Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 3 dicembre 2012

Agenda digitale: la Commissione propone norme per garantire a tutti l’accessibilità dei siti web degli enti pubblici

Le nuove norme proposte oggi dalla Commissione europea in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità, intendono rendere più semplice per oltre 100 milioni di cittadini dell’UE il ricorso a servizi pubblici online per cercare lavoro, per immatricolare un autoveicolo, per presentare la dichiarazione dei redditi e per chiedere il rilascio del passaporto o della patente di guida. La proposta di direttiva della Commissione relativa all’accessibilità dei siti web degli enti pubblici prevede, a partire dalla fine del 2015, l’introduzione di elementi di accessibilità obbligatori e uniformati a livello unionale per 12 tipi di siti internet. L’obbligo di accessibilità si applicherebbe a servizi pubblici fondamentali, quali la sicurezza sociale e i servizi sanitari, la ricerca di un lavoro, le iscrizioni universitarie e il rilascio di documenti e certificati (cfr. l’allegato per un elenco completo). Le nuove norme proposte chiarirebbero inoltre il significato di accessibilità del web (specifiche tecniche, metodo di valutazione, relazioni, verifica bottom-up) e incoraggerebbero le amministrazioni pubbliche ad applicare le norme in tutti i servizi, non limitandosi all’elenco obbligatorio.

I principali beneficiari della proposta odierna sarebbero gli 80 milioni di cittadini europei disabili e gli 87 milioni di cittadini europei di età superiore a 65 anni. Le persone affette da menomazioni visive potranno infatti ascoltare le descrizioni delle immagini utilizzando un lettore di schermo, i cittadini affetti da menomazioni uditive potranno leggere le didascalie dei file audio e tutti gli elementi di un sito internet potranno essere esplorati con tastiera e mouse.

Una volta attuata, la proposta odierna contribuirebbe a sviluppare un mercato europeo dell’accessibilità del web per un valore stimato a 2 miliardi di EUR. Tale mercato attualmente realizza solo il 10% del proprio potenziale. Le innovazioni generate dalla proposta miglioreranno l’utilizzo di internet per tutti gli utenti grazie a una maggiore funzionalità e ai minori costi per garantirla.

La vicepresidente della Commissione europea Neelie Kroes ha dichiarato: “Oggigiorno tutti noi dipendiamo virtualmente dall’accesso a internet per affrontare i vari aspetti della vita quotidiana e abbiamo tutti diritto a un accesso su base equa ai servizi pubblici online. La proposta potrà contribuire a concretizzare questo diritto, a creare migliori condizioni di mercato, più posti di lavoro e a ridurre i costi sostenuti dalle amministrazioni per rendere accessibili i propri siti.”

Ioannis Vardakastanis, presidente del Forum europeo delle disabilità, si unisce alla Commissione nell’incoraggiare i progressi: “Il Forum europeo delle disabilità plaude alle proposte legislative in materia di accessibilità dei siti web degli enti pubblici, che potranno contribuire a garantire i diritti di cittadinanza e l’accesso diretto ai servizi pubblici a 80 milioni di cittadini disabili e che rappresentano il primo passo verso l’eliminazione di tutti gli ostacoli che limitano l’accesso ai prodotti e ai servizi online nel mercato unico”.

Un’unica serie di norme in materia di accessibilità consentirebbe agli operatori di offrire i propri prodotti e servizi in tutta l’Unione, evitando difficoltà e costi di adattamento supplementari.

La proposta di direttiva sarà ora inviata al Consiglio dei ministri dell’UE e al Parlamento europeo ai fini della sua adozione.

Gli Stati membri dovrebbero adottare disposizioni legislative e regolamentari nazionali entro il 30 giugno 2014. Sono 21 gli Stati membri che già prevedono disposizioni legislative e regolamentari in materia di accessibilità del web, ma i progressi sono lenti.

Con la proposta odierna la Commissione ha attuato lazione 64 dell’Agenda digitale europea e l’articolo 9 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD).

Contesto

La situazione attuale dell’accessibilità del web negli enti pubblici è molto grave. Solo un terzo dei 761 000 siti internet degli enti pubblici europei è pienamente accessibile, sebbene siano disponibili soluzioni tecniche sviluppate anche con i finanziamenti dell’UE per la ricerca negli ultimi 15 anni.

Il concetto di accessibilità del web rimanda ai principi e alle tecniche cui attenersi nella costruzione di siti internet per rendere il contenuto di tali siti accessibile a tutti gli utenti, in particolare alle persone con disabilità1. In questo ambito esistono orientamenti riconosciuti a livello internazionale e neutri sul piano tecnologico: si tratta dei criteri di successo e dei requisiti di conformità al livello AA contenuti nella versione 2.0 delle Linee guida per l’accessibilità dei contenuti Web (WCAG 2.0) emanate dal World Wide Web Consortium (W3C). Nell’ambito del mandato M/376 conferito dalla Commissione europea è in corso di elaborazione una norma europea concernente l’accessibilità del web basata sulle suddette Linee guida che potrebbe essere disponibile già nel 2014.

Un esempio di ricerca finanziata dall’UE è il progetto WAI-Age, che ha analizzato le esigenze specifiche degli utenti anziani ed è stato integrato nel riesame delle WCAG 2.0.

La Commissione collaborerà con i governi, le imprese e le organizzazioni del settore, come il Forum europeo delle disabilità, per mettere a frutto gli impegni in atto e le spese nazionali già stanziate a favore dell’accessibilità dei siti web degli enti pubblici, nonché per accelerare l’adozione e l’attuazione di queste norme fondamentali.

Per ulteriori informazioni

Ulteriori informazioni sull’accessibilità dei siti web degli enti pubblici

Commissione europea – Persone con disabilità:

Indagine Eurobarometro – Atteggiamento verso l’accessibilità nell’UE:

Sito Internet dell’Agenda digitale

Sito Internet di Neelie Kroes

Neelie Kroes su Twitter

Contatti:

Ryan Heath (+32 2 296 17 16), Twitter: @RyanHeathEU

Linda Cain (+32 2 299 90 19)

Allegato 1

Siti internet che rientrano nell’ambito di applicazione della proposta di direttiva dell’UE relativa all’accessibilità dei siti web degli enti pubblici

  • Imposte sul reddito: dichiarazione, notifica di accertamento

  • Servizi di ricerca lavoro da parte degli uffici di collocamento

  • Contributi di sicurezza sociale: indennità di disoccupazione, assegni familiari, spese mediche (rimborso o pagamento diretto), borse di studio

  • Documenti personali: passaporto o patente di guida

  • Immatricolazione di autoveicoli

  • Domanda di licenza edilizia

  • Denunce alla polizia, ad esempio in caso di furto

  • Servizi delle biblioteche pubbliche, ad esempio cataloghi e strumenti di ricerca

  • Domanda e rilascio di certificati di nascita o di matrimonio

  • Iscrizione a istituti di insegnamento di livello superiore o università

  • Avviso di trasferimento di residenza

Servizi sanitari: indicazioni interattive sulla disponibilità di servizi, servizi online per pazienti, prenotazioni.

1 :

In base alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, per persone con disabilità si intendono coloro che presentano durature menomazioni fisiche, mentali, intellettuali o sensoriali che in interazione con barriere di diversa natura possono ostacolare la loro piena ed effettiva partecipazione nella società su una base di uguaglianza con gli altri.


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site