Navigation path

Left navigation

Additional tools

Commissione europea — comunicato stampa

Previsioni intermedie: area dell’euro in leggera recessione con segnali di stabilizzazione

Bruxelles, 23 febbraio 2012 — L'inatteso arresto della ripresa alla fine del 2011 dovrebbe proseguire nei primi due trimestri del 2012. Tuttavia, una modesta crescita è prevista nel secondo semestre dell'anno. Secondo le previsioni, nel 2012 la crescita del PIL reale su base annua dovrebbe rimanere invariata nell'UE (0,0%) e ridursi dello 0,3% nell'area dell'euro. L'incertezza rimane forte e diseguale è l'andamento nei vari paesi. Le previsioni relative all'inflazione per il 2012, riviste leggermente al rialzo rispetto all'autunno, a causa del persistere di prezzi elevati dell'energia e degli aumenti delle imposte indirette, indicano attualmente il 2,3% nell'UE e il 2,1% nell'area dell'euro.

Olli Rehn, Vicepresidente e Commissario responsabile per gli Affari economici e monetari, ha dichiarato: "Nonostante l'arresto della crescita, si intravedono segnali di stabilizzazione dell'economia europea. Il clima economico rimane a livelli bassi, ma le tensioni sui mercati finanziari si stanno allentando. Molte delle misure essenziali per garantire la stabilità finanziaria e creare le condizioni per una crescita più sostenibile e per la creazione di posti di lavoro sono state adottate. Con un'azione decisa possiamo superare la crisi e procedere dalla stabilizzazione allo stimolo alla crescita e alla creazione di posti di lavoro.".

Riviste al ribasso le previsioni di crescita per l'UE e per l'area dell'euro

A fronte dell'affievolirsi della spinta alla crescita e del persistere di bassi livelli di fiducia, nel 2012 il PIL reale dovrebbe restare invariato nell'UE (0,0%) e diminuire dello 0,3% nell'area dell'euro. Si tratta di una revisione al ribasso di 0,6 punti percentuali per l'UE e di 0,8 punti percentuali per l'area dell'euro rispetto alle previsioni d'autunno pubblicate il 10 novembre 2011. Se si esaminano i singoli Stati membri, il divario di crescita rimane pronunciato. Secondo le previsioni, nel 2012 la crescita del PIL dovrebbe essere negativa in nove paesi, rimanere invariata in uno ed essere positiva negli altri diciassette. I livelli più elevati di crescita saranno registrati in Lettonia, Lituania e Polonia e i livelli più bassi in Grecia e Portogallo.

Prospettive relative alla domanda interna e mondiale

Le prospettive sono condizionate da un'economia mondiale meno favorevole, e l'indebolirsi in atto della domanda mondiale peserà sulle esportazioni nette. La fiducia delle imprese e dei consumatori dell'UE è ancora a livelli bassi, nonostante il recente lieve miglioramento osservato dopo i segnali di stabilizzazione registrati nel settore finanziario. Politiche credibili nei paesi vulnerabili e il crescente riconoscimento dei continui progressi nell'affrontare la crisi del debito sovrano hanno contribuito a stabilizzare i mercati. Recentemente, per alcuni paesi, la percezione del rischio sovrano si è leggermente ridotta, ma i differenziali rimangono elevati e le condizioni creditizie per il settore privato sono diventate più restrittive. Mentre la situazione dei mercati finanziari dell'UE rimane fragile, e l'incertezza si fa ancora sentire pesantemente sugli investimenti privati e sui consumi, il rischio di una stretta creditizia è stato ridotto, in gran parte grazie alle misure di liquidità adottate dalla BCE. Inoltre, tenuto conto del calo della domanda, le condizioni creditizie non dovrebbero limitare gli investimenti e i consumi nel corso del periodo di riferimento. Nel complesso, si prevedono un graduale ripristino della fiducia e la ripresa degli investimenti e dei consumi nel secondo semestre del 2012.

L'inflazione si sta riducendo solo gradualmente

A causa del persistere di prezzi dell'energia elevati, l'inflazione è rimasta superiore alle previsioni d'autunno. Con l'inflazione di fondo stabilizzatasi a circa il 2% e i recenti aumenti delle imposte indirette che impediscono il rapido calo della pressione sui prezzi, l'inflazione generale IPCA1 ha registrato una riduzione più graduale del previsto. A causa del previsto calo dell'attività economica, l'inflazione dovrebbe continuare a ridursi lentamente nel corso del periodo di riferimento. Per l'intero 2012 il tasso di inflazione IPCA dovrebbe attestarsi al 2,3% nell'UE e al 2,1% nell'area dell'euro.

Valutazione del rischio

In un contesto di persistente incertezza, sulle prospettive di crescita dell'UE nel 2012 pesa il rischio di un andamento negativo. Se l'aggravarsi della crisi del debito sovrano dovesse determinare in ultimo una stretta creditizia e il crollo della domanda interna, ciò comporterebbe probabilmente una prolungata fase di profonda recessione. Tra le possibili evoluzioni con effetto di aumento sul PIL rientrano una ripresa della fiducia più forte del previsto e una domanda mondiale più resiliente, grazie ad esempio alla stabilizzazione del mercato degli alloggi negli Stati Uniti. Per quanto riguarda l'inflazione, i rischi sembrano nel complesso compensarsi. L'andamento al ribasso sarebbe soprattutto legato ad un calo del PIL più netto del previsto, che attenuerebbe a sua volta la sottostante dinamica dei prezzi. Effetti al rialzo potrebbero venire dall'interruzione dell'approvvigionamento di petrolio a causa di tensioni geopolitiche e da una domanda più forte del previsto da parte dei mercati emergenti, che potrebbero alimentare l'inflazione dei prezzi dei combustibili.

La relazione dettagliata è disponibile all'indirizzo:

http://ec.europa.eu/economy_finance/articles/eu_economic_situation/2012-02-23-interim_forecast_en.htm

Contacts :

Amadeu Altafaj Tardio (+32 2 295 26 58)

Vandna Kalia (+32 2 299 58 24)

Simon O'Connor (+32 2 296 73 59)

1 :

Indice dei prezzi al consumo armonizzato.


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website