Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea – Comunicato stampa

Trasporti: i piani di tariffazione stradale devono essere equi per tutti i conducenti

Bruxelles, 14 maggio 2012 - Oggi la Commissione europea ha pubblicato alcuni orientamenti che richiamano l'attenzione sul fatto che, ai sensi del diritto UE, i sistemi di tariffazione stradale non devono discriminare i conducenti stranieri. L'obiettivo è assistere gli Stati membri che stanno studiando la possibilità di introdurre nuovi sistemi di tariffazione per l'uso delle automobili private.

Il vicepresidente Sim Kallas ha dichiarato: "La non discriminazione è un diritto fondamentale in base alla normativa UE. Un cittadino britannico o francese deve poter attraversare la Slovenia o il Belgio con la stessa facilità di un conducente residente. I sistemi di tariffazione stradale devono essere trasparenti ed equi per tutti."

Situazione attuale

Sette Stati membri, l'Austria, la Bulgaria, la Repubblica ceca, l'Ungheria, la Romania, la Slovenia e la Slovacchia dispongono per le automobili private di sistemi di tariffazione con bolli calcolati in base al tempo. Il Belgio sta attualmente lavorando per introdurre il medesimo sistema, mentre i Paesi Bassi e la Danimarca hanno discusso l'introduzione di sistemi di tariffazione stradale, che includano anche le automobili private.

La direttiva UE "Eurobollo" contiene un elenco trasparente dei costi che possono essere addebitati ai veicoli pesanti, quali i costi dell'infrastruttura e delle esternalità come l'inquinamento atmosferico e acustico. Per le automobili private non esistono tali norme, tuttavia si applicano le disposizioni di base del trattato che vietano ogni discriminazione basata sulla nazionalità.

Nel corso degli anni, i sistemi di tariffazione per le automobili private hanno dato origine a numerose denunce alla Commissione da cui è emerso che alcune norme UE non sono state rispettate. Nel 1996 l'Austria è stata costretta a modificare il suo piano per un sistema di bolli dopo che Commissione europea ha affermato che rilasciare unicamente bolli annuali sarebbe stato ingiusto nei confronti degli automobilisti stranieri. Nel 2008 la Commissione ha avviato procedure di infrazione nei confronti della Slovenia, in quanto quest'ultima stava rilasciando unicamente bolli semestrali. Di conseguenza, le autorità hanno introdotto bolli settimanali.

Orientamenti della Commissione

La Commissione intende orientare gli Stati membri verso un sistema di tariffazione non discriminatoria.

1. La Commissione esprime una netta preferenza per il sistema di pedaggio basato sulla distanza percorsa poiché è intrinsecamente più equo e più efficace nel calcolo del prezzo rispetto ad un sistema di "bolli adesivi" basato sulla durata. I sistemi di bollo hanno maggiori probabilità di causare ingiustificati problemi per i conducenti esteri che transitano semplicemente attraverso un paese, se non sono progettati con particolare attenzione.

2. Se si utilizza un sistema di bolli basato sulla durata occorre rispettare determinate condizioni, ovvero:

(a) Bolli minimi a breve scadenza. Sono necessari, come minimo, bolli settimanali, mensili e annuali, disponibili per residenti e non residenti. È naturalmente più probabile che i bolli a breve scadenza vengano utilizzati da non residenti.

(b) Un "rapporto di prezzo medio giornaliero" accettabile. Il rapporto di prezzo medio giornaliero riporta il prezzo medio, espresso in prezzo giornaliero equivalente, pagata da un non residente (utilizzando il bollo a scadenza più breve, ad esempio settimanale) rispetto al prezzo pagato da un residente che utilizza il bollo a scadenza più lunga (ad esempio un bollo annuale). Cfr. tabella 1 sotto.

Sulla base dei sistemi attualmente in vigore, il prezzo medio giornaliero pagato da un non residente può variare da 2,5 a 8,2 volte il prezzo pagato da un residente. Questo valore sarebbe considerato il limite massimo di accettabilità. Per un confronto, il rapporto massimo consentito dalla direttiva "Eurobollo" dell'UE per gli autoveicoli pesanti adibiti al trasporto di merci su strada è 7,3.

Tabella 1. Prezzo medio giornaliero

Prezzo medio giornaliero 2012

(EUR)

 

Ungheria

Austria

Romania

Slovacchia

Bulgaria

Repubblica ceca

Slovenia

Bollo a scadenza più breve

 

€1,03

€0,80

€0,43

€1,00

€0,71

€1,24

€2,14

Bollo a scadenza più lunga

 

€0,41

€0,21

€0,08

€0,14

€0,09

€0,16

€0,26

Rapporto tra il bollo a scadenza più breve e il bollo a scadenza più lunga

 

2,5

3,8

5,6

7,3

7,7

7,6

8,2

Possono esistere ragioni obiettive per una maggiore tariffazione del bollo a breve scadenza, come i costi amministrativi più elevati, tuttavia tali costi devono essere giustificati e proporzionati.

(c) I non residenti dovrebbero poter accedere facilmente ad informazioni chiare relative ai diritti d'utenza. I non residenti dovrebbero avere diverse opzioni di pagamento, incluse stazioni di pagamento facilmente accessibili al confine, nonché mediante telefono e siti web. L'applicazione non deve concentrarsi esclusivamente sulle zone di confine.

Contesto – Diritti di utenza stradale

Spetta a ciascuno Stato membro decidere se introdurre diritti di utenza stradale, per quali veicoli (se del caso) e le modalità di pagamento. Fino ad oggi, alcuni Stati membri hanno scelto di usare un sistema di tariffazione stradale basato sulla distanza, mentre altri utilizzano un sistema basato su bolli autoadesivi con tariffe calcolate in base al tempo. Altri Stati non applicano alcuna tariffazione.

Una tabella indicante le tariffe attuali a carico degli automobilisti in sette Stati membri dell'UE che utilizzano il bollo è allegata al presente documento.

http://ec.europa.eu/transport/road/road_charging/charging_private_vehicles_en.htm

Per ulteriori informazioni, cfr. MEMO/12/322

Contatti:

Helen Kearns (+32 2 298 76 38)

Dale Kidd (+32 2 295 74 61)

Allegato

Attuali diritti di utenza stradale (bolli) per i veicoli passeggeri di ≤ 3,5 t nell'UE1.

2012

Austria

settimana (10 giorni)

2 mesi

anno

8 €

23,40 €

77,80 €

Bulgaria

settimana (7 giorni)

mese

anno

5 €

13 €

34 €

Repubblica ceca

settimana (10 giorni)

mese

anno

12,40 €

17,60 €

59,90 €

Ungheria

(sistema di bollo elettronico)

settimana (10 giorni)

mese

anno

10,30 €

16,60 €

148,90 €

Slovacchia

settimana (10 giorni)

mese

anno

10 €

14 €

50 €

Slovenia

settimana (7 giorni)

mese

anno

15 €

30 €

95 €

Romania

(sistema di bollo elettronico)

Veicoli leggeri privati e veicoli commerciali leggeri adibiti al trasporto di persone

settimana (7 giorni)

mese

3 mesi

anno

3 €

7 €

13 €

28 €

Veicoli commerciali leggeri adibiti al trasporto di merci

settimana (7 giorni)

mese

3 mesi

anno

6 €

16 €

36 €

96 €

I tassi di cambio applicati sono quelli in vigore al 27 febbraio 2012.

1 :

La tabella non contiene le aliquote per i motocicli e i rimorchi leggeri.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website