Navigation path

Left navigation

Additional tools

Previsioni d'autunno 2012-14: navighiamo ancora in acque agitate

European Commission - IP/12/1178   07/11/2012

Other available languages: EN FR DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 7 novembre 2012

Previsioni d'autunno 2012-14: navighiamo ancora in acque agitate

Le prospettive a breve per l'economia dell'UE restano precarie, sebbene si preveda un graduale ritorno alla crescita del PIL per il 2013 e un ulteriore rafforzamento nel 2014.

Su base annua, nel 2012 il PIL subirà una contrazione pari allo 0,3% nell'UE e allo 0,4% nella zona euro mentre per il 2013 ci si aspetta una crescita allo 0,4% nell'UE e allo 0,1% nella zona euro, con un tasso di disoccupazione ancora molto alto in tutta l'UE.

I gravi squilibri interni ed esterni accumulati negli anni precedenti la crisi sono in via di riduzione, ma il processo continua a pesare sulla domanda interna di alcuni paesi e l'attività economica varia sensibilmente tra gli Stati membri. Parallelamente, la competitività persa nel primo decennio dell'UEM in alcuni Stati membri si va gradualmente ripristinando: si prevede un progressivo aumento delle esportazioni che si coniuga con l'inizio di una ripresa degli scambi mondiali. Gli ulteriori progressi registrati nel consolidamento delle finanze pubbliche sostengono questo processo di riequilibrio.

Le riforme strutturali varate dovrebbero iniziare a tradursi in risultati nel periodo coperto dalle previsioni e i passi avanti compiuti nell'architettura dell'UEM continuano a rafforzare la fiducia: si dovrebbe così spianare la strada ad un'espansione maggiore e più equamente ripartita nel 2014. Secondo le stime, nel 2014 il PIL aumenterà dell'1,6% nell'UE e dell'1,4% nella zona euro.

Olli Rehn, Vicepresidente e Commissario per gli Affari economici e monetari e l'euro, ha dichiarato: "L'Europa sta affrontando un processo difficile di riequilibrio macroeconomico, che si protrarrà ancora per qualche tempo. Le nostre proiezioni indicano un graduale miglioramento delle prospettive di crescita in Europa a partire dai primi mesi del prossimo anno. Importanti decisioni prese a livello politico hanno gettato le fondamenta del rafforzamento della fiducia. Le tensioni nei mercati si sono ridotte ma non c'è margine per l'autocompiacimento: l'Europa deve continuare a coniugare solide politiche di bilancio con riforme strutturali per creare le condizioni di una crescita sostenibile che riduca la disoccupazione, i cui livelli sono ancora troppo elevati."

Nel 2013 una ripresa modesta

Dopo la contrazione registrata nel secondo trimestre 2012, non si prevede una ripresa dell'attività economica prima della fine dell'anno; la crescita del PIL è stimata ad un livello assai modesto nel 2013, con un leggero consolidamento nel 2014. Le esportazioni nette continueranno a contribuire alla crescita, ma la domanda interna dovrebbe restare debole nel 2013 e riprendere solo nel 2014, poiché è ancora rallentata dalla riduzione del credito in atto in alcuni Stati membri e dalla riallocazione delle risorse nei vari settori. Il processo avrà ripercussioni concrete sul mercato del lavoro. Nel 2013 la disoccupazione dovrebbe raggiungere il picco attestandosi appena sotto l'11% nell'UE e il 12% nella zona euro, ma con ampie differenze tra gli Stati membri.

Anche se basso nell'insieme dell'UE, il costo del denaro varia sostanzialmente da uno Stato membro all'altro. Le recenti decisioni prese a livello politico hanno allentato le tensioni ma le difficoltà in alcuni comparti del settore bancario e la debolezza dell'economia continueranno a gravare sull'erogazione del credito.

Negli ultimi trimestri i prezzi dell'energia e gli aumenti delle imposte indirette sono ancora stati il principale motore dell'inflazione dei prezzi al consumo nell'ultimo semestre; tuttavia, le pressioni sottostanti sui prezzi interni sono state contenute e l'inflazione è prevista in calo sotto il 2% nel corso del 2013.

Il risanamento di bilancio avanza

Il risanamento di bilancio avanza: secondo le previsioni, nel 2012 i disavanzi pubblici diminuiranno al 3,6% nell'UE e al 3,3% nella zona euro. Le informazioni disponibili sui bilanci per il 2013 indicano un risanamento continuato, anche se un po' più lento, con stime di disavanzi pubblici nominali pari al 3,2% del PIL nell'UE e al 2,6% nella zona euro. La tendenza si riflette anche nei miglioramenti strutturali del saldo di bilancio, che nell'UE sono previsti pari ad 1,1 punti percentuali del PIL nel 2012 e a 0,7 punti percentuali nel 2013, mentre per la zona euro si prevedono rispettivamente 1,3 e 0,9 punti percentuali. Il debito delle amministrazioni pubbliche nel 2012 si attesta al 93% del PIL nella zona euro e all'87% del PIL nell'UE. Per il 2013 si prevede un aumento del debito al 95% del PIL nella zona euro e all'89% nell'UE, che però dovrebbe stabilizzarsi in seguito.

Gli interventi decisivi a livello nazionale e dell'UE e i progressi realizzati nel riformare il quadro istituzionale dell'UEM hanno ridotto i rischi di un peggioramento delle prospettive di crescita. Quanto alla situazione occupazionale, se evolvesse in peggio rispetto alle proiezioni si ripercuoterebbe sulla fiducia e sulle prospettive di crescita futura. D'altra parte, date le recenti decisioni prese a livello politico, le tensioni sui mercati finanziari nell'UE potrebbero allentarsi più rapidamente e la fiducia riemergere più forte del previsto, con conseguente impatto positivo sulla domanda interna. I rischi riguardanti le previsioni in materia di inflazione sembrano nel complesso compensarsi.

La relazione dettagliata è disponibile al seguente indirizzo:

http://ec.europa.eu/economy_finance/eu/forecasts/2012_autumn_forecast_en.htm

Contatti:

Simon O'Connor (+32.2.2967359)

Audrey Augier (+32.2.2971607)

Vandna Kalia (+32.2.2995824)


Side Bar

My account

Manage your searches and email notifications


Help us improve our website