Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 7 giugno 2012

Snellire la disciplina delle successioni transfrontaliere: diventa legge il progetto della Commissione europea

Il Consiglio dei ministri della Giustizia dell’UE ha approvato oggi in via definitiva la proposta della Commissione di semplificare la disciplina delle successioni internazionali. Le proposte della Commissione europea alleggeriranno gli oneri legali in caso di decesso di un familiare proprietario di beni in un altro Stato membro. Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell’UE – che dovrebbe avvenire nel giro di qualche settimana – gli Stati membri avranno 3 anni per conformare la legislazione nazionale in modo che le nuove norme dell’UE in materia di successione producano i loro effetti.

Circa 12,3 milioni di Europei vivono in un altro Stato membro e ogni anno nell’UE si aprono circa 450 000 successioni internazionali, per un valore di oltre 120 miliardi di euro. La diversità delle regole che nei 27 Stati membri dell’UE attualmente disciplinano la competenza giurisdizionale e la legge applicabile creano problemi di natura giuridica per le famiglie in lutto” ha dichiarato Viviane Reding, Vicepresidente e Commissaria europea per la Giustizia. “L’odierna approvazione delle nuove norme europee da parte del Consiglio apporterà certezza del diritto per le migliaia di famiglie coinvolte nelle successioni internazionali.”

Con la decisione odierna si potrà giungere alla semplificazione della disciplina delle successioni internazionali, che prevede un unico criterio per determinare la competenza giurisdizionale e la legge applicabile a una successione transfrontaliera: la residenza abituale del defunto. Si permetterà inoltre ai cittadini di pianificare la successione in anticipo, in un quadro giuridico totalmente chiaro. L’approvazione apre inoltre la strada all’introduzione del certificato successorio europeo, che permetterà di far valere la qualità di erede o di amministratore testamentario in tutta l’Unione senza bisogno di ulteriori adempimenti. Il certificato migliorerà notevolmente la situazione attuale, in cui può essere molto difficile far valere i propri diritti, accelerando i procedimenti e riducendone i costi.

Contesto

Il 14 ottobre 2009 la Commissione ha proposto un regolamento per snellire la disciplina delle successioni internazionali (cfr. IP/09/1508), definendo la residenza abituale del defunto come unico criterio per determinare agevolmente la competenza giurisdizionale e la legge applicabile alla successione transfrontaliera. I cittadini residenti all’estero potranno tuttavia scegliere di sottoporre l’intera successione alla legge dello Stato di cui hanno la cittadinanza.

La commissione giuridica del Parlamento europeo e il Parlamento europeo in seduta plenaria hanno approvato una relazione sul progetto di normativa nel marzo 2012 (cfr. IP/12/209).

Per ulteriori informazioni

Commissione europea – Diritto di famiglia e successioni:

http://ec.europa.eu/justice/civil/family-matters/index_en.htm

Newsroom della direzione generale della Giustizia:

http://ec.europa.eu/justice/newsroom/index_en.htm

Homepage della Vicepresidente Viviane Reding, Commissaria europea per la Giustizia:

http://ec.europa.eu/reding

Contatti:

Mina Andreeva (+32 2 299 13 82)

Natasha Bertaud (+32 2 296 74 56)


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site