Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea – Comunicato stampa

Premio del patrimonio culturale dell'Unione europea/concorso Europa Nostra: annunciati i vincitori del "Grand Prix"

Bruxelles/Lisbona, 1º giugno 2012 – I nomi dei vincitori del premio del pubblico e dei sei vincitori del "Grand Prix" dell'edizione 2012 del Premio del patrimonio culturale dell'Unione europea/concorso Europa Nostra saranno annunciati questa sera a Lisbona nel monastero dos Jerónimos, alla presenza di Androulla Vassiliou, commissaria europea per l'istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù, e di Plácido Domingo, tenore di fama mondiale e presidente di Europa Nostra. Alla cerimonia partecipanno 1 200 persone, tra cui il presidente del Portogallo Aníbal Cavaco Silva e il principe Felipe e la principessa Letizia delle Asturie.

Ad aggiudicarsi il premio del pubblico, assegnato quest'anno a seguito di un sondaggio on line tra i 28 progetti vincitori (cfr. IP/12/254), sono le fortificazioni di Pamplona in Spagna. La giuria ha così motivato la sua scelta: "Le fortificazioni restaurate non sono più mura difensive, ma luogo di incontro e simbolo di unità per i cittadini e la città."

I sei progetti vincitori del Grand Prix (cfr. di seguito per le motivazioni della giuria) sono i seguenti:

Intervenendo prima della cerimonia, la commissaria Vassiliou ha osservato: "In questi dieci anni, il premio del patrimonio culturale dell'Unione europea/concorso Europa Nostra è diventato il riconoscimento più prestigioso del suo genere in Europa. Desidero ringraziare tutti i vincitori per l'impegno appassionato a tutela del nostro patrimonio culturale. Il mio ringraziamento va anche a Europa Nostra e alle giurie per il prezioso lavoro da esse svolto. Il premio si è rivelato uno strumento di sensibilizzazione molto efficace dei responsabili politici e dei cittadini sul valore del patrimonio culturale per la società e l'economia europee e sulla responsabilità che abbiamo di salvaguardarlo per le generazioni future. È per questo che intendiamo continuare a sostenere il patrimonio culturale attraverso il programma Cultura e il futuro programma Europa creativa."

Il presidente di Europa Nostra, Plácido Domingo, ha aggiunto: "I vincitori del premio rappresentano l'eccellenza, la passione e la dedizione. Sono ambasciatori perfetti della potenza della nostra "Europa creativa". Europa Nostra e la Commissione europea sono impegnate a realizzare appieno il potenziale del patrimonio naturale e culturale europeo, essenziale per la coesione sociale e per una crescita economica sostenibile in Europa."

Tutti e 28 i progetti vincitori saranno premiati nel corso della cerimonia a Lisbona.

Contesto

La cerimonia di premiazione si svolge con il patrocinio del presidente del Portogallo Aníbal Cavaco Silva, che prenderà personalmente la parola e del presidente della Commissione europea José Manuel Barroso, che ha inviato un videomessaggio. Riceverà gli ospiti Guilherme d'Oliveira Martins, presidente del Centro Nacional de Cultura. È dal 2002 che Europa nostra e la Commissione europea organizzano il Premio del patrimonio culturale dell'Unione europea/concorso Europa Nostra.

I 28 vincitori sono stati scelti tra i 226 progetti presentati da 38 paesi. La scelta finale è stata compiuta da giurie composte da esperti indipendenti di tutta Europa (cfr. IP/12/254). I vincitori riceveranno una targa o una coppa. I sei vincitori del "Grand Prix" riceveranno anche 10 000 euro ciascuno.

Il patrimonio culturale dà un contributo significativo e spesso sottovalutato alla crescita e alla creazione di posti di lavoro. Rappresenta una componente significativa dei settori culturali e creativi, che danno lavoro a 8,5 milioni di persone nell'UE e rappresentano fino al 4,5% del PIL europeo. Si stima che la spesa per la conservazione del patrimonio culturale da parte di enti pubblici e privati ammonti a 5 miliardi di EUR l'anno. Secondo i dati pubblicati dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici (OCSE), il 40% del turismo internazionale nel mondo è di matrice culturale. Il patrimonio culturale è anche una risorsa fondamentale per lo sviluppo sostenibile e la coesione sociale.

I premi godono del sostegno del programma Cultura dell'Unione europea, che dal 2007 ha investito 30 milioni di EUR per cofinanziare progetti nel settore del patrimonio culturale. Anche altri programmi finanziati dall'UE forniscono un loro apporto: dal 2007 il Fondo europeo di sviluppo regionale ha stanziato 3 miliardi di EUR per la protezione e la conservazione del patrimonio culturale, 2,2 miliardi di EUR per lo sviluppo di infrastrutture culturali e 775 milioni di EUR a sostegno di servizi culturali, mentre dal 1998 altri 150 milioni di EUR sono stati investiti grazie ai programmi quadro di ricerca e sviluppo tecnologico dell'UE.

Nota per i redattori

Europa Nostra è la voce del patrimonio culturale in Europa. Riunisce e rappresenta 250 organizzazioni non governative e senza scopo di lucro e ne sono membri almeno 5 milioni di cittadini di tutta l'Europa. Conta inoltre sul sostegno diretto di oltre 1 500 soci e di più di 150 autorità pubbliche e aziende. La sua vasta rete di operatori e di volontari è impegnata nella salvaguardia del patrimonio culturale europeo per le generazioni presenti e future.

La cerimonia di consegna dei premi a Lisbona avrà luogo in occasione del congresso annuale di Europa Nostra sul patrimonio culturale europeo. Uno dei temi del congresso di quest'anno è "Salvare il patrimonio culturale europeo in pericolo".

Il termine per la presentazione delle candidature per la prossima edizione del premio è il 1º ottobre 2012. La prossima cerimonia di premiazione è prevista ad Atene nel giugno 2013.

Videointervista

Videointervista alla commissaria Vassiliou sul programma Europa creativa e sul patrimonio culturale (raccolta da Wolter Braamhorst, Europa Nostra).

Per saperne di più

http://ec.europa.eu/culture

http://www.europanostra.org

MEMO/12/398

Media sociali:

Sito web di Androulla Vassiliou

Twitter: @VassiliouEU

twitter.com\europanostra

http://flickr.com/photos/europanostra

http://www.youtube.com/europanostrachannel

ALLEGATO

Motivazioni della giuria sui sei progetti vincitori del Grand Prix

Categoria 1 – Conservazione

The Averof building - School of Architecture, National Technical University (Palazzo Averof - Facoltà di architettura, Università tecnica nazionale), Atene, GRECIA

"Eccellente esempio di raffinato e complesso intervento di restauro e riqualificazione di un edificio che rappresenta una delle più importanti opere del neoclassicismo europeo, il cui progetto risulta direttamente influenzato dai monumenti dell'acropoli ateniese. Recuperata la sua qualità architettonica originaria, il palazzo Averof, dotato ora dei più idonei impianti tecnologici moderni, potrà senza dubbio continuare a svolgere la sua funzione di istituzione educativa, ovvero la funzione cui era stato originariamente destinato."

Number 2 Blast Furnace (Altoforno numero 2), Sagunto, SPAGNA

"La giuria rende omaggio all'intenso impegno volto a salvare questo monumento eccezionale e a consentire alle generazioni future di comprenderne il significato. Gli altiforni superstiti dell'industria siderurgica del XX secolo rappresentano una delle sfide più ardue per coloro che ritengono che una conservazione intelligente del patrimonio fisico di questa industria sia essenziale per la comprensione della comune storia europea; non va del resto dimenticato che carbone e acciaio hanno segnato l'avvio dell'Unione europea. Il restauro di questo altoforno degli anni '20 e la sua bellezza appena disvelata restituiscono l'orgoglio alla popolazione di una città sviluppatasi grazie alla siderurgia e ci consegnano un bene culturale unico e straordinario, di interesse per i cittadini di tutta l'Europa."

The Poundstock Gildhouse, Bude, Cornovaglia, REGNO UNITO

"La giuria, tra i molti e complessi progetti architettonici che è stata chiamata a valutare, ha con estrema emozione scoperto questo esempio di architettura vernacolare semplice, ma superbamente restaurata. Le case parrocchiali erano veri edifici pubblici che agli spazi funzionali, come le cucine e le sale di riunioni, univano, al piano superiore, un salone per i banchetti e le danze del villaggio. Ne sono sopravvissute poche. La Poundstock Gildhouse, dopo essere stata nel tempo utilizzata come scuola e ricovero per i poveri, è stata recuperata alla sua funzione originaria. La giuria ha espresso la sua ammirazione incondizionata per le tecniche tradizionali impiegate per restituire a nuova vita i muri di argilla e paglia, le finestre e il soffitto a volta con travi in legno."

Categoria 2 – Ricerca

Codice botanico di Augusto dell'Ara Pacis, Roma, ITALIA

"La giuria è rimasta colpita dalla raffinata ricerca interdisciplinare e dall'eccelsa qualità della pubblicazione. Il testo bilingue (italiano e inglese) rende l'opera ampiamente accessibile e fruibile. L'Ara Pacis di Roma fu costruita per la celebrazione del ritorno di Augusto da una spedizione pacificatrice nel 13 a.C. I fregi comprendono ricche e pregevoli composizioni di flora e fauna, che – come osserva l'autore – sono il frutto di un'attenta osservazione dal vero nelle campagne, non si riducono a mera decorazione ma esprimono un significato simbolico di rinascita e di inizio di una nuova era."

Categoria 3 – Impegno e servizi resi

Paraschiva Kovacs, Satu Mare, contea di Harghita, ROMANIA

"Da insegnante in una piccola realtà, Paraschiva Kovacs ha dedicato oltre 40 anni della sua vita a inventariare e conservare oggetti del passato, quali simboli del patrimonio immateriale per una comunità. Grazie all'impegno personale, al talento pedagogico, alle competenze professionali, alla forza di persuasione e all'entusiasmo contagioso, è da alcune generazioni sinonimo della creazione di un atteggiamento e un comportamento diversi nei confronti della conservazione della storia e del patrimonio del territorio. Esempio straordinario per quelle persone che, impegnate nell'ombra in tutta Europa, riescono senza grandi mezzi a compiere un'opera di sensibilizzazione circa l'importanza di preservare il passato a vantaggio del futuro."

Categoria 4 – Istruzione, formazione e sensibilizzazione

Improve a Heritage Site - Norwegian Heritage Foundation (Migliorare un sito del patrimonio - Fondazione norvegese del patrimonio), Vågå, NORVEGIA

"La giuria apprezza l'approccio pedagogico adottato da insegnanti che si impegnano con gli alunni più piccoli al servizio di siti del patrimonio culturale che altrimenti sarebbero stati lasciati al degrado e all'incuria. Attraverso operazioni di pulizia e recupero di piccoli punti di riferimento (landmarks) nei boschi, nei campi e in altre aree rurali, le nuove generazioni vengono coinvolte attivamente e acquisiscono consapevolezza nei confronti di tesori del loro patrimonio che a prima vista potrebbero non sembrare eccezionali, ma sono in realtà importanti per il paesaggio culturale. La collaborazione delle scuole con le autorità locali costituisce un esempio di buone pratiche a basso costo, degno di essere raccomandato agli istituti di istruzione di tutta Europa."

Contatti: Dennis Abbott (+32 2 295 92 58)

Dina Avraam (+32 2 295 96 67)

Per Europa Nostra:

Elena Bianchi: +31.70.302.40.58 eb@europanostra.org

Giuseppe Simone: +31.70.302.40.59 gs@europanostra.org


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website