Navigation path

Left navigation

Additional tools

Diritto societario europeo: quale futuro?

European Commission - IP/12/149   20/02/2012

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea – Comunicato stampa

Diritto societario europeo: quale futuro?

Bruxelles, 20 febbraio 2012 – La Commissione europea ha lanciato oggi una dettagliata consultazione sul futuro del diritto societario europeo. L’Europa ha bisogno di dotarsi di un quadro europeo sul diritto societario adattato alle esigenze della società di oggi ed all’evoluzione del contesto economico. Il diritto societario europeo ha svolto un ruolo essenziale nella costruzione del mercato unico. È adesso giunto il momento di verificare se le nuove esigenze trovano ancora risposta nel quadro giuridico esistente. È quindi stato lanciato on-line un documento di consultazione pubblica, per raccogliere le opinioni di tutte le parti interessate. Il termine per inviare i contributi scade il 14 maggio 2012.

Il diritto societario europeo prevede un insieme di norme comuni che garantiscono in tutta l’UE una tutela equivalente agli azionisti, ai creditori e ad altre parti interessate su cui ricadono gli effetti delle attività delle società. Il diritto societario è essenziale per garantire certezza giuridica e per proteggere i diritti dei consumatori. Ferma restando la necessità di rispettare le diverse tradizioni giuridiche e le diverse strutture societarie dei vari Stati membri, armonizzare le norme di base rende più facile per le società fornire servizi e prodotti a tutti i clienti nell’Unione. La crescita degli scambi commerciali transfrontalieri e lo sviluppo del commercio elettronico offrono molte opportunità alle imprese ed ai consumatori, ma rappresentano anche una sfida per il quadro di diritto societario in vigore. È questo il motivo per cui si impone una riflessione su come adattare il quadro esistente al nuovo scenario del 21° secolo. Le sfide di oggi, inoltre, ci impongono di guardare al diritto societario non solo da una prospettiva puramente giuridica, ma nel contesto più ampio del governo societario, della responsabilità sociale delle imprese e del ruolo chiave delle imprese per l’innovazione e la crescita.

Il Commissario per il Mercato interno e i servizi, Michel Barnier, ha dichiarato:Dare forma alla politica europea in materia di diritto societario è una sfida alla quale dobbiamo far fronte. Mettere ordine nel diritto societario agevola lo sviluppo delle imprese in tutta l’UE, a beneficio degli azionisti e dei clienti. Per il diritto societario lo scenario sta cambiando: dobbiamo pensare a come adattare il nostro quadro normativo nel migliore dei modi. È per questo che invito tutti gli interessati a rispondere alla consultazione pubblica lanciata oggi.

Qual è l’oggetto della consultazione pubblica?

Si richiede un contributo sia sull’orientamento generale del diritto societario europeo che su iniziative più specifiche che potrebbero essere previste in futuro. La consultazione riguarda i seguenti aspetti:

  • Obiettivi e campo di applicazione del diritto societario europeo – Quali dovrebbero essere i principali obiettivi del diritto societario europeo? Le norme vigenti sono in grado di far fronte alle sfide di oggi? In quali settori è necessaria un’ulteriore evoluzione? Qual è il rapporto tra diritto societario e governo societario?

  • Codificazione del diritto societario europeo - Sarebbe opportuno riunire le direttive esistenti in materia di diritto societario in un unico strumento, per rendere il quadro normativo più accessibile e di facile uso?

  • Il futuro delle forme giuridiche delle società europee – Quali sono i punti forti e i punti deboli delle forme giuridiche delle società europee? È necessario riesaminare le forme di società esistenti? Sarebbe opportuno vagliare strumenti alternativi?

  • Mobilità transfrontaliera delle società – Che cosa si può fare per agevolare il trasferimento transfrontaliero della sede di una società? Che cosa fare se una società di smembra in diverse entità transfrontaliere? Sarebbe opportuno un riesame delle regole sulle fusioni transfrontaliere?

  • Gruppi di società, ossia un insieme di società riunite sotto un’unica gestione o controllo – È necessaria un’azione dell’UE in questo settore?

  • Regime patrimoniale delle società europee – Sarebbe opportuno modificare e aggiornare i requisiti minimi in materia di capitale e le regole sulla salvaguardia del capitale?

Quali sono le prossime tappe?

La consultazione sarà aperta fino al 14 maggio 2012. Le risposte ricevute saranno analizzate e i risultati che ne emergeranno saranno sintetizzati e pubblicati in un documento di feedback. Successivamente saranno avviate eventuali azioni di follow-up.

Contesto

La legislazione europea vigente in materia di diritto societario include un numero molto elevato di direttive e regolamenti. L’armonizzazione del diritto societario europeo riguarda la tutela degli interessi degli azionisti e di altri interessati, la costituzione e il mantenimento del capitale delle società per azioni, le offerte pubbliche di acquisto, le informazioni sulle succursali, le fusioni e le scissioni, le norme minime per le società a responsabilità limitata con un unico socio, i diritti degli azionisti e gli aspetti correlati, quali la rendicontazione finanziaria e le norme contabili. Essa riguarda anche le diverse forme giuridiche europee, come la Società europea (SE), il Gruppo europeo di interesse economico (GEIE) e la Società cooperativa europea (SCE).

Nel 2011 la Commissione ha lanciato una consultazione pubblica analoga in materia di governo societario (cfr. IP/11/404). Si tratta di due settori strettamente correlati, dato che alcune regole di governo societario sono integrate nel diritto societario e che il diritto societario si occupa in larga misura di questioni di governo societario. Quindi, nell’interesse della coerenza, le possibili iniziative di follow-up in questi due settori saranno annunciate congiuntamente nella seconda metà del 2012.

Il testo della consultazione è disponibile al seguente indirizzo:

http://ec.europa.eu/yourvoice/ipm/forms/dispatch?form=companylaw2012

Per ulteriori informazioni: MEMO/12/119

Contatti:

Chantal Hughes (+32 2 296 44 50)

Carmel Dunne (+32 2 299 88 94)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website