milioni di tonnellate di CO. Questi rifiuti potrebbero essere trasformati in bioenergia o in altri bioprodotti, creando posti di lavoro e stimolando la crescita;

3) più stretto coordinamento delle politiche e maggior impegno delle parti interessate, ottenuti attraverso la creazione di una piattaforma e di un osservatorio sulla bioeconomia e l’organizzazione, a intervalli regolari, di conferenze destinate ai soggetti attivi in questo settore.

La strategia intende creare sinergie e complementarità con altri settori politici, strumenti e fonti di finanziamento che condividono gli stessi obiettivi, quali i fondi di coesione, le politiche comuni della pesca e dell’agricoltura (PCP e PAC), la politica marittima integrata e le politiche ambientale, industriale, occupazionale, energetica e sanitaria.

La strategia fa parte delle proposte operative nell'ambito di due iniziative faro della strategia UE 2020: "L'Unione dell'innovazione" e Un'Europa efficiente sotto il profilo delle risorse. La necessità di aumentare il finanziamento pubblico per la ricerca e l'innovazione in materia di bioeconomia è stata riconosciuta nell'ambito del futuro programma di ricerca della Commissione "Orizzonte 2020": sono stati proposti investimenti per 4,7 miliardi di euro da destinare alla sfida “Sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima e bioeconomia”, affiancati da ulteriori finanziamenti in altri settori del programma Orizzonte 2020.

Per ulteriori informazioni cfr. IP/12/124

Orizzonte 2020: www.ec.europa.eu/research/horizon2020

L’Unione dell'innovazione: http://ec.europa.eu/innovation-union

Un'Europa efficiente sotto il profilo delle risorse:

http://ec.europa.eu/resource-efficient-europe/index_it.htm

Europa 2020: http://ec.europa.eu/europe2020/index_it.htm

Centro comune di ricerca http://ec.europa.eu/dgs/jrc/index.cfm

Contatti:

Michael Jennings (+32 2 296 33 88)

Monika Wcislo (+32 2 298 65 95)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website