Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Sistema bancario ombra: intervenire per scongiurare nuove fonti di rischio nel settore finanziario

Commission Européenne - IP/12/253   19/03/2012

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea — comunicato stampa

Sistema bancario ombra: intervenire per scongiurare nuove fonti di rischio nel settore finanziario

Bruxelles, 19 marzo 2012 — Per trarre tutti gli insegnamenti possibili dalla crisi l'UE sta attuando riforme ambiziose della regolamentazione del settore finanziario in generale e di quello bancario in particolare, contribuendo così a creare un settore finanziario più forte e più solido al servizio dell'economia reale. Nell'ambito di tali riforme è giunto ora il momento di occuparsi delle attività creditizie non bancarie — il cosiddetto "sistema bancario ombra" — che rappresentano un settore in espansione rimasto finora ai margini della regolamentazione e vigilanza prudenziale. All'interno del sistema finanziario, il sistema bancario ombra svolge, in una certa misura, funzioni importanti, ad esempio creando ulteriori fonti di finanziamento e offrendo agli investitori alternative ai depositi bancari. Esso però può anche rappresentare una potenziale minaccia per la stabilità finanziaria di lungo periodo, a causa sia dell'accumulazione di fonti ignote di rischio nel settore finanziario sia delle sue potenziali ricadute sul normale sistema bancario.

In risposta agli inviti del G20, nel 2010 a Seoul e nel 2011 a Cannes, il Consiglio per la stabilità finanziaria (FSB, Financial Stability Board) sta mettendo a punto raccomandazioni sulla supervisione e la regolamentazione di queste entità e attività. La consultazione lanciata oggi sotto forma di Libro verde concreta la partecipazione attiva della Commissione agli attuali lavori dell'FSB.

Michel Barnier, Commissario per il Mercato interno e i servizi, ha dichiarato: "L'Unione europea ha dato prova di leadership a livello mondiale nell'attuazione di riforme ambiziose della regolamentazione finanziaria, in particolare nel settore bancario. Vogliamo assolutamente evitare che le attività ed entità finanziarie eludano le norme vigenti e previste causando l'accumulazione di nuove fonti di rischio nel settore finanziario: dobbiamo quindi comprendere meglio sia l'essenza e le attività effettive del sistema finanziario ombra sia il tipo e il livello di regolamentazione e vigilanza adeguate. Dobbiamo far luce su ogni comparto del sistema finanziario.".

Contesto

Nella definizione dell'FSB, il sistema bancario ombra è il sistema di intermediazione creditizia che riguarda entità ed attività al di fuori del normale sistema bancario. Fra tali possibili entità e attività si annoverano:

  • i fondi di mercato monetario (Money Market Funds, MMF) e altri tipi di fondi di investimento o di prodotti con caratteristiche analoghe a quelle dei depositi;

  • i fondi di investimento che forniscono credito o sono caratterizzati da effetto leva, compresi i fondi negoziati sui mercati (Exchange Traded Funds, ETF) e i fondi speculativi;

  • le imprese finanziarie e di titoli che, seppur non regolamentate al pari delle banche, forniscono crediti o garanzie su crediti o procedono alla trasformazione delle scadenze e/o della liquidità;

  • le imprese di assicurazione e riassicurazione che emettono o garantiscono prodotti creditizi;

  • le cartolarizzazioni e le operazioni su prestiti di titoli e pronti contro termine.

L'odierno Libro verde illustra come le misure dell'UE vigenti e proposte affrontino già la questione delle attività del sistema bancario ombra. I veicoli fuori bilancio quali le società veicolo, ad esempio, sono disciplinati indirettamente dalla regolamentazione bancaria, mentre l'attività dei gestori dei fondi speculativi è disciplinata direttamente dalla direttiva sui gestori di fondi di investimento alternativi, che tratta una serie di questioni inerenti al sistema bancario ombra. Inoltre, in alcuni Stati membri vigono a livello nazionale norme supplementari in tema di vigilanza delle entità e attività finanziarie non regolamentate dall'UE.

Sebbene la questione delle entità e attività del sistema bancario ombra sia già affrontata, in parte, grazie a tali misure, l'evoluzione continua di questo sistema e la nostra comprensione del fenomeno ci impongono di andare oltre. Scopo dei lavori attuali della Commissione è, in coordinamento con l'FSB, gli organismi preposti a stabilire le norme e le pertinenti autorità di vigilanza e di regolamentazione dell'UE, esaminare attentamente le misure vigenti e proporre un approccio atto ad instaurare una vigilanza globale sul sistema bancario ombra associata ad un quadro regolamentare adeguato.

In questo contesto la Commissione continua a vagliare opzioni diverse e iniziative nuove in cinque settori fondamentali: attività bancarie, gestione degli attivi, prestiti di titoli e pronti contro termine, cartolarizzazioni, altre entità del sistema bancario ombra.

Prossime tappe

S'invitano le parti interessate a rispondere alla consultazione anteriormente al 1° giugno 2012.

Una conferenza sul sistema bancario ombra è indetta per il 27 aprile a Bruxelles.

Tutte queste attività concorreranno a informare la posizione della Commissione sulla scena internazionale e la sua decisione sul seguito appropriato da darvi.

Si veda anche il MEMO/12/191

Per ulteriori informazioni

http://ec.europa.eu/internal_market/bank/shadow_banking/index_en.htm

Contatti:

Chantal Hughes (+32.2.2964450)

Carmel Dunne (+32.2.2998894)

Audrey Augier (+32.2.2971607)


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site