Navigation path

Left navigation

Additional tools

Other available languages: EN FR DE

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 21 giugno 2012

Ambiente: adottati piani di gestione dei rifiuti – La Commissione chiude il procedimento sul Lazio

In seguito all’adozione del piano di gestione dei rifiuti per la Regione Lazio, la Commissione europea ha deciso di chiudere un procedimento avviato nei confronti dell’Italia. Nel 2007 la Corte di giustizia europea aveva stabilito che l’Italia era venuta meno all’obbligo di adottare tale piano, necessario per tutelare la salute umana e l’ambiente. Su raccomandazione del Commissario per l’Ambiente Janez Potočnik, la Commissione ha deciso di chiudere il caso. L’adozione del piano è un primo passo molto importante, ma la Commissione resta preoccupata per la sua attuazione e invita le autorità italiane a proseguire nei loro sforzi intesi a garantire un’adeguata gestione dei rifiuti nella regione.

Con una sentenza pronunciata a seguito del ricorso della Commissione (causa C-82/06), nel giugno 2007 la Corte di giustizia europea aveva condannato l’Italia per l’assenza dei piani di gestione dei rifiuti di alcune regioni e province, compresa la Regione Lazio. Tali piani sono obbligatori a norma della direttiva quadro sui rifiuti e della direttiva sui rifiuti pericolosi. L’Italia aveva adottato piani di gestione dei rifiuti conformi a tali direttive per tutte le zone interessate (le regioni Friuli Venezia Giulia e Puglia e le province di Bolzano e Rimini), eccezion fatta per il Lazio. Le autorità italiane avevano comunicato varie volte alla Commissione di avere preso provvedimenti per l’adozione del piano del Lazio, ma la Commissione restava preoccupata per la lentezza di tale processo.

Poiché la sentenza non era stata ancora rispettata, la Commissione ha inviato una lettera di costituzione in mora in data 8 maggio 2008, avvertendo l’Italia che un secondo ricorso avrebbe potuto determinare l’irrogazione di sanzioni pecuniarie. Il 16 marzo 2012 l’Italia ha infine trasmesso alla Commissione il piano di gestione dei rifiuti per il Lazio adottato il 18 gennaio 2012. In base alla valutazione del piano eseguita dalla Commissione, quest’ultimo è conforme alla legislazione dell’UE.

Sebbene si tratti di un primo passo importante, la Commissione si aspetta che le autorità garantiscano l’effettiva attuazione del piano. Nel suo complesso, la gestione dei rifiuti nel Lazio continua a destare preoccupazione, tra l’altro perché deve ancora essere creata una capacità sufficiente per l’adeguato trattamento dei rifiuti prima della messa in discarica; occorre ad esempio trovare rapidamente una soluzione per l’annunciata chiusura della discarica di Malagrotta nelle vicinanze di Roma, che attualmente opera in violazione della normativa dell’Unione (cfr. IP/12/538), pur tenendo conto delle preoccupazioni dei cittadini espresse in numerose denunce rispetto alla nuova posizione della discarica.

Per ulteriori informazioni sulla legislazione dell’UE sui rifiuti in generale:

http://ec.europa.eu/environment/waste/index.htm

Per statistiche aggiornate sulle infrazioni in generale:

http://ec.europa.eu/environment/legal/implementation_en.htm

http://ec.europa.eu/community_law/infringements/infringements_it.htm

Vedasi anche:

MEMO/12/464

Contatti:

Joe Hennon (+32 2 295 35 93)

Monica Westeren (+32 2 299 18 30)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website