Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE ES EL SL RO

Commissione europea — comunicato stampa

Mercato interno: la Commissione interviene per garantire l'attuazione in sei paesi delle norme UE semplificate in materia di fusioni e scissioni

Bruxelles, 26 gennaio 2012 — La Commissione europea è intervenuta oggi per indurre cinque Stati membri (Cipro, Italia, Romania, Slovenia e Spagna) a rispettare l'obbligo di attuare norme semplificate in materia di fusioni e scissioni. La Commissione è preoccupata del fatto che i cinque Stati membri non abbiano rispettato gli impegni assunti ai sensi della direttiva sugli obblighi in materia di relazioni e di documentazione in caso di fusioni e scissioni (2009/109/UE). Il termine ultimo per attuare le disposizioni era il 30 giugno 2011. La Commissione ha inoltre chiesto al Regno Unito di estendere l'attuazione a tutte le parti della direttiva. Lo scopo della direttiva è quello di semplificare gli obblighi in materia di relazioni e di pubblicazione dei progetti di fusione e/o scissione. Se la direttiva non è attuata integralmente in tutti gli Stati membri, le imprese non possono godere dei benefici derivanti dalla riduzione degli oneri amministrativi ottenuti proprio grazie alla direttiva. Per raggiungere questo obiettivo è necessaria la sua attuazione tempestiva e corretta.

La richiesta della Commissione agli Stati membri interessati è trasmessa sotto forma di parere motivato. Se le autorità nazionali non risponderanno in maniera soddisfacente entro due mesi, la Commissione potrà deferire il caso alla Corte di giustizia.

Qual è l'obiettivo della normativa UE in questione?

La direttiva ha lo scopo di ridurre gli oneri amministrativi che gravano sulle società per azioni europee in seguito a fusioni e scissioni, attraverso:

  • la riduzione degli obblighi per le imprese in materia di relazioni, in particolare nel caso in cui gli azionisti decidano che talune relazioni non siano necessarie e nel contesto di cosiddette fusioni e scissioni "semplificate" tra imprese madri e controllate;

  • la riduzione della necessità di produrre una doppia relazione, in caso sia già necessario adempiere a obblighi inerenti alle relazioni a fronte di altre norme UE; nonché

  • l'introduzione della possibilità per le imprese di utilizzare internet e posta elettronica al fine di pubblicare il progetto di fusione o scissione e di fornire agli azionisti la documentazione necessaria.

In che modo gli Stati membri contravvengono alla normativa?

Mentre la maggior parte degli Stati membri ha già attuato integralmente la direttiva, cinque Stati membri (Cipro, Italia, Romania, Slovenia, Spagna) devono ancora dare attuazione all'insieme delle disposizioni in essa contenute.

Nel caso del Regno Unito, l'attuazione non è corretta per quanto riguarda Gibilterra.

Ulteriori informazioni

http://ec.europa.eu/internal_market/company/simplification/index_en.htm

Informazioni aggiornate sui procedimenti di infrazione relativi a tutti gli Stati membri:

http://ec.europa.eu/community_law/index_it.htm

Per maggiori informazioni sui procedimenti di infrazione: MEMO/12/42

Contatti:

Chantal Hughes (+32.2.2964450)

Carmel Dunne (+32.2.2998894)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website