Chemin de navigation

Left navigation

Additional tools

I dettaglianti adottano provvedimenti volti a prevenire gli sprechi di prodotti alimentari

Commission Européenne - IP/12/1088   10/10/2012

Autres langues disponibles: FR EN DE DA ES NL SV PT FI EL CS ET HU LT LV MT PL SK SL BG RO

Commissione europea

Comunicato stampa

Bruxelles, 10 ottobre 2012

I dettaglianti adottano provvedimenti volti a prevenire gli sprechi di prodotti alimentari

I commercianti al dettaglio si sono impegnati a realizzare azioni volontarie in materia di prevenzione degli sprechi, particolarmente nell’ambito dei prodotti alimentari. Al Retail Forum svoltosi ieri a Bruxelles hanno confermato che continuano ad essere convinti della necessità di passare ad un’economia efficiente nell’impiego delle risorse, nonostante la complessità della situazione economica. Passando in rassegna gli obiettivi di sostenibilità che si erano fissati nei settori chiave in anni precedenti, ad esempio quello di incrementare le vendite di prodotti ecologici, hanno constatato progressi notevoli.

Janez Potočnik, Commissario per l’ambiente, ha dichiarato: “Gli sprechi di prodotti alimentari sono da bandire sotto il profilo economico, e lo sono anche sotto il profilo morale. Per questo motivo la Commissione si è impegnata a dimezzare gli sprechi di prodotti commestibili entro il 2020. I commercianti al dettaglio, che entrano in gioco nel momento in cui i consumatori prendono le decisioni d’acquisto, svolgono un ruolo essenziale, anzi hanno una responsabilità nell’orientare i consumatori verso scelte più sostenibili. I dettaglianti dovrebbero essere i pionieri della diffusione dell’economia verde con interventi graduali che vadano oltre le soluzioni di facilità. Oggi constatiamo che vanno nella direzione giusta nella lotta contro gli sprechi alimentari.”

Poiché rappresentiamo il maggior numero di dettaglianti europei, continueremo ad innovare su scala globale, che è la dimensione necessaria a garantire un’economia più verde. La nostra ambizione è accordarsi sul concetto di impronta ecologica dei prodotti, in modo da migliorare le prestazioni della catena di approvvigionamento e comunicare ancora più efficacemente con i nostri clienti a proposito della sostenibilità dei prodotti”, ha dichiarato Dick Boer, presidente della European Retail Round Table (tavola rotonda europea per il commercio al dettaglio, ERRT).

Questi esempi evidenziano che, nonostante la crisi, i commercianti incoraggiano i clienti a passare ad uno stile di vita più sostenibile. La sfida, nella vendita al dettaglio, consiste nel rendere la scelta sostenibile la scelta più facile per i consumatori, e noi, per quanto possibile, saremo al loro fianco” ha dichiarato Dame Lucy Neville-Rolfe, presidente di EuroCommerce.

I dettaglianti presenti al Forum si impegnano ad attuare specifiche azioni ambientali volte a contribuire alla sostenibilità dei consumi e all’efficienza delle risorse. Gli impegni ambientali assunti sono aumentati del 30% in un anno e sono ormai più di 500, suddivisi in 3 categorie (“cosa vendiamo”, “come vendiamo” e “comunicazione”).

Quest’anno 19 membri del Forum hanno presentato iniziative proprie in materia di rifiuti, si sono impegnati ad effettuare campagne di sensibilizzazione relative ai rifiuti e di prevenzione e riduzione degli sprechi alimentari. La presente iniziativa viene ad integrare le pertinenti politiche dell’UE in materia di rifiuti previste nella tabella di marcia per un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse, ad esempio, dimezzando i rifiuti alimentari commestibili entro il 2020, facendo dei rifiuti una risorsa ed eliminando praticamente la messa in discarica. I firmatari dell’iniziativa riferiranno in merito ai risultati conseguiti alle future riunioni del Retail Forum.

Gli impegni assunti dai membri del Forum riguardano sempre più l’aumento dei prodotti sostenibili negli scaffali dei dettaglianti, ad esempio frutti di mare della pesca sostenibile, tessili, prodotti biologici e prodotti del commercio equo e solidale, nonché prodotti del legno e della carta certificati. Nel corso dell’evento annuale 2012 sono state evidenziate numerose realizzazioni basate su buone pratiche. Ad esempio IKEA è riuscita a riciclare fino all’86% dei rifiuti dei propri negozi e ha sviluppato progetti sostenibili che coinvolgono 100 000 agricoltori nel settore del cotone nei paesi fornitori. C & A in 3 anni ha raddoppiato le vendite di cotone biologico e l’anno scorso ha raggiunto i 32 milioni di articoli. Molti rivenditori hanno ampliato la gamma di pesce proveniente da fonti sostenibili, ad esempio il gruppo Metro, mentre il gruppo REWE ha fornito ai consumatori informazioni circostanziate sulla delicatissima questione dei residui dei pesticidi negli ortofrutticoli.

Contesto

Il Retail Forum è stato lanciato nel marzo 2009 come piattaforma multilaterale volontaria. L’adesione è aperta a tutti i commercianti al dettaglio che fanno parte del Retailers’ Environmental Action Programme (REAP) nonché alle organizzazioni della società civile. Il Forum è stato realizzato al fine di agevolare il dialogo tra la Commissione europea, i commercianti al dettaglio e le principali parti interessate, con l’obiettivo di sviluppare una migliore comprensione delle misure pratiche necessarie a promuovere la sostenibilità dei consumi.

Per ulteriori informazioni:

Retail Forum:

http://ec.europa.eu/environment/industry/retail/index_en.htm

Tabella di marcia per un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse:

http://ec.europa.eu/resource-efficient-europe/

Contatti:

Joe Hennon (+32 2 295 35 93)

Monica Westeren (+32 2 299 18 30)


Side Bar

Mon compte

Gérez vos recherches et notifications par email


Aidez-nous à améliorer ce site