Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 14 giugno 2012

Diritti dei passeggeri: “il negato imbarco ingiustificato dei passeggeri disabili è ancora un problema”, dichiara la Commissione

Molti passeggeri aerei disabili e a mobilità ridotta incontrano ancora problemi di negato imbarco ingiustificato e si vedono imporre altre richieste non corrette quando viaggiano. Dato che migliaia di atleti paraolimpici e di spettatori disabili si preparano a recarsi a Londra per i Giochi olimpici del 2012, la Commissione ha pubblicato alcuni orientamenti allo scopo di chiarire i loro diritti relativi ai viaggi in aereo.

Siim Kallas, Vicepresidente della Commissione, Commissario europeo per i trasporti, ha dichiarato: “Vivere da disabile è già abbastanza difficile e non dovrebbe diventare ancora più difficile quando si arriva in aeroporto”.

Gli orientamenti riguardano i viaggiatori in tutti gli aeroporti dell’UE e i voli dei vettori UE in ogni parte del mondo. Essi coprono anche i vettori non UE in entrata o in uscita dall’Europa.

L’obiettivo è chiarire le norme attualmente in vigore nell’UE sui diritti dei passeggeri nel caso di persone con disabilità e delle persone a mobilità ridotta nel trasporto aereo (regolamento (CE) n. 1107/2006). Vengono affrontati problemi presenti in 22 aree in materia di accesso al trasporto aereo senza discriminazioni.

I problemi principali riguardano:

1. La notifica anticipata

Gli orientamenti sottolineano l’importanza della notifica anticipata. Per consentire ai prestatori dei servizi (aeroporti e compagnie aeree) di provvedere all’assistenza richiesta, è essenziale che le persone con disabilità o a mobilità ridotta notifichino le loro esigenze almeno 48 ore prima dell’ora di partenza pubblicata.

2. I negati imbarchi ingiustificati

I passeggeri denunciano problemi ricorrenti in merito a negati imbarchi e a richieste incoerenti di certificati medici e che i passeggeri vengano accompagnati.

  • Certificati medici: gli orientamenti chiariscono che i certificati medici non dovrebbero, di norma, essere richiesti per coloro che hanno una condizione di disabilità stabile (ad esempio i non vedenti o le persone su sedie a rotelle).

  • Accompagnatori: gli orientamenti chiariscono che per i disabili autonomi, non è necessario essere accompagnati, tranne nel caso in cui vi siano requisiti di sicurezza specifici di cui il passeggero dovrebbe essere informato.

3. I problemi relativi alle attrezzature mediche per la mobilità

  • Attrezzature per la mobilità: gli orientamenti sottolineano che i passeggeri con disabilità e i passeggeri a mobilità ridotta sono autorizzati a tenere con sé due dispositivi di mobilità trasportati gratuitamente. Un passeggero che utilizza una sedia a rotelle elettrica è obbligato a notificarlo alla compagnia aerea con almeno 48 ore di anticipo. Gli orientamenti sottolineano inoltre che i cani da assistenza e guida riconosciuti devono viaggiare all’interno della cabina, a condizione che ne sia dato l’adeguato preavviso. Come per qualsiasi passeggero, le attrezzature sportive che non sono attrezzature per la mobilità devono rispettare le regole generali delle compagnie aeree in materia di bagaglio.

  • Ossigeno a bordo: i passeggeri che necessitano di ossigeno durante il viaggio devono notificarlo in anticipo. Gli orientamenti precisano che spetta alla compagnia aerea stabilire se i passeggeri possono portare il proprio ossigeno e la compagnia aerea non ha nessun obbligo di fornirlo. Tuttavia, tali informazioni devono essere rese chiaramente disponibili dalla compagnia aerea.

Nel commentare i nuovi orientamenti, il Vicepresidente Siim Kallas ha dichiarato: “La mia raccomandazione ai viaggiatori disabili è: se desiderate viaggiare più agevolmente, comunicate in anticipo il vostro arrivo.

E alle compagnie aeree e agli operatori aeroportuali, direi: i passeggeri disabili e a mobilità ridotta hanno generalmente bisogno della vostra assistenza. Questi orientamenti esistono per aiutarvi ad aiutarli.”

Yannis Vardakastanis, presidente del Forum europeo sulla disabilità, ha dichiarato: “Un’assistenza di qualità è importantissima per le persone disabili e viene affrontata positivamente negli orientamenti d’interpretazione delle norme. La Commissione europea ha scelto un’impostazione equilibrata, proteggendo gli interessi dei passeggeri disabili e a mobilità ridotta in maniera equa.

Xavier González, direttore generale del Comitato internazionale paraolimpico, organizzatore dei Giochi paraolimpici, ha dichiarato: "Accogliamo con soddisfazione le pubblicazione di questi orientamenti ed esprimiamo la speranza che gli aeroporti e le compagnie aeree in tutta Europa ne prendano immediatamente atto.

Come i numerosi passeggeri disabili che viaggiano quotidianamente, i nostri atleti sperimentano ogni giorno problemi inutili nel viaggiare negli aeroporti e con le compagnie aeree. Ciò non dovrebbe verificarsi in una società che si impegna a garantire l'uguaglianza dei diritti.

Quest'estate 4 200 atleti si recheranno a Londra per i più grandi giochi paraolimpici mai organizzati. La loro esperienza con le compagnie aeree e negli aeroporti potrebbe condizionare il loro giudizio sui giochi, indipendentemente dalla loro prestazione atletica."

Contesto

Nonostante la legislazione dell’UE sui diritti dei passeggeri, le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta, continuano a incontrare problemi quando viaggiano in aereo: mancanza o disparità di livello nella qualità del servizio in Europa; frequenti negati imbarchi ingiustificati o restrizioni nelle prenotazioni o nell’imbarco basati su motivi di sicurezza non chiari; incoerenze nel trattamento dei passeggeri che hanno bisogno di ossigeno medico a bordo; consapevolezza limitata dei passeggeri riguardo ai loro diritti; percentuale limitata (circa il 40%) della notifica delle necessità di assistenza prima della partenza, che è di importanza fondamentale per consentire ai prestatori di servizi di preparare l’assistenza richiesta; mancanza di un’applicazione armonizzata del regolamento da parte degli organismi nazionali responsabili dell’applicazione (ONA); e infine trattamento inefficace delle denunce.

Gli orientamenti si basano su una valutazione dettagliata del regolamento vigente relativo ai diritti delle persone con disabilità e delle persone a mobilità ridotta nel trasporto aereo (regolamento (CE) n. 1107/2006)1.

Gli orientamenti sono stati accuratamente discussi con tutte le parti interessate: autorità nazionali, settore aereonautico (compagnie aeree e organizzazioni aeroportuali) nonché associazioni di consumatori e utenti, in particolare quelli che rappresentano le persone disabili e le persone a mobilità ridotta.

Gli orientamenti contribuiranno a facilitare i viaggi aerei per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta e ad assistere i vettori aerei e gli aeroporti nel migliorare l’applicazione del regolamento. Essi inoltre assisteranno le autorità nazionali nel far applicare il regolamento, e forniranno un valore aggiunto reale all’incremento dei viaggi delle persone con disabilità e a mobilità ridotta previsto per i giochi paraolimpici.

Per ulteriori informazioni, cfr. MEMO/12/422.

Contatti:

Helen Kearns (+32 2 298 76 38)

Dale Kidd (+32 2 295 74 61)


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site