Navigation path

Left navigation

Additional tools

Consultazione pubblica: stimolare la domanda di prodotti e servizi innovativi europei

European Commission - IP/12/620   19/06/2012

Other available languages: EN FR DE

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 19 giugno 2012

Consultazione pubblica: stimolare la domanda di prodotti e servizi innovativi europei

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica per conoscere l'opinione delle parti interessate e dei cittadini sulla possibilità di un'azione condotta a livello UE per promuovere l'innovazione industriale facendo leva sulla domanda.

I consumatori e i committenti pubblici non devono sottovalutare la loro capacità di stimolare l'innovazione industriale, ad esempio acquistando prodotti a minor consumo di energia e/o più rispettosi dell'ambiente. La Commissione desidera quindi raccogliere idee su possibili nuove misure e sui settori verso cui dirigere le future azioni dell'UE mirate a promuovere l'innovazione attraverso la domanda. L'obiettivo è di accelerare l'adozione delle innovazioni e di creare un ambiente più favorevole all'innovazione al fine di mantenere la catena del valore e gli investimenti delle imprese in Europa.

Antonio Tajani, vicepresidente e commissario europeo per l'Industria e l'imprenditoria, ha dichiarato: "L'innovazione non è solo il frutto dell'iniziativa di inventori, ricercatori e ingegneri. Anche l'innovazione trainata dalla domanda può contribuire in modo decisivo a rendere più competitiva l'industria europea e a farne il leader dell’innovazione per tutta una serie di prodotti industriali, dando al tempo stesso una risposta ai problemi della società. Abbiamo bisogno di idee per stimolare la crescita, perché questo è l'unico modo per uscire dall’attuale crisi economica."

La Consultazione è pubblicata qui

Per maggiori informazioni sui mercati guida/sull'innovazione incentrata sulla domanda

Contesto

L'Europa (a livello di UE, di Stati membri e di regioni) dispone ormai di una certa esperienza in fatto di politiche della domanda e le priorità politiche ed economiche sono evidenti, il potenziale effetto leva di queste politiche è in crescita ed altri settori potranno fruirne. Esiste tutta una serie di strumenti di intervento, che possono però essere perfezionati. Vi è la possibilità - ma anche la necessità - di adattare gli strumenti e i meccanismi di sostegno ad ogni singolo settore di mercato.

Queste idee si ritrovano nelle conclusioni del Consiglio europeo del 1° e 2 marzo 2012:

“Creare il migliore contesto possibile affinché gli imprenditori commercializzino le proprie idee e creino posti di lavoro e far sì che l'innovazione trainata dalla domanda diventi uno dei motori principali della politica europea in materia di ricerca e sviluppo

Ad esempio, se gli operatori del trasporto turistico si associassero per chiedere all'industria automobilistica di costruire autobus muniti di pannelli solari sul tetto, la produzione potrebbe avvenire su scala più ampia e a prezzi più contenuti. Autobus e pullman di questo tipo contribuirebbero non solo a ridurre le emissioni di CO2, ma anche ad indurre una domanda simile per furgoni e autovetture, consentendo la produzione di serie di autoveicoli innovativi su più vasta scala.

Le possibilità di far leva sulla domanda per sviluppare una politica dell'innovazione a sostegno dell'industria europea sono molte. In tempi di crisi sono necessarie misure che facilitino la trasformazione di idee innovative in nuovi prodotti e servizi commerciabili, creando posti di lavoro e stimolando la crescita in Europa. È opportuno garantire il buon funzionamento del mercato interno delle innovazioni.

La consultazione pubblica è aperta fino al 6 settembre 2012.

Referenti:

Carlo Corazza (+32 2 295 17 52)

Sara Tironi (+32 2 299 04 03)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website